lunedì 21 marzo 2011

Alla scopelta delle miglioli Console di fabblicazione cinese


Inutile lamentarsi dell'invasione. Ché ce l'avevano detto di non bagnarli e di non farli mangiare dopo la mezzanotte, ma no, sono così carini, che vuoi che succeda. E adesso siamo invasi dai cinesi e dalle loro imitazioni sopraffine da maestri manufattori. Ormai vicini al punto di rottura, ben rappresentato da una situazione paradossale in cui i cinesi cominceranno a fabbricare cinesi taroccati, la nostra società è in ginocchio.
Ma a noi della società in ginocchio non ce ne frega niente, quindi ci limiteremo a viaggiare nel magico mondo delle console contraffatte che, spesso, hanno proprietà così favolose e pezzenti che nemmeno quelle originali.

Plus: Come potete vedere il colore del blog è tornato nero. Questo perché sono stato minacciato di cause legali con oggetto la cecità incombente di molti visitatori del blog. La mia risposta è stata (e rimane) quella di andarci più leggeri con Kelly Brook e i lavori amanuensi, ma loro hanno insistito che la colpa era del bianco sparaflashante del mio blog... sigh...


Notare il posizionamento del bottone Reset, ad alto rischio di
Bestemmiosità.

Iniziamo dalle portatili? Iniziamo dalle portatili.
Il Dr.Boy (già dal nome capite l'importanza rispetto allo scialbo Game Boy: questo è laureato) vi arriva a casa con SETTANTASEI giochi pre-installati e un cavo per collegarlo alla vostra tv. Anche quelle accaddì, così da poter godere della meravigliosa resa grafica dei titoli.

Cosa c'è di Value in questo pack?

La POP Station (Value pack, attenzione) vi offre la possibilità di giocare con cinque giochi pre-installati, in tutti i loro magnifici colori: rosso, verde, blu e basta.
Fortunatamente, come potete vedere dall'immagine che segue, le batterie sono tecnologicamente avanzate e settano nuovi standard laddove le batterie al litio stanno fallendo per la poca autonomia con gli ultimi apparecchi.

Tre belle stilo e passa la paura!

Temo proprio che lo schermo superiore rimanga spento...

Questa piccola console assolutamente originale e per niente copiata da una cerca console Nintendo con due schermi di cui uno tachscriin, presenta invero un'idea geniale: ogni volta che si vuole cambiare gioco, bisogna smontare e sostituire lo schermo di sotto. Che è una soluzione molto, molto più comoda che non cambiare la sola cartuccia.

Inquietante quando sia realizzata bene la pistola rispetto
al resto della paccottiglia...

Il vero colpo di genio, però, lo si raggiunge con l'Advance Boy. Sì, perché nella scatola di una console portatile cosa ti vanno a infilare? Un PAD e una PISTOLA!
Ora, considerando che quella pistola, visto il losco mercato in cui gira 'sta roba, potrebbe pure essere vera (e avrebbe di certo un'utilità maggiore che provare a sparare in uno schermo più piccolo della canna stessa) come gli è venuto in mente di inserire un pad? Come diavolo dovrei giocare impugnando il pad e la console portatile contemporaneamente? Ma sopratutto, PERCHE', visto che contano lo stesso numero di tasti?

Nintendo compatible...

Ma abbandoniamo le console portatili al loro triste destino e salutiamo il Nintendo GVC, che però non è Nintendo. In pratica, sapendo di non poter chiamare NES questo clone, i nostri amici contraffattori hanno pensato bene di mantenere almeno una parte del nome. Quella della casa di Kyoto.
Immancabile la pistola, presentata in un elegante nero opaco.

THE POLYMACHINE!

La Polystation (o meglio, una delle tante Polystation, che pare sia un nome proprio figo e di moda nella terra del riso) era decisamente avanti con i tempi. Questo concentrato tecnologico, come ci fa sapere la stessa confezione, "It's just not a game anymore", cioè, volendo soprassedere sulla costruzione della frase un po' traballante, probabilmente ci vuole stupire con caratteristiche rivoluzionarie.
Su quel marchio per niente pacchiano e che vorrebbe essere dorato ma risulta una specie di giallo ocra davvero sgradevole, è scritto qualcosa del tipo: "Built in 10000000 in 1 games". Dieci milioni di giochi all'interno...

La mancanza della pistola è più che grave e ci fa protendere per quest'altro gran bel pezzo di hardware con omaggio:

E se preferissi Goku?

Magic Box "The Amazing Game Machine", si presenta decisamente meglio. Anzitutto contiene all'interno una pistola, e poi come potete vedere da voi, un simpatico omaggio: il vostro guerriero preferito di Dragon Ball. GRATIS!
Plus: tutta una serie di bandierine completamente casuali infilate sotto l'immagine della console. Ché fanno amicizia internazionale.

Io ci avrei infilato anche Microsoft

Se siete i soliti tipi indecisi che non sanno mai da quale parte della barricata schierarsi, vi viene in aiuto quest'ulteriore Polystation (vi avevo avvisato che andava di moda...). Come potete vedere dall'immagine, la console è firmata da Polystation stessa, da Nintendo e da Namco. Inoltre porta la dicitura Digital Stereo. E contiene, come potete verificare dall'immagine in alto a sinistra, l'indispensabile pistola.

Polystation 2: "It's just not just not a game anymore"

Prima di passare all'attuale generazione di console fasulle, diamo uno sguardo a quella passata. Polystation 2 è il seguito naturale della prima Polystation. Come vedete la scatola conserva la stessa filosofia illustrativa laterale che ci espone le caratteristiche della console in una elegante banda rossa. Il nome è stato abbreviato -per fare più gggiovane- in Poly2.
Non ci è dato sapere se la confezione contiene una qualche arma da fuoco.

ODDIO! I MIEI OCCHI!

La sicurezza a proposito della pistola ce la da Million Star Corp GameBox, clone brutto della già brutta di per sé prima xbox. Se pensavate che verde e nero insieme fossero accoppiati male, non vi resta che fare dietro front, cacciarvi due dita in gola e sboccare di fronte al blu e al rosso (con ciliegina verde) di quest'imitazione.

Dice: e il Gamecube? Il Gamecube, triste dirlo, non se l'è inculato nessuno, non si sono nemmeno sprecati a farne qualche riproduzione pezzente. Peccato.

Elegante. Integra addirittura sulla console la barra sensore.

Il Vii è la copia spudorata controparte della Wii.
Voi vi chiederete: cos'ha in meno (o in più) della console Nintendo? I giochi di sport cellà? Il telecomandino che segue i movimenti cellà? La pistola cellà? Gli attrezzi per gli sport cellà?

Cellà

Notare l'ergonomia dei pad.

Magari voi siete tra quei pezzenti che giocano ancora con l'Xbox 360. Sveglia! Ma lo sapete che è uscita la X80000? Oh: OTTANTAMILA!
E c'ha pure la pistola. Lo sapevate?

E se non volessi più giocare al calcio?

L'immancabile Polystation 3, a differenza della sorellona costosa non ha nemmeno bisogno di una televisione per funzionare. No. Lei il suo schermo ce l'ha incorporato ed è meglio del vostro pannello accaddì full treddì a led. Notare il posizionamento PEZZENTE delle scritte sulla scocca nera dove, tra l'altro, la S è chiaramente una Z.

In chiusura vorrei segnalarvi un prodotto sicuramente nuovo e sicuramente mai visto. Oh, io una cosa del genere non l'avevo mai nemmeno immaginata. E poi c'ha la pistola.

SUPER MEGAFIGLIO QUATTRO!

12 commenti:

  1. e c'hanno pure la pistola ah fa!!!!!
    e io che me so comprato la PS3 della sony senza pistola?

    RispondiElimina
  2. Tutti stronzi. Ma oggi dove vai senza una pistola?

    RispondiElimina
  3. Vorrei fare una menzione ad una grande esclusa da questa superba lista di altrettanto superbe console: la mitica Power Player Super Joy (I, II e III) spacciata, ehm venduta anni or sono dall'intramontabile Roberto Artigiani!
    Figuratevi che era così avanti che si faceva concorrenza da solo con un altro clone della stessa Power Player Super Joy, il Mega Power!

    RispondiElimina
  4. Ah dimenticavo... la pistola cellà!

    RispondiElimina
  5. Grande ennio ne sai. Mi ricordo anche la televendita con conseguente incitamento ad "armare" il bambino con la pistola.

    RispondiElimina
  6. Questo è quello che se nasci in brasile e non sei milionario puoi aspettarti dal mondo videoludico (significato anche delle inquietanti bandierine sotto le scatole) si lo so che doveva essere un post di ridere ma io rido delle disgrazie dei paesi poveri.

    RispondiElimina
  7. No basta esigo una POLYSTATION con la mia cazzo di pistola!!!

    RispondiElimina
  8. Ok, il significato delle bandierine potrai pure averlo trovato... ma Vegeta?

    RispondiElimina
  9. La pistola è fondamentale. Guarda bene che non ti fregano e magari non te la mettono.

    RispondiElimina
  10. piccoli gangster crescono X°D comunque la Polystation ha fatto un successone se è arrivata addirittura alla 3!!

    RispondiElimina
  11. Io voglio vedere che inventano col 3ds. Ho già paura.

    RispondiElimina
  12. Questo post mi fa venire da piangere, vedere pezzi di storia rovinati cosi, manco fossero poveri in Cina tacci loro.. T_T
    Comunque l'Advance Boy vince su tutto, mi immagino i bambini cinesi a giocare con tutto su una mano X°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°D
    Per la Poly Station non sò cosa dire, hanno raggiunto l'apice con lo schermo Full HD sulla 3..
    La pistola invece è sensato metterla ovunque, lo sai che figata giocarci a Grand Chinese Auto?

    RispondiElimina

Condividi!