venerdì 29 aprile 2011

Sotto la maschera... niente, ovvero: le eroine fumettose più Patapon di sempre (parte VI)


Sapete che abbiamo quasi finito pure le Patapon? Che qui andare, andare, ma prima o poi il materiale finisce. Quest'oggi, rimandando i pianti e le mani attaccate alle sottane per gli addii, alla prossima volta, analizziamo il magico mondo delle cattive made in Marvel (con una media voto spaventosa). Come farete caso alcuni nomi grossi mancheranno (tipo Mystica, o tipo Mockbird, o tipo la simpatica Emma Frost) ma sono state già inserite nelle puntate precedenti. In questo appuntamento: tettone di colore, GILF e decedute. Così tanto per aumentare un po' le chiavi di ricerca per i malati mentali che approdano sul blog. [...]

giovedì 28 aprile 2011

Shadowland. La terra dei cachi.


Quartier generale Marvel Comics. Joe Quesada, direttore editoriale della nota casa fumettistica, è in ufficio a farsi i cazzi suoi. Leggendosi un fumetto DC e cercando di carpirne i segreti, proprio mentre qualcuno bussa alla porta. Tre colpi veloci, affrettati. Dall'impercettibile tremolio del suono si potrebbe intuire che il tizio che sta bussando non ha la mano ferma. Sta tremando di brutto.
"Avanti!" fa Joe.
Entra un tipo magrolino, con gli occhiali grossi sul naso allungato a mo' di muso canino. Ha un tablet stretto contro il petto, come a voler nascondere quello che lo schermo sta visualizzando.
"Credo... credo che dovrebbe dare un'occhiata a 'Panino al salame'" dice il tizio.
Joe, convinto che il blog si chiamasse "Panino al cazzo", cerca di non far intuire la sorpresa, quindi prende il tablet (che il magrolino gli affida con un po' di timore) e comincia a leggere. E' il post su "Il ritorno di Bruce Wayne".
Quando ha finito, fissa lo sguardo risoluto sugli occhi del giovanotto, al di là delle lenti degli occhiali. "Chiama i nostri peggiori artisti", dice. "Ci finiamo pure noi su panino al ca- salame."
Il tipetto fa un paio di passi timidi verso la porta, poi si volta verso il capo e sorride. "E' quello che penso?"
"Si dia inizio a Shadowland, signori" risponde Joe. (SPOILER INSIDE) [...]

mercoledì 27 aprile 2011

L'angolo delle nostalgie canaglie (Parte VII)


"Well, eccoci ancora insieme amici" per questa settima parte delle nostalgie canaglie. Prima o poi il momento sarebbe dovuto arrivare. Questa per un po' sarà l'ultima puntata della serie principale, concedendosi uno spin off settimana prossima tutto dedicato ai Piccoli Brividi. Per questo vi prometto un'ultima puntata coi controgatti.
Se avete suggerimenti per nostalgie a cui non ho dato voce scrivete pure tra i commenti, oppure inviandomi una mail (che trovate nel profilo, sulla colonnina a destra).
E ora, "Mamma butta la pasta!" [...]

martedì 26 aprile 2011

Portal 2: quel gioco coi portali un sacco bello


Articolo pensato e scritto per Indieforthemasses ([un sito in manutenzione che più in manutenzione non si può] ecco il perché del tono insolitamente più serioso).

Aspetta, fammi capire. Eri sfruttata a mo' di cavia da laboratorio in una misteriosissima corporazione che eseguiva strani test di logica sugli esseri umani per conto di una cinica intelligenza artificiale che poi sei riuscita a distruggere grazie all'utilizzo di una pistola sperimentale in grado di creare varchi dimensionali che ti hanno permesso di avere la meglio su...GlaDOS, giusto? Ok, e quindi sei scappata, no? E allora che ci fai ancora lì? […]

venerdì 22 aprile 2011

Sotto la maschera... niente, ovvero: le eroine fumettose più Patapon di sempre (parte V)


La ruota gira e ci riporta a venerdì. Quello di oggi è un appuntamento particolare: perché oggi finisco il materiale sui vendicatori e la prima puntata fu al centro di scandali, telefonate intercettate, complotti e fischi dagli spalti. Quindi oggi devo in qualche modo rendere giustizia alla restante scuderia delle donne vendicatrici.
E poi, prima di iniziare, volevo dedicare questa puntata a un uomo che ha pianto e ha richiesto a gran voce la presenza di una donna in questa rubrica, da ormai cinque settimane: Aucool, finalmente, dall'Argentina, Sharon Carter è qui! (Cioé, è infondo, però c'è... giuro che 'sta volta c'è!) [...]

giovedì 21 aprile 2011

Le fatality piùbellissime del nuovo Mortal Kombat


Oggi, 21 aprile duemilaundici, esce il nuovo Mortal Kombat... e 'sti cazzi! No, dai, facciamo le persone serie. Che forse (= sicuramente) Mortal Kombat nove (o Mortal Kombat e basta com'è stato rinominato senza un motivo preciso e senza una numerazione assennata) non lo comprerò, ma il marchio rimane uno di quelli storici che mi hanno fatto crescere a teste mozzate e arpioni nel petto. E certe cose non si dimenticano.
Per festeggiare l'uscita di questo nuovo capitolo, il sottoscritto si è studiato i video delle donnine porche vestite come i personaggi femminili del gioco tutti i video delle nuove fatality e oggi vi ripropone quelle che secondo lui sono le dieci piùmiggliori del gioco. Roba che dopo aver visto l'articolo potreste pure non comprarlo più. Tanto il bello ormai è andato.

Plus: Sì, dai: metto anche i video delle donnine porche vestite come i personaggi femminili del gioco.

mercoledì 20 aprile 2011

L'angolo delle nostalgie canaglie (Parte VI)


Siamo agli sgoccioli. Nel senso che la mega lista dei bei ricordi si sta esaurendo. E' un'immagine così triste da riconciliare con la morte ma è anche una triste verità. Prima o poi tutto finisce, figurarsi i ricordi.
Passata questa botta di allegria (ciao Mike), direi però di gustarci intanto i post che rimangono. Forse due, forse tre, non lo so vediamo quanto riesco a raschiare dal fondo barile. Oggi, però, vi prometto una puntata col botto piena di robottini parlanti, macchinine per bambini che "da grande voglio fare il meccanico" e sorprese mai gradite [...]

martedì 19 aprile 2011

I cazzi vostri: le (folli) tag di ricerca con cui arrivate sul blog


Tutto questo era nell'aria da tempo. Come la primavera che inizia e poi smette e poi ricomincia. Però senza la febbre per lo sbalzo di temperatura.
In realtà i veri autori di questo post siete voi. Non voi amici del cuore che avete il sito tra i preferiti (in alto, più in alto di tutti gli altri siti!) ma nemmeno quegli altri amici, quelli un po' pezzenti che ogni volta per approdare sul blog cercano "panino al salame blog" su google. No.
I veri protagonisti di questo post sono i partner occasionali, quelli che cercano qualcosa (e davvero qualsiasi cosa) su google e finiscono qua per sbaglio. E, visto che tra le tag di ricerca ce ne sono alcune ben oltre il livello "zeniale", l'omaggio migliore che posso pensare per i loro autori è dedicargli questa giornata.
E' per voi, ragazzi. Per i sedici che hanno cliccato su "Panino al cazzo"! [...]

lunedì 18 aprile 2011

Nicholas Cage e il super potere della monoespressione


Sicuramente conoscerete tutti il signor Nicholas Kim Coppola, in arte Nicholas Cage, per meriti artistici dovuti alla sua sfolgorante carriera d'attore del cinematografò. Però forse non tutti sapete che ieri, il nostro Nicola, è stato arrestato, ingabbiato, bevuto, in seguito a una megarissa famigliare in cui ha picchiato sua moglie e alla successiva, poco simpatica, sbroccata alle forze dell'ordine accorse sul posto. Poi vabé, ha pagato una cifra cospicua ed è stato liberato ma non ci interessa. (Lo sapevate che Nicola ha un figlio? Un figlio che ha chiamato Kal-El? Kal-El Coppola!!!)
Passiamo però alle cose serie: direttamente dagli albi d'oro degli annali del cinema, analizziamo il superpotere del padre del futuro Superman: la monoespressione.

Plus: All'interno le foto di Nicola che picchia la moglie e che viene portato via dalla polis.

domenica 17 aprile 2011

Limitless: "So mejo io"


Ce l'avete voi quell'amico insopportabile, capace di restare notti sveglio (in una stanza, pregando per uscir) ad allenarsi in qualcosa a cui l'avete appena battuto? Che proprio non ci sta e DEVE essere meglio di voi, meglio del meglio e poi piùmmeglio ancora? Dai, quel tipetto che non sai mai se raccontargli una cosa o meno perché potrebbe prenderla come sfida personale e poi sono catzi.
Limitless è la storia di un tipo normale che diventa questo famoso archetipo dell'amico rompicazzo.
Ho pensato a lungo a come fosse giusto strutturare il post, poi ho realizzato che la cosa migliore è raccontarvelo per filo e per segno. Quindi mi sembra inutile precisare che tutto ciò che segue è spoiler [...]

venerdì 15 aprile 2011

Sotto la maschera... niente, ovvero: le eroine fumettose più Patapon di sempre (parte IV)


Dopo l'insuccesso clamoroso della terza parte, in cui chicchessia (gente mala) s'è permesso di lamentarsi (perché tutto a un tratto non s'è più sentita la bella del quartierino e) per la presunta scarsa qualità del cast scelto, si ritorna più cattivi di prima.
Molto più cattivi visto che stavolta il tiro si sposta sulle malvagie donnine che militano nei ranghi delle malvagie donnine della DC comics.
Sperando che questa selezione accurata di materiale possa accontentare un po' tutti (oh, a me sembra ottima come composizione, abbiamo tutto: dalla simil Tigra alla gatta con gli stivali), leggi: sperando che Ennio non si lamenti -perché il suo giudizio di esperto è molto importante-, direi che possiamo iniziare. [...]

giovedì 14 aprile 2011

Otamatone: l'oggetto inutile piùbbello di sempre


Ci credete al colpo di fulmine? Sì? No? Forse?
Si chiama ancora colpo di fulmine quanto scatta per qualcosa anziché per qualcuno?
E allora dai, chiamiamolo pure così questo strano sentimento che è l'ammore verso un esserino musicale.
Otamatone è un oggetto fottutamente giapponese in una scala da zero a Mai dire Banzai, ed è, a tutti gli effetti, uno strumento musicale.
Certo, ora voi vedete questa bestiola dalle sembianze vagamente riconoscibili in qualche decina di milioni di esseri puccettosi vomitati fuori dalla terra del Sol Levante (un po' Locoroco, un po' Elektroplankton [con cui condivide la passione per la musica], un po' Pikmin) ma cos'è che lo rende speciale? A parte il fatto di essere bellissimo dico [...]

[Post Mortem] Amnesia: The Dark Descent


Post Mortem
, come se il titolo in sé non fosse già abbastanza inquietante.
Sottotitolo: un gioco spaventoso come Platinette senza parrucca.
O con, ché tanto non cambia niente.
Fare una recensione di Amnesia, oggi, quattordiciaprileduemilaundici, a sei mesi dall'uscita, sarebbe piuttosto inutile. Allora questo è un Post Mortem, cioè un "late to the party" però macabro.
Se non è una recensione, che stiamo facendo?
Parliamo, io e te, amico da casa che adesso con lo sguardo perso e la bocca spalancata guardi il pc e domandi "a meeeee?", vagamente meravigliato.
Sì, proprio a te che non hai ancora comprato Amnesia.
Vieni qua, più vicino... stamme a sentì [...]

mercoledì 13 aprile 2011

L'angolo delle nostalgie canaglie (Parte V)


Sto sul pezzo. Alle otto e venti minuti sono già qua che aggiorno il blog.
Ho sviluppato qualche superpotere legato all'insonnia? Avevo qualche appuntamento importantissimo a cui non potevo mancare? Devo per caso andare a lavorare e\o all'università? O sarà stata piuttosto tutta quella pizza mangiata a tradimento ieri sera? L'ultima. Decisamente l'ultima.
Ok, finito l'angolo dei cazzi miei, oggi, come ogni mercoledì, si parla di ricordi: giocattoli, programmi, quisquilie dei tempi che furono.
Siamo arrivati ormai alla quinta parte, quindi sapete bene com'è che funziona tutto l'ambaradam, comprese le lacrime immolate al ricordo e il ditino puntato sul monitor quando i vostri ricordi riprendono forma (oggi è subito poesia!) [...]

martedì 12 aprile 2011

Il Megapost di Portal 2: tutto ciò che il viral marketing ha partorito


Quant'è che manca? Dieci giorni? Dai facciamo dieci, cioè mettiamo tipo duecentoquaranta ore all'uscita del seguito di uno dei titoli più geniali degli ultimi anni. A pensarci bene, è un mucchio di tempo.
Come al solito mamma Valve è avara di screens, particolari, news. Solitamente darei la colpa a Gabe Newell, lo chiamerei cicciabbomba e lo odierei per sei-sette intensi minuti.
Però stavolta -badabam!-, a ridosso dell'uscita, Valve ti fa uscire un mucchio di roba.
La cosa incredibile è che 'sta cosa del viral marketing funziona: nel senso che hanno alzato il livello di hype del sottoscritto a livelli preoccupanti. Specie il webcomic, ché si sa: sono vulnerabile ai fumetti! [...]

lunedì 11 aprile 2011

Quei meravigliosi personaggi dei comics che (chissà perché) oggi non ci sono più


Siamo sempre qua (in realtà sarei io, però cerco di rendere la cosa comunitaria) a insultare i comics di oggi: e Batman è una pezzentata, e Tony Stark che dimentica è una zingarata, e Shadowland (ci arriveremo, eccome) è una ciofega... ma siamo tanto sicuri che una volta l'inventiva fosse più florida? Cioè, no, ho sbagliato a porre la domanda: alla luce di quanto vedrete in questo post, l'inventiva era MOLTO ma MOLTO più florida. Perfino troppo.
Quello che volevo dire è: "Si stava meglio quando si stava peggio?"
C'è questo sito: superdickery.com che raccoglie un sacco di vignette meritatevoli e, come potrete intuire dal resto del post, una lista di superpoteri e supereroi stupidi ma che più stupidi non si può. Scorrendo la lista dei "Stupor Power", potreste trovare... (oltre al "Bat Repellente per Villain-Donne" in apertura) [...]

venerdì 8 aprile 2011

Sotto la maschera... niente, ovvero: le eroine fumettose più Patapon di sempre (parte III)


Diciamoci la verità: da quando ho pubblicato la raccolta ufficiale di immagini scosciate delle eroine dei fumetti, il blog ha avuto un'impennata di visite.
Dice: "Ma no, dai, è un caso". No. La seconda parte di "Sotto la maschera niente", ha il triplo delle visite settimanali degli altri post. Ma dai è un caso. No.
Tra le parole più ricercate con cui si approda al blog, ci sono "black canary figa"; "Wonder Woman" e, un attualmente misteriosissimo: "fiche afroamericane". Quindi...
Ma vista la mia gioia per l'evidente gradimento verso l'argomento (anche se lasciare commenti [pure con una mano sola, eh!] o iscriversi ai lettori [di lato, dove sta scritto segui], sarebbe gradito) qua si continua a oltranza!
E 'sta settimana il caso vuole che la nostra attenzione sia catalizzata tutta su parte (eh sì perché tutte era davvero troppo considerata l'esistenza del fottio di gruppi vendicativi che esistono, quindi ci sarà un'altra puntata dedicata a loro) delle donne che hanno militato nei Vendicatori! [...]

giovedì 7 aprile 2011

Il ritorno di Bruce Wayne: la Bat-storia più cialtrona che abbia mai letto.


Questo articolo di sputtanamento andava scritto tre mesi fa. Quando tutto è iniziato. Quando comprando il numero 43 del mensile di Batman ho visto in copertina un tizio con un pipistrello in testa che picchiava scimmie. Andava scritto subito dopo aver letto quel numero, pieno di "Come imparo a essere uomo adesso?" o "Strappo cervello da sua testa e mangio crudo" e invece no. Sempre questa storia della fiducia nel futuro... un giorno mi rovinerà.
"Il Ritorno di Bruce Wayne" era una storia pezzentissima già nel primo numero e poi ha continuato a esserlo. E oggi, arrivati alla terza parte su sei (SEI! Altri tre numeri così!), quindi a metà storia, le cose come stanno andando? Male. Malissimo. [...]

mercoledì 6 aprile 2011

L'angolo delle nostalgie canaglie (Parte IV)


Un post che ha rischiato seriamente di non vedere la luce. L'avvenuta dipartita dell'hard disk in cui tenevo la lista dei giocattoli ha fatto sì che la lista stessa diventasse un ricordo canaglia...
Allora che si fa? Si lascia perdere tutto e si deludono le centinaia di migliaia di ex-bambini che capitano sempre qua a vedere il post dei giocattoli (e che andrebbero messi in punizione perché non si sono ancora iscritti al blog)? Ce l'ho davvero un cuore così nero da distruggere i ricordi di migliaia di fanciullini da un metro e ottanta che si piazzano davanti allo schermo a dire: "Ehi, questo ce l'avevo pure io!"? Eh? Ce l'ho il coraggio? No.
E allora dai recessi della mia memoria a proposito della famosa lista (e prima che possa recuperarla o redigerla di nuovo) ecco qua la quarta parte del nostro viaggio. Sta volta in compagnia di un amico a me molto caro! [...]

martedì 5 aprile 2011

I giapponesi in: "Kanamara Matsuri, una festa discutibile"


Si tiene tutti gli anni a Kawasaki, la prima domenica d'Aprile (quindi proprio durante la domenica appena passata). E' una festa in cui si festeggia la fertilità... venerando degli enormi falli, mangiando leccornie a forma di fallo, facendo foto sorridenti con giganteschi falli di legno che nemmeno fossero dei VIP (anche se tante volte la differenza è labile).
E' una festa squisitamente giapponese in una scala da zero a quei filmini zozzi giapponesi in cui la tipa mette la mano in una scatola e fa finta di non sapere che c'è dentro. Che tutto sommato, a 'sto punto, visto l'andazzo del Kanamara Matsuri mi tocca ridimensionare parecchio. [...]

Plus: per evitare battute idiote sia da parte del sottoscritto, sia nei commenti, le sparerò tutte qui: "Che festa del cazzo"; "Una festa coi contro cazzi"; "Che cazzo di festa"; "Che cazzoni"; "Che cazzata"; "E 'sti cazzi! (Martellone style); "Fallo!"; "Fallo da dietro!"; "Che glande festa", ecc ecc...

lunedì 4 aprile 2011

Boris: Il film. Motoreeeiiiiiiiih.....


Il film comico più triste che abbia mai visto. O il film amaro più divertente che abbia mai visto. Fate voi, la differenza è praticamente nulla.
Boris: il film, è composto da due ingredienti fondamentali: la parte comica e la parte satirica\critica\amara.
Chi non ha visto il film penserà: "Bella novità, Boris è sempre stato così", però questa volta è diverso.
Forse è perché su grande schermo fa tutto un altro effetto, o forse è perché il film restituisce davvero quel senso di "impotenza" verso un certo tipo di cinema che non può essere sconfitto.
E se Renè si ribellasse? E non ci aveva già provato nell'ultima stagione? E quant'è poco italiano questo film? [...]

venerdì 1 aprile 2011

Sotto la maschera... niente, ovvero: le eroine fumettose più Patapon di sempre (parte II)


Ritorna la rubrica per tutti i maschietti con gli ormoni al posto giusto e le femminucce con gli ormoni al posto sbagliato ma che ci piacciono lo stesso.
Oggi, primo aprile, la tradizione vorrebbe che organizzassi uno scherzo con i controcosi e che vi portassi a crederci per poi rivelarvi a sorpresa la natura goliardica dello stesso. Visto però che personalmente non credo più in NIENTE di quello che succede il primo aprile (ma proprio a livello maniacale: la mia risposta base, oggi, è: "Non è vero"), non farò niente di simile. Niente pesce, mi dispiace (qua ci starebbe bene pure una bella battuta di natura zozza sul pesce e sull'invece contenuto del post).
Allora, visto che l'altra volta abbiamo preso in esame le Zizz-woman degli X-men, oggi passiamo al materiale DC e, più precisamente, alle femmine che hanno militato nella Justice League o nella Justice Society. [...]

Condividi!