lunedì 31 dicembre 2012

Stanley Kubrick e me - Di Filippo Ulivieri e Emilio D'alessandro (plus auguri di buon anno)


Vorrei utilizzare questo post di fine anno per ringraziare tutti gli amici che hanno frequentato il blog, siete stati -e siete- il motore che manda avanti questo progetto, e poi per raccontarvi di un libro che mi sono regalato per Natale e che ho ho letto voracissimamente in questi giorni.
Non vi nascondo che è un periodo in cui la passione del cinema s'è accesa forte e ne sto approfittando per fagocitare film a ritmo sostenuto e per leggere libri sull'argomento.
Questo Stanley Kubrick e me mi ha incuriosito da subito, sia perché ho una venerazione speciale per Kubrick, sia perché la storia di Emilio D'Alessandro sembrava incredibile: un ragazzo che dalla ciociaria italiana diventa l'assistente personale (e il miglior amico) di uno dei registi più grandi della storia. [...]

lunedì 24 dicembre 2012

Paper Mario Sticker Star - Come rovinare il Natale a un bambino di ventisei anni


Sì, ci si era salutati nello scorso post e ci si era augurati un buon Natale con tanto di abbracci. Questo post è un po' come quella pubblicità del Mon Chéri col tipo che torna a prendere le chiavi, si mangia l'ultimo cioccolatino e devasta una famiglia, però dovevo scriverlo. Poi alla fine ci salutiamo ancora una volta.
Capita che una persona compri una console perché aspetta l'arrivo di un gioco, no? Capita, nel senso che a ogni giocatore è successa una cosa simile. A me è successo recentemente con il 3DS e Paper Mario: atteso per mesi, desiderato e ricercato, Sticker Star era IL gioco per Nintendo 3DS secondo chi vi scrive. Poi, finalmente, i primi giorni di questo dicembre funesto, segnato dalle ombre scure dei maya, finalmente il gioco è uscito nei negozi. Il pollo qui presente l'ha acquistato, nonostante tutti i campanelli di allarme che le recensioni internazionali avevano scatenato (se ne parlava in maniera sospettosamente simile a quel modo un po' viscido utilizzato per New Super Mario Bros 2). Il risultato? Un disastro.

giovedì 20 dicembre 2012

I cazzi vostri: le (folli) tag di ricerca con cui arrivate sul blog (tredicesima puntata)


Torna, a grande richiesta del pubblico, la rubrica che ha cambiato la faccia di internet. La rubrica che ha svelato al mondo che, in fondo in fondo, cerchiamo tutti su Google cazzi, culi e tette, oltre che una serie di domande esistenziali che nemmeno Gigione.
I cazzi vostri è la rubrica nella quale si analizzano i tag di ricerca tramite i quali la gente comune finisce, chissà come cazzo di come, su Panino al Salame. Tag di ricerca veri, perché c'è davvero gente che cerca queste robe su Google. Tenetevi forte, perché questa puntata rimarrà nelle vostre menti così tanto da farvi dimenticare l'imminente fine del mondo.
A proposito, se non dovessimo sentirci prima di lunedì, un buon Natale a tutti, cari lettori, non vi perdete la replica di Una poltrona per due. [...]

martedì 18 dicembre 2012

Il fight club del libro - Ritorno al grande sonno


Che è l'abbiocco cosmico che mi sono beccato da un po' di tempo a questa parte. Un periodo di apatia generale per quasi tutto. Proprio non ci siamo, amici. Guarirà con l'atmosfera magica del Natale? Si spera. Nel frattempo sto guardando un numero indecente di film al giorno e sto scrivendo un altro romanzo che, speriamo, vedrà la luce nei primi mesi del prossimo anno. Vogliamo crederci.
La lettura procede anche questa a rilento, complice anche qui lo stordimento sensoriale di cui sono vittima, però ancora procede con un ritmo decente. [...]

lunedì 17 dicembre 2012

Lo Hobbit - Un viaggio inaspettato: come li riempiamo tre film? (contiene spoiler)


(Ci sono gli spoiler!)
Come li riempiamo tre film?

Ma devono essere per forza tre? Dico, guarda che per riempirne tre dobbiamo inventare proprio un sacco di roba e, non lo so, usare i mezzucci più grevi che uno sceneggiatore potrebbe mai utilizzare. Guarda che bisogna andare a pescare dalle appendici e...

Pesca da dove ti pare, anche da Shrek se necessario, ma qua dobbiamo sbigliettà, dobbiamo fa' i soldi. E poi lo sai che se fai una roba fantasy e non è una trilogia sei un povero sfigato, no? No, dimmi, ci vogliamo far parlare dietro perché stiamo tirando fuori meno di nove ore da un libro facile facile di trecento pagine?

mercoledì 12 dicembre 2012

Far Cry 3 - Turista fai da te


Far Cry 2 era il male. Voglio urlarlo al mondo perché è giusto così. L'ho comprato e restituito nel giro di una giornata dopo aver preso l'autobus in un videogioco. L'autobus. In. Un. Videogioco. Roba che io pur di non prendere i mezzi nella mia vita sarei capace di farmi investire e farmi scarrozzare da un'ambulanza in giro per Roma. L'ho preso come un affronto personale, ecco.
Far Cry 3, forte di una raddrizzata al tiro, mi ha convinto da subito, con quei paesaggi da cartolina, l'assenza dei mostri (dai, i mostri, sul primo Far Cry, echeccazzo) e la veste grafica che spacca il culto, mi ha convinto a dargli un'occasione. E dai, che ho fatto davvero bene. [...]

venerdì 7 dicembre 2012

Ni No Kuni: La minaccia della strega cinerea - La demo (col Magico Lucciconio)


Bisogna mettere le mani avanti e dire che io di questo Ni No Kuni non ne sento il bisogno. Così, tanto per chiarire le cose, che per me l'era d'oro dei jrpg è finita da un pezzo. Posto questo, c'è da dire che la collaborazione di Level 5 (praticamente tra le poche software house a produrre ancora jrpg di qualità e il Professore più simpatico della storia) e Studio Ghibli (dai, li conosciamo tutti: Totoro, Il castello errante di Howl, La città incantata e via dicendo) è quantomeno interessante ed eleva Ni No Kuni dalla matassa dell'anonimato. Ora, Sony, simpatica, s'è data affanno per preparare una versione dimostrativa del gioco che uscirà a fine Gennaio in esclusiva sulla sua console. E io quella demo, sotto invito dei magici amici della pagina Facebook di Panino al Salame, l'ho provata giusto poco fa. [...]

mercoledì 5 dicembre 2012

Now Playing - Primordia e The Walking Dead Assault


Ne ho scritto su altri lidi, ma mi dispiaceva non parlarne anche su Panino, perché sono titoli che meritano di essere segnalati anche qua, a casa mia. Quindi diciamo che posso inaugurare questa simpatica rubrichetta nella quale scrivere all'acqua di rose i giochi che ho giocato ma che, per motivi molto vicini a: "sono dieci volte che ne scrivo non ne posso più", non troverebbero uno spazio adeguato. Protagonisti di oggi sono Primordia, la nuova avventura grafica dei Wadjet Eye games, e The Walking Dead Assault, l'ennesima iterazione dell'avventura di Rick e soci, questa volta sbarcati su iPhone e iPad. [...]

martedì 4 dicembre 2012

The Walking D(h)ead(shot) - il mid season finale


Oh, finalmente riesco a parlare di questo finale di metà stagione. Un finale che: ciao a tutti ci vediamo a febbraio, tanto chissene se vi molliamo in mezzo a una situazione nella quale dovrebbe essere un reato interrompere la puntata per una settimana, figurati per tre mesi. Un finale che è bello ma che allo stesso tempo, per chi come me ama il fumetto, è fin troppo edulcorato pur rimanendo un troiaio di violenza e cattiveria. Un finale che dobbiamo riempire novanta mesi di programmazione con sedici puntate.
Ma non ve lo ricordate quando le serie duravano ventiquattro episodi senza pause? Galeotto fu lo sciopero degli sceneggiatori di qualche anno fa. [...]

giovedì 29 novembre 2012

Assassin's Creed 3 - Una cosa ma fatta bene. Proprio.


Quando uscì il primo Assassin's Creed tutti a dire che era bello ma vuoto, senza niente da fare, un giocattolone inutile. La cosa deve avere ferito così tanto gli sviluppatori che, guardandosi negli occhi umidi di lacrime, si sono stretti in una promessa solenne: mai più. Quattro capitoli dopo, giocando ad Assassin's Creed 3, si avverte tutto il peso di quella promessa.
Premetto di non averlo ancora portato a termine, ma di essere arrivato comunque ben oltre la metà del gioco. Gioco che ha bisogno di un numero di ore imbarazzanti prima di accennare anche solo timidamente a qualche passetto emozionante. Assassin's Creed 3 ha, per i miei gusti, tutta una serie di problemi che i giovini di Ubisoft dovrebbero tentare di risolvere. Pena: l'esplosione del gioco per indigestione. [...]

lunedì 26 novembre 2012

La leggenda del vento - Stephen King; "Il mondo ha un titolo e c'è sempre una fine"


Premetto: per me La Torre Nera è LA saga fantasy per eccellenza. Senza dilungarmi troppo sullo sperticare lodi in una saga che ormai conoscono pure i sassi, dico solo che, per quanto mi riguarda, mescolare il post-apocalittico, al western, al fantasy e abbondare con i riferimenti pop (compresi quelli alle altre opere del Re), è una ricetta perfetta. Sono talmente affezionato all'opera (e l'ho studiata allo sfinimento qualche anno fa) che l'idea di un romanzo aggiuntivo che si inserisse tra il quarto e il quinto libro - i due meno riusciti, per quanto mi riguarda - suonava come una stonatura. Nonostante questo ho comprato all'uscita, un paio di settimane fa, La leggenda del vento con grandi, inevitabili, aspettative. D'altronde succede sempre quando compri un libro scritto da uno dei tuoi autori preferiti, no? [...]

venerdì 23 novembre 2012

I primi numeri di Before Watchmen (e ancora più before)


Per me, Watchmen è il miglior fumetto (graphic novel, serie a fumetti, miniserie, romanzo illustrato, comunque vogliate chiamarla) della storia. Non di quelle vittorie un po' così che vedi consumarsi al fotofinish,: Watchmen è di gran lunga il miglior fumetto della storia. Nonché una delle poche cose che ho riletto fino all'esaurimento (odio la pratica del rileggere). Si può dire che Watchmen, per me, abbia assunto col tempo delle tinte quasi religiose (e d'altronde è scritto dal grande autoproclamato stregone nero di sthokazz di quel frescone di Alan Moore). Per questo, quando a Lucca ho intravisto l'edizione col cofanetto da collezione di Before Watchmen, capite che è stato uno choc al pari che trovarsi davanti Before Budda o Before Gesù Cristo o Before l'alienodiscientologylà. Piansi lacrime amare e maledii il mondo, ma resistetti al canto della sirena.
La scorsa settimana, di fronte al numero uno delle miniserie dedicate al Comico, a Silk Spectre e a Night Owl, ho capitolato. Da vero uomo, però. Ma facciamo un salto indietro: torniamo al duemilaotto. [...]

giovedì 22 novembre 2012

The Walking Dead è il mio videogioco dell'anno


Quando è uscito il primo capitolo non ci avrei scommesso sopra due euro. Ero piuttosto deluso dalla serie TV (che non aveva nemmeno il ritmo di quella di adesso, era una vera e propria fetecchia, diciamocelo), innamorato pazzo della serie a fumetti che però vive del suo autore fuoriclasse, dubbioso per la scelta dei TellTale che venivano da Jurassic Park - The Game, tutt'altro che una scommessa vinta. Ero pronto all'ennesimo stupro di una storia che adoravo per i suoi mille risvolti umani, per quella capacità di raccontare qualcosa che difficilmente leggi in una serie a fumetti. Le possibilità che uscisse fuori qualcosa di decente erano minime. Le possibilità che uscisse fuori qualcosa che rendesse giustizia al lavoro di Kirkman, praticamente zero. [...]

mercoledì 21 novembre 2012

La demo di DMC - Tu sei il figlio di quel **** di Sparda e quella **** della sua donna!


Scusateci l'assenza prolungata, ma qua preparavamo un esame universitario. Un esame che m'è scoppiato in faccia, tanto era carico. Quindi passiamo alle cose più piacevoli, che è meglio.
È uscita ieri la demo di DMC - Devil may cry, ultimo capitolo della saga col giovane Dante, questa volta con i capelli tinti di nero e il destino in mano a uno studio occidentale. Uno studio occidentale che, nel suo precedente action, s'era dimenticato di inserire i salti, s'era dimenticato.
Questo DMC bistrattato da tutti, ché ora Dante è un ragazzetto tamarro e invece prima, col suo capello scalato bianco e il giaccone di pelle rossa sul petto nudo, era un lord inglese. Questo DMC che, non lo nascondo, ho in simpatia proprio perché già condannato.  [...]

venerdì 16 novembre 2012

Halo 4 - Togliamoci il dente e parliamone con calma


Allora, su, forza, che ho rimandato troppo a lungo. Il fatto è che ogni volta che esce un Halo non so mai che scrivere. In parte mi rendo conto di essere una specie di esaltato per la serie di Halo (anche se ODST mi ha massacrato le gonadi), in parte perché diventa in breve il gioco più chiacchierato del mondo. E poi che puoi scrivere di Halo che non sia ancora stato scritto delle mille iterazioni precedenti del brand? [...]

giovedì 15 novembre 2012

L'attacco dei giganti di Hajime Isayama (più facile no?)


Ogni tanto provo a dare fiducia a un manga che non conosco ma di cui sento parlare bene. L'Attacco dei giganti è stato proprio uno di questi casi: un salto nel buio, perché dietro non c'era nessun nome famoso e perché il tratto, così a occhio, mi provocava movimenti intestinali. Però tutti lì a dire: che bello, che bello! e allora, via, l'ho preso. Che tanto, abituato alle edizioni ultra deluxe a quindici euro con le pagine bianchissime lavate con Perlana, i quattro euro a volume de L'Attacco dei giganti sono un nonnulla. [...]

mercoledì 14 novembre 2012

Il fight club del libro: "Noi non ve lo permetteremo"


Dopo qualche settimana d'assenza torna il fight club del libro, la rubrica dove scrivo due robe su ciò che ho letto nei giorni trascorsi. Lasciatemi essere felice perché proprio ieri è uscito il nuovo libro di Stephen King, che ho acquistato subito e che ha sospinto la lettura di Neanche gli Dei verso un finale che è arrivato con un po' di difficoltà. Gioia! Evviva il Re. Per il resto, questa è una tripletta completamente dedicata alla fantascienza, con una riscoperta in grande stile di Philippone Dick, e quelli che secondo me sono i suoi due migliori libri che ho letto, e Asimov. [...]

martedì 13 novembre 2012

La profezia dell'armadillo e Un Polpo alla gola, di Zerocalcare


Grazie al simpatico e generoso Ennio Spione (gli linko pure il blog, va) ho avuto la possibilità di leggere questi due libri a fumetti che altrimenti avrei avuto difficoltà a reperire. Sì, perché La Profezia dell'armadillo e Un Polpo alla gola sono andati esauritissimi ovunque. Roba davvero da stringere la mano al buon Zerocalcare che con tanto talento e il merito di non aver sbagliato nemmeno un colpo, è riuscito nel miracolo di arrivare in testa alle classifiche di vendita perfino di Amazon. Con un libro a fumetti. Mecojoni, compa'.
Ma i due libri meritano davvero tanto successo? Sì, assolutamente. [...]

lunedì 12 novembre 2012

Halo 4 - La famiglia Prometeici


*Halo 4 - La famiglia Prometeici, è un breve raccontino delle primissime ore del gioco. Se non volete sapere nulla di quello che succede all'inizio dell'avventura, allora evitate di leggere. Di Halo 4 ne riparliamo bene tra qualche giorno, quando avrò spolpato per bene anche la modalità leggendario!*

"Chief".
La mia sveglia ha le tette. Questo migliora, anche se di poco, il trauma del risveglio. Cortana mi guarda dall'altra parte del vetro. Devo dire che il tempo l'ha resa più bella. Quando me l'hanno data girava ancora su Windows 98 ed era un mezzo sgorbio. Ora potrebbe finire sul paginone centrale di Playboy... se esistesse una sezione dedicata alle I.A. supersexy. Dovrei proporlo.
Guarda, mi dice, che hai dormito quattro anni e spicci, il sonno perso dovresti averlo recuperato alla grande, e poi c'è qualcuno che sta grufolando nell'astronave, ché già c'abbiamo due spicci per colpa della crisi, vedi che ci fregano pure quelli. Alza lo sguardo, tira la leva e andiamo, forza. [...]

venerdì 9 novembre 2012

Allen - nello spazio nessuno può sentirti ridere


Cito nel titolo il gioco di parole dell'introduzione di Allen, a cura di Andrea Plazi, solo perché è la linea più azzeccata (ma anche più banale) che si poteva trovare per questa ennesima parodia del genio Ortolani.
Allen, acquistato a Lucca (seguiranno settimana prossima La profezia dell'armadillo e Un polpo alla gola di Zerocalcare e L'attacco dei giganti di Isayama) e letto nel giro di due mattinate post-studio intenso, è probabilmente il fumetto con cui ho riso di più in tutta la mia vita. Una perla. [...]

mercoledì 7 novembre 2012

Knights of Pen & Paper - Tira 'sto dado!


Prima vi devo raccontare una roba non tanto bella che ho fatto ieri. Succede che domenica è il mio compleanno, e che avevo deciso di farmi regalare Halo 4 dai miei amici. Succede anche che questi manigoldi, le loro copie, le hanno prese ieri e, tra foto su Facebook, aggiornamenti di stato, sfottò via SMS e dal vivo, ho rosicato tanto. Tantissimo. Così tanto che sono uscito e l'ho comprato. Ecco. L'ho fatto.
In attesa di un post corposo su Halo 4 (con tanto di storiella come è stato per Dishonored), parliamo di un giochino su iOS che mi ha tolto il sonno: Knights of Pen & Paper, che è tipo l'idea del secolo: un gioco di ruolo in cui fai il giocatore e il master. BAM, un sogno che si avvera. [...]

lunedì 5 novembre 2012

The Walking Dead 13- Il confine Superato + La Storia di Michonne [No spoiler]


Per la serie: "Robe che ho comprato a Lucca Comics" (poche parole per descrivere i due giorni di permanenza nella fiera del fumetto più grande in Italia: un casino di gente, un tempo perennemente minaccioso, Panini che aveva finito ogni cazzo di fumetto, assassini targati Ubisoft ovunque), parliamo un attimo del tredicesimo volume di The Walking Dead. La serie a fumetti ormai l'ho consigliata a chiunque: tutti quelli che conosco, tutti quelli che non conosco, tutta la gente che mi parla della serie TV, tutta la gente che mi parla di fumetti o videogiochi (anche perché, tanto per ricordare, il videogioco di TWD è fantastico), tra un po' pure a mia madre e mio padre. L'unico inconveniente di quella che rimane la serie che leggo con più piacere, è che l'uscita dei volumi avviene seguendo il rigorosissimo ordine di quandocazzocepare. In occasione di Lucca, SaldaPress, ha presentato il volume numero tredici e un piccolo spillato con La Storia di Michonne, una quindicina di paginette che raccontano del passato del personaggio più tosto della serie. In quanto segue non ci sono spoiler del tredicesimo volume. Degli altri volumi sì, perché altrimenti stavamo qui a fare gli occhi neri ai panda. [...]

giovedì 1 novembre 2012

REC 3 - il film che ho visto ad Halloween


Dovevo andare a vedere Silent Hill 3D ma la pioggia ha detto di no. Devo dire che ci si è messo anche il fatto che lo danno solo in 3D e spendere dodici (dodici! a dirlo non ci si crede) euro per quella che sicuramente è una boiata non è molto allettante. Però, rimasto a casa, mi sono fatto mandare dallo zio americano spagnolo, l'ultimo capitolo della saga di REC. C'è da dire che il primo era davvero bello bello, e che il secondo era davvero brutto brutto. Sul terzo, diretto da Paco Plaza, senza Balaguerò (che sembra un verbo coniugato al futuro semplice), avevo aspettative bassissime. [...]

mercoledì 31 ottobre 2012

I magnifici sette: i sette mostri che mi spaventavano da ragazzino ma pure mo' anvedi un po'


Ultimamente ho delle giornate d'inferno, perché su TIS lavoriamo come Umpa Lumpa e quindi ho meno tempo per scrivere su Panino. Però oggi è Halloween! è Halloween perdindirindina, quindi il tempo per scrivere di mostri su Panino devo trovarlo per forza. Posto che stasera probabilmente andrò a vedere quella pecionata preannunciata di Silent Hill Revelation (quando arrivi al Revelation significa che sei finito, e quando ci arrivi già al secondo capitolo significa che non sei partito mai) e domani sforno un articolo anche su quello, torniamo a bomba sull'argomento del giorno: quali sono i mostri che da bambino mi facevano rizzare i capelli ma pure mo' anvedi un po'?[...]

sabato 27 ottobre 2012

Le Belve - Quando un film non puoi chiamarlo Selvaggi


Eh, perché il titolo originale del film è Savages, che da noi è letteralmente Selvaggi. Solo che così non ce lo puoi chiamare, perché altrimenti ti tocca metterci Ezio Greggio e la sorella fumata di Leo Gullotta che, visto il mood del film, ci stava pure bene. E forse c'è ma s'è fatta bionda e non ce ne siamo accorti. E, ancora forse, sarebbe stato meglio se il proiezionista avesse sbagliato e ci avesse costretti alla visione di quella pecionata nostrana di Selvaggi, anziché dell'ultimo film di Oliver Stone. [...]

venerdì 26 ottobre 2012

Sleeping Dogs - Ho finito un free roaming alla GTA


Io ho questo grande problema con i free roaming urbani: mi rompono le scatole dopo qualche ora. Per colpa di questa che potrei chiamare: la sindrome delle 22 ore, non sono mai riuscito a finire un GTA, pur avendoli comprati tutti come un povero stronzo. Strano, perché non appena si varia sul tema (Assassin's Creed, Red Dead Redemption, ma anche Bully), eliminando le corse in auto da un punto all'altro di una mappa sempre più sterminata, riesco a concludere l'avventura. È che, davvero, per me quelle corse sono noiose come fossero un pallosissimo caricamento interattivo.
Sleeping Dogs non ha fatto eccezione, ma ha recuperato alla grande con una caratteristica che spesso, per quanto mi riguarda, manca in GTA: è divertente. Tanto che l'ho addirittura finito! [...]

giovedì 25 ottobre 2012

American Horror Story Asylum - La storia di Giovanna


Ve la ricordate Giovanna? Quella che ci hanno fatto due stagioni e mezzo di Mistero, che gli alieni se l'erano rapita e poi c'avevano fatto gli esperimenti, e poi l'avevano fecondata e lei c'aveva urlato contro che però gli alimenti li pagavano loro? Quella che grandi pianti su Italia 1 mentre inquadravano un topo facendocelo passare per il figlio segreto tra Giovanna e il Ridge dello spazio. Quella. La seconda stagione di American Horror Story è la storia di Giovanna. [...]

martedì 23 ottobre 2012

Monster di Naoki Urasawa - Chi è il vero mostro?


Finalmente ho portato a termine la lettura di Monster nella bellissima- e costosissima- edizione Deluxe della Planet Manga. Composta da nove volumi grandi più o meno come mattoni, la serie è sicuramente uno dei manga più belli che abbia mai letto. Non che sia un grande lettore di manga, intendiamoci, però Monster  grazie al gusto molto occidentale di Urasawa, è piacevolissima per chiunque. Anche se spesso un po' troppo tirata per le lunghe con ritmi che, da serratissimi, si distendono eccessivamente. [...]

lunedì 22 ottobre 2012

Cogan - Killing them softly; them, quelli usciti dalla sala urlando


Premessa: darei a questo film undici su dieci solo per andare contro quegli scimmioni che a metà pellicola se ne sono usciti dalla sala urlando roba sconnessa tipo: "Otto euro" e " 'ndo cazzo se sparano?" e "chissà che m'aspettavo". Undici su dieci. Con lode. E oscar.
Cogan - Killing them softly è un gangster movie, basato sul romanzo del '74 Cogan's Trade di George Higgins ma ambientato ai giorni nostri. Più precisamente durante le elezioni presidenziali in cui Obama fu eletto presidente. Paga lo scotto, un po' come Drive al tempo, di essere una pellicola totalmente inadatta al pubblico da circo che abbiamo qua in Italia. [...]

venerdì 19 ottobre 2012

il fight club del libro - L'orrore... l'orrore!


Eccoci di nuovo qui, a parlare degli ultimi libri letti. Nel frattempo, un po' di aggiornamenti random: ho iniziato a giocare Sleeping Dogs, e per ora mi sta piacendo molto, quasi sicuramente ne parliamo settimana prossima. Sto provando in anteprima Lucius, un videogioco indie ispirato pesantemente alla saga cinematografica di Omen, pare carino. Diabolicamente carino. Ieri c'è stata la season premiere della nuova stagione di American Horror Story, entro la prossima settimana ne scriverò sicuramente!
Fatte le dovute premesse, e riempito (di roba incredibilmente utile, questa volta!) le odiose righe di introduzione, direi che possiamo partire con i libri. [...]

giovedì 18 ottobre 2012

Dishonored - Scusate, cosa dovrei farci con quella spada?


A prescindere dall'ovvia risposta alla domanda nel titolo, eccoci qua, ve l'avevo promesso che ne avremmo riparlato una volta finito.
Ho terminato il gioco ieri sera, ottenendo il finale migliore (sono tre, a seconda del profilo che scegliete di adottare, ma ne parliamo dopo perché secondo me è il principale "difetto" del gioco) e rimanendo un po' di sasso di fronte al filmatino finale che fa tanto compitino di prima elementare. Per il resto è stato un titolo che mi è piaciuto tantissimo, che finalmente non ti tratta come un demente suggerendoti perfino i tasti da premere. Sicuramente uno dei titoli più belli dell'anno e una bella speranza  per un futuro sempre più dominato dalle stesse IP reiterate all'infinito. Ma, in generale, quali sono le cose che mi sono piaciute di Dishonored? E quali quelle che non mi sono andate giù? [...]

martedì 16 ottobre 2012

The Walking Dead 3x01 - Per me è sì, fortissimamente sì


Come si diceva, l'aspettavamo tutti. Così tutti che a quanto pare in USA ha fatto il botto di ascolti ed è risultata la singola puntata di una serie TV più vista nella storia delle televisioni via cavo. Mica cazzi. The Walking Dead ricomincia con un inizio di stagione sorprendentemente bello (ma in realtà gli inizi di stagione sono un po' il punto forte della serie, poi abbiocco forever) e, sopratutto, andando a cominciare quello che senza dubbio è il ciclo narrativo più bello del fumetto: la vita nella prigione. Michonne, i nuovi detenuti, si presuppone il governatore. Il governatore. Il governatore. Il gov... [...]

lunedì 15 ottobre 2012

Dishonored - Il nascondino mi riesce benino di nulla


*Dishonored - Il nascondino mi riesce benino di nulla, è un breve raccontino delle primissime ore del gioco. Se non volete sapere nulla di quello che succede all'inizio dell'avventura di Corvo, allora evitate di leggere. Altrimenti, buona lettura!*

Saranno dieci minuti buoni che quel pretucolo di Campbell prova a infilare la chiave giusta nella toppa. Io me ne sto nascosto in un angoletto, ché a me il nascondino riesce benino di nulla.
Aspetto che Campbell e il capitano delle guardie entrino nella sala. Mi sono nascosto prima di tutto perché sono così ricercato che nemmeno mio cugino Garrett, quando ancora faceva il topo d'appartamento e diceva che la sua era una malattia, che c'aveva la cleptomania; e poi perché m'hanno messo in faccia una maschera che sembro uscito da Harry Potter e mi vergogno un pochino. Dice: oh, mettitela la maschera che così non ti riconoscono. Ho capito, ma se mi vede Voldemort niente niente mi arruola nei mangiamorte.
E, mentre Campbell sbaglia ancora una volta la chiave, accampando scuse su come la vista non sia più quella di una volta, mi chiedo com'è che ci sono finito, in questa stanza, ad aspettare il brindisi prima della fine. [...]

mercoledì 10 ottobre 2012

The Walking Dead - Cold Storage, La webserie


Tra meno di una settimana prende il via la terza stagione di The Walking Dead. Sulla serie TV ne abbiamo già discusso in passato, qua su Panino, in toni piuttosto tiepidi. Questo rapidissimo aggiornamento, invece, è dedicato alla webserie che AMC ha regalato al pubblico e che, salamadonna come, dovrebbe aiutarci a comprendere meglio quello che succederà nella terza stagione. [...]

martedì 9 ottobre 2012

Perché Torchlight 2 mi ha annoiato?


Torchlight 2 è un gran gioco. Nulla da ridire. L'abbiamo anche premiato su TIS come prodotto indie del mese e di sicuro non me ne pento, perché ha una qualità e quantità di roba all'interno da lasciare storditi. Da quel punto di vista non ha nulla di meno del compagnuccio di banco Diablo 3. A parte venticinque euro di differenza sul groppone e quella pessima fissazione per il gioco perennemente connesso ai server. A volerla dire tutta c'ha un comparto artistico decisamente meno ispirato di quello del gioco Blizzard, però per il resto ci troviamo di fronte a un ottimo titolo.
Allora, mi chiedo io: perché giocandolo mi sono annoiato? Perché, sfinito, l'ho mollato praticamente a un passo dallo scontro finale? Tra l'altro dopo averlo cominciato due volte, visto che l'ingegnere mi aveva devastato le gonadi... [...]

lunedì 8 ottobre 2012

Ted - Che fine hanno fatto quei vecchi valori, su cui potevi contare?


Tra le cose per le quali vale la pena vivere annovererei, piuttosto in alto nella classifica, le prime stagioni de I Griffin. Padroni assoluti dell'umorismo volgarotto (senza sfociare nel meraviglioso grottesco di South Park) e demenziale, I Griffin sono tra i miei cartoni animati preferiti, specialmente perché riescono a ironizzare praticamente su qualsiasi cosa. Sopratutto sugli americani stessi e le loro contraddizioni.
Quando ho visto per la prima volta questo Ted, senza sapere il nome e la storia dietro al progetto, sono rimasto un po' freddo perché pareva la classica commedia dell'insospettabile carognetta. Quando ho letto che alle spalle c'era Seth MacFarlane, creatore de I Griffin, sono rimasto piacevolmente sorpreso. Quello che mi aspettavo dalla visione era una lunghissima puntata della serie televisiva, quello che mi sono trovato davanti al cinema è... [...]

venerdì 5 ottobre 2012

I cazzi vostri: le (folli) tag di ricerca con cui arrivate sul blog (dodicesima puntata)


Ritorna l'appuntamento più amato da tutti. Ritorna quella rubrica che scrivo tagliando e incollando roba come manco ad Art Attack. Ritorna I cazzi vostri! Per chi non conoscesse questa rubrica, non facciamo altro che rimanere sbalorditi sui termini di ricerca che portano la gente qua su Panino al Salame. Ma, anzi, io direi che rimaniamo stupiti proprio da cos'è che la gente cerca su Google.
Ve lo dico io cosa cerca: Mickey Rourke. [...]

mercoledì 3 ottobre 2012

Tokyo Jungle - ... solo non si vedono i due liocorni!


Tokyo. Anno duemilaespicci. L'umanità è estinta. Solo gli animali sono rimasti in vita. Tutti gli animali: dai pulcini alle tigri; dai cani (tranne Will Smith, che a quanto pare ha trovato finalmente pace) agli elefanti. Il regno dell'uomo è stato spazzato via, la legge del più forte -o del più furbo- è l'unico regolamento da seguire, là, nella giungla di Tokyo. [...]

martedì 2 ottobre 2012

Il fight club del libro - Se uno si limita a fare ciò che dovrebbe, non diventa un eroe.


Bentornelli alla rubrica sui libri che ho letto nell'ultimo periodo. Questa volta arriva dopo qualche tempo dall'ultimo appuntamento, unicamente perché l'ultimo libro mi ha portato via un quantitativo di ore assurdo per la mole di pagine che lo compone. Torneremo a parlane, speriamo molto presto perché in queste introduzioni non so mai che fuffa scrivere e solitamente finisco a blaterale a proposito di quanto sia difficile scrivere queste righe. Quindi, visto che l'ho appena fatto e sono arrivato al minimo sindacale di una introduzione media, possiamo partire con i libri. Ah, domani per tutti i fresconi in attesa, arriva l'articolo su Tokyo Jungle! [...]

lunedì 1 ottobre 2012

Un pomeriggio in compagnia delle standiste Nintendo, WiiU e 3DS


Per una volta Nintendo ha deciso di fare le cose sul serio e, al Romics, non ha portato la solita selezione di giochi vecchi e stravecchi usciti durante l'anno appena passato, ma sorprendentemente tutte le novità in uscita. Brava Nintendo, c'hai fatto sentire importanti a noi poveri stronzi che ogni anno bucchiamo drento il padiglione dei videogiochi per scroccare gratis le lattine di Coca zero (che infatti quest'anno non c'erano). Quindi ho passato un piacevole pomeriggio a provare WiiU e tutti i titoli in uscita, i giochi in arrivo su 3DS e Pokemon Bianco e Nero 2. A riprova ti mollavano questo bigliettino presuntuoso che vedete in apertura.
C'è da dire che siamo stati quasi cacciati quando uno dei miei amici ci ha provato spudoratamente con una delle standiste Nintendo, guadagnando un CAP (Commento Acido Programmato di stanisiana memoria), e una serie di occhiatine furenti subito dopo. Ma si sa: le standiste Nintendo sono tanto belle quanto irraggiungibili. Specialmente quando sono in piedi dalla mattina alle nove e ogni stronzo che passa chiede loro il numero. [...]

sabato 29 settembre 2012

Resident Evil... dio, com'è il sottotitolo che hanno usato questa volta? Ah sì: Retribution


Parlare male dei film di Resident Evil è come parlare male della merda: ridondante. Quando entri in sala a vederne uno lo sai che quello che stai per vedere puzzerà tantissimo, che dovrai sventolare un giornale subito dopo la proiezione per rendere l'aria un tantino respirabile e chiedere a tutti di uscire, per favore, e in fretta. È proprio nel DNA dei film di questa saga, con l'eccezione forse del primo, dignitoso, capitolo. Questo Retribution (per il prossimo io proporrei: Svalutation, con Celentano come guest star) però, è una di quelle volte nelle quali a seguito dell'espletazione delle funzioni corporali ti tocca evacuare la zona, circondarla col nastro giallo do not cross the line, e chiedere scusa a tutti, capo chino, spiegando che hai mangiato da McDonald la sera prima. [...]

venerdì 28 settembre 2012

Depressione post demo di Resident Evil 6


Io non lo volevo provare. L'avevo visto l'andazzo, brutto brutto. Lo sapevo che ne sarei rimasto scottato perché non ci avrei trovato dentro niente di Resident Evil se non una manciata di nomi senza significato lanciati così alla rinfusa.
Mai mi sarei potuto aspettare una cosa del genere, però. Perché a prescindere da tutto il discorso del "non è più Resident Evil" (in fin dei conti abbiamo avuto due capitoli per abituarci poi a questo salto nel buio: il bel Resident Evil 4 e il brutto Resident Evil 5, che dopo la prova di questo 6 riacquista immediatamente lo status di gioco accettabile), quello che questa demo mostra -e ripeto, parliamo della demo, magari il gioco completo sarà il titolo più bello dell'universo- non solo è un pessimo Resident Evil, ma cosa ancora più grave è un pessimo gioco. Sotto tutti i punti di vista. È la prostituzione videoludica per eccellenza, è la tradizione che piega la testa di fronte all acchiappo facile in una generazione di giochi di guerra. È la morte. È la fine della speranza. È innocenza deflorata. [...]

giovedì 27 settembre 2012

Spec Ops The Line - Anche se mi impegno un titolo più brutto di quello del gioco non lo trovo


Spec Ops The Line è un gioco di guerra uscito nel periodo in cui essere un gioco di guerra ti scaraventa nell'angoletto dei mille cloni di Call of Duty. Ché ormai sono tutti giochi di guerra, e c'è quell'orribile periodo dell'anno nel quale tra COD, Battlefield e Medal of Honor pare che il mondo non veda l'ora di spararsi addosso.
Però, attenzione perché c'è un però, al di là di questo titolo anonimo come poco altro (titolo anonimo che me lo avrebbe fatto snobbare non fosse stato per i consigli insistenti del Fiandra nazionale), Spec Ops The Line nasconde un Cuore (di Tenebra) interessante. Non un'epifania, come andava raccontando in giro il suo profeta, ma un titolo buono, con degli spunti niente male. [...]

lunedì 24 settembre 2012

I Am Alive, e mi arrampico come un geco


L'idea di un videogioco che prende ispirazione dal romanzo La Strada di Cormack McCarthy mi provocava salivazione accelerata. Non solo perché adoro lo scenario post-apocalittico, ma anche perché vivrei (virtualmente, si intende) volentieri un'avventura che mi costringesse a scelte crudeli pur di sopravvivere alla fame e all'ambiente ostile. Un gioco che mi obbligasse a mangiare insetti, se necessario, spingendomi alle peggiori infamità per restare in vita il più a lungo possibile perché una volta crepati il gioco finisce. Non è che mi aspettassi proprio una cosa del genere da I Am Alive, però, devo ammetterlo, la speranza c'era. Una speranza vana, e almeno in questo la poetica del romanzo è rispettata. [...]

mercoledì 19 settembre 2012

EDEN - It's an Endless World (ma mica tanto)!


Innanzitutto, Blogger ha cambiato interfaccia. Adesso è molto più brutta, molto più scomoda e molto meno funzionale. Però è minimale, che va di moda, e siamo tutti contenti. Seconda cosa, tanta fantascienza questi giorni su Panino, perché dopo aver parlato di Prometheus, oggi ci buttiamo su EDEN, manga di Hiroki Endou che dopo tante vicissitudine (vedi: Panini non c'aveva proprio tutta 'sta voglia di lanciare la Deluxe edition annunciata in pompa magna mesi fa) è uscito, finalmente, nei primi giorni di settembre in edizione definitiva. Mattonelle da quattrocento pagine e spicci, con sovraccopertina e carta bianchissima. Al modico prezzo di dodici virgola mecojo novanta centesimi.
[...]

martedì 18 settembre 2012

Prometheus - Questo è un prequel di Alien. Questo non è un prequel di Alien.


Lo è. Senza che ci giriamo tanti cazzi intorno: lo è. E Ridley Scott dovrebbe fare un attimo pace col cervello (per più di un motivo, in realtà), perché il successo di Prometheus è in buona parte dovuto proprio alle gigatonnellate di persone che sono andate a vederlo spinte da quel tira e molla circa la presunta paternità di una delle sue opere più famose.
Ora, è doveroso ricordare che secondo chi vi scrive Alien non solo è uno dei film horror più belli di tutti i tempi, ma è proprio tra i film più potenti della storia del cinema. Quindi significa che quando infili le mani in quell'universo (pur con tutte le cacate che ne hanno tirato fuori) hai sempre una percentuale piuttosto alta di tirar fuori una minchiata. Mi tolgo il dente: secondo me Prometheus è un buon film, non è una minchiata ma in alcuni momenti ci va pericolosamente vicino. [...]

giovedì 13 settembre 2012

Il fight club del libro - Cadrà dolce la pioggia


Rieccoci con il Fight Club del libro! Ennesimo appuntamento a proposito di cosa ho letto nell'ultimo periodo e di quanto mi è piaciuto. Il tutto misurato attraverso l'infallibile sistema dell'hadoken di Ryu.
Colgo la parentesi letteraria per segnalarvi che ho caricato sulla pagina Amazon una versione più pulita di La Ferita Bianca, nella quale, grazie all'aiuto indomito del coraggioso Christian Fratta, sono riuscito a eliminare buona parte dei errori di battitura. Vinceremo la nostra battaglia, prima o poi. [...]

mercoledì 12 settembre 2012

Spartacus - Tette e Sabbia


Spartacus, tutti a dirmi di Spartacus. Amici esaltati, quasi talebani, per questo gladiatore che si ribella come nemmeno Russell Crowe quando non aveva la panza. Vediti la serie TV, mi dicevano. Te la devi vedere assolutamente. Pure con Tot anni di ritardo, veditela perché merita tanto.
C'è da dire che io la serie, la prima serie, l'ho vista e che ho sperato almeno che fosse abbastanza brutta da diventare la nuova Terranova per Panino (sto lavorando su Falling Skies, datemi tempo...) e invece niente. Perché Spartacus è una serie pezzente, puzzona e ricopiona, però è divertente da guardare. Perché le dodici puntate c'hanno un sacco di problemi ma alcuni personaggi funzionano e gli intrighi... intrigano. [...]

lunedì 10 settembre 2012

Pluto - Però il miglior robot del mondo rimane Emiglio


Se siete frequentatori abituali del Panino, vi sarete resi conto che già da un po' di tempo la rubrica "Quello che sto leggendo" latita. Quella rubrica dedicata ai fumetti, fumettoni e fumettacci che leggo, praticamente s'è eclissata per tutta l'estate. Il perché è presto spiegato: mi sono preso una pausa dai comics. Cioè proprio zero, non ne ho più comprati dopo la galeotta visita al Panini Store, dove in effetti ho comprato roba che non ho nemmeno finito di leggere. In compenso mi sono dato alla lettura di manga. Sarebbe più giusto dire alla lettura di Urasawa, ma poi ho compensato con Eden e Akira, quindi sarebbe inesatto. La prima serie che ho completato e letto tutta d'un fiato è stata Pluto, rilettura di Urasawa del classico Astroboy di Tezuka. [...]

venerdì 7 settembre 2012

Guild Wars 2 - Il single player cooperativo, il multiplayer in singolo, il... vabbe', avete capito.


Per primissima cosa, prima che inizi a parlare bene di Guild Wars 2 (e finalmente, che qua dicono tutti che mi lamento sempre!), permettetemi di ringraziarvi per l'aiuto che mi avete dato (e che mi state dando) con il mio libro La Ferita Bianca. Come al solito per commenti, opinioni e consigli, vi rimando all'articolo ufficiale.
Tornando a Guild Wars 2, è ben grave il fatto che io sia qui a scriverne piuttosto che a giocare. Per questo motivo l'articolo è arrivato così tardi, perché con la scusa di voler raggiungere un livello decente prima di parlarvene ho rimandato fino a oggi. Inizialmente doveva essere un first impression sulle prime ore, poi sui primi giorni, ormai ve ne parlo con quasi due settimane sul groppone, quindi ben oltre la mia soglia di resistenza massima ai MMORPG. Il segreto? Non è un MMORPG. [...]

Condividi!