lunedì 23 settembre 2013

Un antidoto contro la solitudine; Di carne e di nulla - David Foster Wallace


Qualche giorno fa ricorreva l'infame anniversario della morte di David Foster Wallace. Minimum fax e Einaudi, golose verso l'autore di culto e abbastanza scaltre da non perdere l'occasione di commemorare (leggi: spremere il tubetto Foster Wallace), hanno approfittato per pubblicare due libri: Un antidoto contro la solitudine (minimum fax), ossia una raccolta di interviste, e Di carne e di nulla (Einaudi), ossia il rimasuglio di un tubetto che non è più lecito spremere. Il qui presente, che è abbastanza un fan sfegatato di Wallace, tanto da aver letto più o meno tutto quello che è stato pubblicato in Italia, è stato ovviamente preso all'amo dai saggi pescatori delle due case editrici. Ho comprato e letto i libri, quanto segue è quello che penso. [...]

martedì 10 settembre 2013

Il fight club del libro - mi bacerà e il mio naso e il mio nome non conteranno più nulla


L'estate se ne va. Mentre scrivo queste righe, fuori dalla mia finestra un temporale si prepara a prendere a schiaffoni le calde giornate appena trascorse. Per fortuna: io odio l'estate. L'unica cosa che mi mancherà saranno i pomeriggi spesi a leggere. Che poi comunque è una cosa che faccio anche d'inverno, quindi a ragion veduta non mi mancherà niente dell'estate. Ah, sì: il cocomero. Se trovassero un modo per coltivare dei buoni cocomeri anche d'inverno allora tra me e l'estate sarebbe una rottura definitiva.
Comunque, tornando a noi, negli ultimi giorni in cui non ci siamo sentiti ho finito di leggere un paio di libri, prima che Minimum Fax e Einaudi si ricordassero di poter spremere ancora una volta la memoria di D.F.Wallace facendo uscire due libri postumi (uno di interviste, che sto leggendo, e uno di saggi) proprio in questi giorni. [...]

martedì 27 agosto 2013

I film che ho visto in questo mese e dei quali me ne ricordo forse mezzo


Riprendiamo le fila di un'estate cinematografica all'insegna del cazzatone e cerchiamo di tirare giù un elenco dei filmetti visti e dimenticati nel tempo record mondiale di quattro secondi netti. C'è da dire che alcuni li ho visti davvero un mese fa e, vuoi per la frivolezza della pellicola, vuoi perché, oh, un mese, io non mi ricordo nemmeno che ho mangiato ieri sera (... che ho mangiato ieri sera?), mi ricordo solo la sensazione, sicuramente sgradevole, che mi hanno lasciato. L'unica eccezione di un'estate cinematografica quantomeno dimenticabile è stato To the wonder, che però ho già recensito su Movie Shelter, tipo qua. Per il resto, che inizi il massacro! [...]

lunedì 26 agosto 2013

Il fight club del libro - In questa vita bisognerebbe essere preparati a una certa dose di sofferenza


L'estate è il periodo morto per eccellenza. Significa che questa estate mi avete visto poco presente su Panino perché non c'ero mai e, se c'ero leggevo, e se leggevo non scrivevo sul blog. Significa nessun videogioco, pochi film, una piccola parentesi di rediviva corsa al parco (ve lo ricordate quant'ero preso, quell'estate di qualche anno fa?) e poco altro. Significa che per ricominciare una stagione di interventi -si spera- più frequenti ho deciso di parlarvi di alcuni dei libri che ho letto in questo mese. [...]

mercoledì 31 luglio 2013

Ogni storia d'amore è una storia di fantasmi - Vita di David Foster Wallce - D.T. Max


L'estate è subdola: ti promette un sacco di tempo libero e poi quel tempo passa e di libero non ha proprio niente. Quindi mi ritrovo adesso, a quasi un mese dall'ultimo articolo, a scrivere su Panino dopo un periodo un po' particolare. Spero di sapere ancora scrivere due righe in croce, e spero di saperlo ancora fare in modo decente, visto che l'argomento di oggi mi sta parecchio a cuore.

Qualunque persona che segue Panino o che mi conosce personalmente, sa dell'amore che provo verso David Foster Wallace. Scrissi un articolo un secolo e mezzo fa, in occasione dell'anniversario della sua scomparsa. Ogni storia d'amore è una storia di fantasmi, oltre a essere una bellissima citazione proveniente dal suo lavoro incompiuto, Il Re Pallido, è anche il titolo di questa biografia che racconta tutta la vita dello scrittore del Midwest. [...]

giovedì 27 giugno 2013

Under the Dome - Sbagliane un'altra Steven


Quant'è bello il romanzo The Dome? Tanto, sicuramente uno dei più azzeccati negli ultimi anni dal Re. C'ha quel sapore corale tipo L'Ombra dello Scorpione che lo rende perfetto, e quella cattiveria genuina che è la morte sua. Ha pure il classico cattivo kinghiano assetato di potere e quindi pericoloso, un finale al cardiopalma con una rivelazione che forse è un tantino sciocca ma funziona bene.
E invece l'idea di trarne una serie TV come la classifichiamo? Nel senso, gli esperimenti precedenti di adattare i lavori di King al ritmo televisivo sono stati grosso modo un disastro (IT, L'ombra dello scorpione, Shining, la serie TV ovviamente, giù le mani da Kubrick). E se a questa trasposizione aggiungiamo anche il fatto che quello che succede pare molto diverso dal romanzo? [...]

lunedì 24 giugno 2013

Il Prodotto - sì, un altro libro che ho scritto io e con una copertina molto inquietante!


Doveva in realtà essere domani il grande giorno, ma ad Amazon devono aver apprezzato così tanto che l'hanno cacciato fuori a velocità della luce. 
Per farla breve, potete trovare su Amazon Kindle store il mio secondo romanzo, datato... oggi! Il titolo è Il Prodotto. Trovate un sacco di informazioni (non è vero) sulla pagina del prodotto, ehm, del libro, su Amazon.

Segue breve sezione di FAQ, come fu all'epoca della pubblicazione de La Ferita Bianca. [...]

venerdì 21 giugno 2013

Joyland - Stephen King, che cos'è successo al Re?


L'anno scorso il Re ci ha portato a fare un giro negli anni 60, quelli del rock n'roll, quelli della paura per la atomica e quelli in cui fu assassinato uno dei presidenti più amati della storia degli USA. L'anno prima toccava a una cittadina del Maine, Chester's Mill, tenuta prigioniera da una cupola impenetrabile che la isolava dal resto del mondo e la catapultava in una dittatura spietata. Due grandiosi romanzi, 22/11/'63 e The Dome, due tra i migliori esempi di narrativa degli ultimi anni. Quest anno esce invece La leggenda del vento, sterile tentativo di riesumare il capolavoro della Torre Nera, ambientando una serie di racconti nell'universo di Roland. Funziona? Appena.
E poi, a sorpresa, appena qualche mese dopo, mi arriva questo Joyland. [...]

venerdì 14 giugno 2013

The Game of Thrones - Considerazioni sparse sul finale della terza stagione


Scrivo questo post un po' di corsa, perché ho una mattinata molto impegnata (leggi: devo giocare a The Last of us) ma dovevo obbligatoriamente come ogni anno spendere due parole sul finale di una serie TV che, anche in questa terza iterazione, è stata fantastica. Poche tette e pochi culi, è vero, forse si sono resi conto che infilare a sbafo carriolate di mammelle non era proprio indispensabile. Apprezzabile, sì, indispensabile no. Anche perché GoT è una serie che vive dei suoi momenti Beautiful e lì, con tutti gli intrighi e i giochi di potere, dà il meglio di sé. A seguire considerazioni sparse su quanto successo nell'ultima puntata. [...]

mercoledì 12 giugno 2013

La (non) conferenza Nintendo che non ha più i soldi per dare da mangiare a Reggie


Nintendo versa in brutte acque. O meglio: WiiU versa in brutte acque, bruttissime, perché le conferenze di Micro SS oft e Sony con la presentazione delle nuove console hanno fatto sembrare l'ultima uscita in casa Nintendo un po' una cinesata.
La linea d'azione da seguire doveva essere dura: nessuna pietà, testa bassa e caricare con tanta cattiveria. Andava usato qualsiasi mezzuccio, qualsiasi: il taglio di prezzo, lo Zelda nuovo, Reggie che entrava suonando le maracas. E invece: nessuna conferenza, un direct da quarantacinque minuti e sbrigatevi pure che qua si deve lavorare, nessun taglio di prezzo. I giochi? Sui giochi c'è da affrontare un discorso più complesso. [...]

martedì 11 giugno 2013

La conferenza Microsoft e la conferenza Sony viste dagli occhi di uno che deve investire i suoi ipotetici-quattrocento-euro


Come ogni anno l'E3 ci tira svegli fino all'alba. Quest'anno però le cose sono profondamente diverse: qualcuno deve spiegarmi su cosa investire i miei ipotetici-quattrocento-euro. È un momento molto delicato che presuppone rodimenti di culo gigatomici e, solitamente, delusioni esageratamente prese sul personale. Si tratta di stare a sentire per ore e ore una serie di giorgimastrota in giacca e cravatta (quando va bene, altrimenti in felpona che c'hanno mica per il cazzo di vestirsi bene per una conferenza in mondovisione, 'sti qua) che cercano di convincermi a comprare batterie di pentole e biciclette con cambio Shimano, che da anni cerco di capire che cazzo sia 'sto cambio Shimano e ancora niente. Preparazione per la serata: pizza a schifo, le solite goliardiche litigate con i presenti nella stanza fino ad arrivare alle mani in faccia, una lunga attesa fino a Sony, che diarrea li colga tutti. [...]

domenica 9 giugno 2013

Il tempo è un bastardo - Jennifer Egan


Un po' di tempo fa un utente del blog mi ha consigliato di leggere Il tempo è un bastardo, romanzo del 2011 di Jennifer Egan che le è valso il Premio Pulitzer per la narrativa e il National Book Critics Circle Award. Visto e considerato che, per l'appunto, il tempo è davvero un bastardo, mi sono trovato a leggerlo solo in questi giorni, dopo quasi un anno dal suo consiglio.
Caro utente di cui non ricordo il nome, se ci sei batti un colpo perché credo anche di doverti moderatamente ringraziare visto che l'ho apprezzato parecchio. [...]

domenica 2 giugno 2013

I recuperi dell'estate: Lollipop Chainsaw AKA la gonna più corta del west


L'estate -quando arriverà- è uno di quei bellissimi momenti in cui recuperi videogiochi a due soldi, perché non esce niente e perché ti ritrovi con un sacco di tempo libero.
Sono lontano da quei bei tempi in cui mi portavo a casa una paccottiglia di giochi che sarebbe tanto anche definire monnezza (LOST, quanti ricordi), eppure la mia bella dose di pattume annuale, ossia tutti quei giochi che per un motivo o l'altro snobbo durante il resto dell'anno, me la vorrei proprio puppare. Quest'anno a dare il via alle danze (che saranno belle estese, vista la sottoscrizione a PSPlus e il download di Kingdom of Amalur comecazzosechiama, gioco che mi fece abbioccare alla grande già dalla demo) ci ha pensato una piacentissima biondina armata di motosega. Che poi è sempre il modo migliore di iniziare.[...]

sabato 1 giugno 2013

La Macchia Umana - Philip Roth


Rieccomi! Scusate l'assenza prolungata ma come ogni giugno è periodo di esami. E di freddo, e di pioggia. Di buono c'è che ho ripreso un po' i ritmi, ho finito il mio nuovo romanzo (che è in fase di beta-lettura, ma presto ne sentirete parlare proprio qui) e ho ripreso a giocare (ho comprato e finito Lollipop Chainsaw e vorrei scriverne presto). Dispiace arrivare un po' in ritardo con il libro di cui mi piacerebbe parlare oggi (sono già a metà di quello dopo, che tra l'altro mi aveva consigliato un amicone del blog: Il tempo è un bastardo), ma la verità è che gestire Movie shelter mi toglie un sacco di tempo (come al solito vi segnalo la recensione de La Grande Bellezza). Ma ora bando alle bande, direi di parlare del nostro amico Philip Roth. [...]

martedì 21 maggio 2013

Game of Thrones - Terza stagione: servi della gleba a testa alta


Con un po' di fortuna, visto che ho finito di scrivere il nuovo romanzo (!!!) avrò più tempo da dedicare a Panino! Questa è una bella notizia per tutti gli amici da casa. Purtroppo dal punto di vista dei videogiochi ancora il materiale latita, e per i film vi rimando a Movie Shelter (dove da poco ho inserito la recensione del Piccolo Grande Gatsby e de La Casa). Il caso vuole, però, che mi sono di nuovo infognato con le avventure dei nostri amici che abitano a Westeros e, in quattro e quattr'otto, mi sono messo in pari con la programmazione americana. Certo, il mio è anche un tentativo spicciolo per non dimenticare che c'è una maglietta degli Stark in viaggio verso casa mia da ormai un mese e mezzo, e con la quale ho probabilmente fatto felice il figlio di un postino. Speriamo funzioni.
Quanto segue è aggiornato alla puntata numero otto (8) della terza stagione di Game of Thrones, se ancora non l'avete vista potete anche smettere qui di leggere. Oppure continuare lo stesso, che tanto a me...[...]

lunedì 6 maggio 2013

Richard Matheson - Tutti i racconti Vol.2


Ve lo ricordate che qualche settimana fa abbiamo parlato del primo volume dei racconti di Richard Matheson? Non ve lo ricordate? Tiè, ricordatevelo.
Un primo volume esemplare, seicento pagine di racconti che posso tranquillamente ritenere tra i migliori che abbia mai letto. Quindi praticamente d'obbligo era l'acquisto del secondo librone di racconti di Riccardone, che ricordo essere editi da Fanucci in una versione che somiglia a quella scelta per i romanzi di Dick. Prima di addentrarci nel volume, vorrei giusto tranquillizzare gli amici del Panino che sto recuperando, molto lentamente, terreno sugli episodi di Game of Thrones, e quindi a breve aspettatevi un piccolo commento di metà stagione. [...]

giovedì 2 maggio 2013

Kiki Consegne a domicilio - al cinema dopo 24 anni, che nemmeno dovesse vedere un film zozzo


Visto che ho recensito due delle uscite della scorsa settimana su Movie Shelter (Il bellissimo Le Streghe di Salem, il Tonyssimo Iron Man 3), di Kiki Consegne a domicilio voglio parlarne qua, su Panino. C'è da dire che non sono un fan sfegatato del maestro Miyazaki (ho visto buona parte dei suoi film ma alcuni mancano, e soprattutto, fossi un fan sfegatato, non avrei aspettato tanto tempo per vedere Kiki!) ma guardo sempre con immenso piacere i cartoni dello studio Ghibli. Il mio preferito? Forse Porco Rosso. Kiki non è rossa e, per quanto ci è dato sapere, non è nemmeno porca, eppure è un gran bel pezzo di cartone animato, di quelli che brividi e lacrime virili. [...]

giovedì 25 aprile 2013

La Ferita Bianca - Pigliatevelo gratis


Poco meno di un anno fa iniziavo a scrivere il libro che poi è diventato La Ferita Bianca. Da quando è stato autopubblicato su Amazon, lo avete letto in molti e qualcuno lo ha commentato sul sito (grazie!), qualcuno qui sul blog (grazie grazie!), qualcuno addirittura mi ha contattato in privato su Facebook o per mail per farmi sapere cosa ne pensava a lettura ultimata (grazie, grazie, grazie!). Mi siete stati vicini, mi avete supportato, avete scassato i timpani agli ascoltatori dei vostri podcast perché comprassero il romanzo (grazie Bruno, Simone e FreePlaying, non potrò mai ringraziarvi abbastanza). Insomma, sono stato contentissimo del risultato.
Qualcuno ha pensato che avessi guadagnato miliardi dalla vendita del libro, allora dovremmo chiamare Garzanti e chiedere di modificare la parola "miliardi" sul dizionario con "quindici euro, forse", ma le politiche di Amazon sul diritto d'autore e il prezzo minimo che ho scelto di mantenere di certo non mi avrebbero permesso di guadagnare molto, a meno di diventare "il Roberto Saviano del Kindle Store". [...]

lunedì 22 aprile 2013

I cazzi vostri: le (folli) tag di ricerca con cui arrivate sul blog (quattordicesima puntata)


Era nell'aria da un po' di tempo, come il super temporale che sta venendo giù fuori dalla mia finestra. La raccolta del materiale non ha mai richiesto così tanto tempo (la tredicesima puntata è datata 20 dicembre 2012, arrivata quasi in contemporanea col bambinello), ma finalmente è giunta tra noi l'ennesima puntata de: I Cazzi vostri. Prima di partire con la sfilza di simpatiche chiavi di ricerca, voglio solo ricordarvi che quanto vedete in questa rubrica è vero, autentico, originale. Sono le chiavi di ricerca con le quali la gente arriva su Panino al Salame e che il pannello di Blogger si premura di segnalarmi. Quindi allacciate le cinture, si parte! [...]

venerdì 19 aprile 2013

Clive Barker - Libri di sangue, Le stelle della morte (allegria, portaci via)



Lo so che sono un po' scomparso, dove un po' sta per moltissimo. Perdonate l'assenza prolungata ma tra i tanti progetti (abbiamo effettuato uno spostamento dell'host per i siti dello Shelter, a proposito, se vi siete persi la recensione di TommasOblivion del sottoscritto, ve la linko) e l'università, il tempo che passo a casa è davvero poco. Quando possibile, però, mi ricordo dei miei amici del Panino, e torno a casa per raccontarvi, questa volta, di un libro che già dal titolo è subito allegria. [...]

lunedì 1 aprile 2013

Black Mirror, Seconda stagione - la TV inglese non delude mai


Qualche mese fa vi raccontavo della prima stagione di Black Mirror. In realtà è improprio definirla stagione, quanto piuttosto siamo davanti a tre corti cinematografici, ognuno auto conclusivo, che affrontano in modo intelligente le controversie della società nostrana specialmente in rapporto con le tecnologie. La prima stagione lo faceva alla grande, presentando un episodio nel quale si teorizzava il potere informativo indistruttibile e dissacrante della rete (l'indimenticabile The National Anthem), uno nel quale la distrazione dei media è diventata stile di vita (il simpatico 15 Millions Merits) e l'ultimo sull'ossessione della gelosia in rapporto a una possibilità sempre più concreta di spiare la vita privata del partner (The Entire Hystory of you, forse il più debole della tripletta). Tre gioiellini comunque, che vanno dal capolavoro al buon lavoro, ma che rimangono esempi perfetti di un prodotto televisivo intelligente, politico e realizzato ottimamente.
Dopo 'sto pippone, non te la vedi la seconda stagione? Nessuno spoiler se non la trama di ogni singolo episodio, quindi potete leggere in tranquillità.[...]

sabato 30 marzo 2013

La Madre - Complessi di Edipo per Jessica Chastain


Prodotto da Guillermo Del Toro, La Madre è un film horror nato dal corto realizzato da Andy e Barbara Muschietti che a quanto pare ha colpito così tanto l'attenzione del regista de Il Labirinto del Fauno, da spingerlo a investire sul progetto. Il corto, che potete guardare cliccando qui, è riprodotto in una delle scene del film, con più soldi, più mezzi ma probabilmente meno cuore visto che l'effetto che suscita il breve filmato di due minuti è decisamente più riuscito della versione cinematografica. 
Partiamo col presupposto che ho passato i primi minuti del film a pensare a quanto sarebbe stato bello se la vicenda fosse stata ambientata a Roma, con il titolo di: TU MADRE. Quando finalmente la sala ha fatto silenzio, e mi sono arreso all'idea di vedere questo corto d'origine spagnola riproposto in veste americana e non romana, il film è iniziato. [...]

venerdì 29 marzo 2013

Gli italiani non leggono? Comprate Nemesi di Philip Roth


Tornano i consigli di lettura, sempre pimpanti che ormai il ritmo di pubblicazione su Panino è tornato a livelli invidiabili. Aggiornamenti veloci: odio la primavera e tutto quello che porta; ho iniziato Bioshock Infinite e l'inizio mi ha quasi commosso, quando invece si deve sparare sono scoppiato a piangere proprio; se riesco a tirarlo su aspettatevi a breve un nuovo episodio de "I Cazzi vostri" perché la gente ha tirato fuori alcune tag di ricerca che entrano direttamente nella storia dell'internet; Dovrebbe essere uscito il quattordicesimo volume di The Walking Dead, edito da Salda Press, ma non mi va di andare in fumetteria, come faccio?
Esaurita la lunga presentazione che non so mai come riempire, parliamo di Nemesi, l'ultimo romanzo di Philip Roth. Torniamo seri, per favore. [...]

giovedì 28 marzo 2013

American Horror Story: Asylum - Orrore un tanto al chilo


In questa primavera sospirosa e deprimente come ogni primavera, contando i giorni che mancano alla season premiere della terza stagione di Game of Thrones, ho pensato bene di spararmi tutta la seconda stagione di American Horror Story. La prima, quella della casa fantasma un po' Amityville Horror un po' Shining, a parte qualche svarione regalato ai posteri per una eccessiva voglia di inzeppare la casa di ogni sorta di fantasma, aveva portato a casa un risultato discreto. In Asylum torna parte del cast "storico", ma sopratutto Jessica Lange che è tra le uniche cose fenomenali della serie (lei e la sigla, a dire la verità, che è ancora più disturbante di quella splendida della prima stagione). Il resto è un gigantesco, imbarazzante, pastiche. Un ciondolante mostro di Frankenstein costruito al risparmio (di idee). [...]

lunedì 25 marzo 2013

Gli italiani non leggono? Comprate Richard Matheson - Tutti i racconti VOL.1


Ci scrive Mirco dalle Marche: "Amico Fabio, quando tornerai a scrivere sul blog?". Be', amico Mirco dalle Marche, eccomi qui. Qua (e Quo, così li ho messi tutti) la vita a Paperopoli è uno spasso, ma le giornate diventano sempre più corte e le cose da fare sono sempre più numerose quindi mi trovo con tante cose di cui voler scrivere ma poco tempo per farlo. Oggi, visto che su Facebook gira da giorni questa notizia secondo la quale metà degli italiani non legge nemmeno un libro all'anno (nemmeno uno piccino picciò, nemmeno un mezzo libraccio di Moccia), ne approfitto per un consiglio in quella direzione. Se il titolo non fosse abbastanza esplicativo, parliamo del primo volumotto dedicato alla raccolta dei racconti di Richard Matheson, presentati in formato economico da Fanucci giusto un mese fa. [...]

lunedì 4 marzo 2013

Dead Space 3 - Soldati spaziali contro Elton John


Li avevamo lasciati così: Isaac salvato all'ultimo minuto, dopo il tentativo di suicidio più pigro della storia; Ellie senza un occhio, alla guida dell'astronave cazzuta che riesce a salvare il simpatico protagonista proprio pelo pelo, mentre l'universo gli crolla sulle spalle.
Dead Space 2, ne avevamo parlato a queste coordinate ormai un centinaio di anni fa, su questi lidi era piaciuto assai. L'avevo definito l'Aliens della saga di Dead Space: più mostri, più armi, più adrenalina. Adesso sono un po' in imbarazzo, perché il vero: "Stai lontana da lei, maledetta!" è questo terzo capitolo.
Sapete, da quanto vi ho scritto un po' di tempo fa, parlottando di DMC, quanto per me non sia un periodo felice per i videogiochi, eppure questo Dead Space 3, con tutte le pecche che si porta dietro, m'è piaciuto molto. [...]

domenica 24 febbraio 2013

Il Buio Oltre la siepe - Harper Lee


Ogni tanto ti capita di leggere un libro talmente delizioso che fin dalle prime pagine capisci di aver fatto centro. Che è quello giusto. Che davvero, meglio di così, sarebbe stato difficile beccarlo. Forse è semplicemente la piacevole scoperta che al di là del carattere minuscolo scelto per l'edizione che stai leggendo, il contenuto è talmente scorrevole e sintatticamente scivoloso da essere una meraviglia. O forse il modo da colpo di fulmine letterario in cui ti prende per mano e ti racconta una storia che tocca tutte le sfumature del tuo essere, e lo fa nel modo più giusto possibile.
Il Buio oltre la siepe è stato uno di quei libri. Quando ho iniziato a leggerlo, dopo una sessione vorace di lettura, non ho potuto far altro che pensare: questo diventerà uno dei miei libri preferiti. Così è stato. [...]

lunedì 11 febbraio 2013

Il Modo di Sofia - Filosofia for Dummies


Capita che, purtroppo per scelte sbagliate nella vita (quelle scelte che ti portano con la testa sul bancone dei peggiori bar di Caracas a domandarti perché nella disperazione non hai comunque scelto un bar migliore), non ho mai studiato filosofia. Qualcosina, quando a scuola si parlottava di diritto o economia, ma mai in modo lontanamente esaustivo.
Complice quella curiosità che anima praticamente ogni roba che faccio, m'è saltato alla mente lo sghiribizzo di leggere un libro di filosofia e chiedere consiglio su cosa iniziare. Mentre la furia Nejrotti s'è fiondata su Nietzsche (consiglio che coglierò al più presto), il pacato Maglione ha consigliato una infarinatura generale: Il Mondo di Sofia. Una leggerissima lezione di filosofia incastrata in un racconto metareferenziale che funziona davvero bene. [...]

mercoledì 6 febbraio 2013

Devil May Cry - E forse è il caso di farlo


Ammetto di non essere nel periodo più felice della mia vita per giocare ai videogiochi. Ammetto di essere preso da tutt'altro, di aver cominciato a odiare un pochino l'ottusità di un media che ho tanto amato, di cominciare a capire perché, nonostante qualche bella eccezione, sia così granitico nel non voler mai osare qualcosa di nuovo.
Con tutte queste premesse, e spinto dalla prova della discreta demo, ho iniziato a giocare al reboot di DMC. Quello col Dante tamarro e la musica dubstep di sottofondo, aspetti che non mi hanno per nulla infastidito (perché incredibilmente sono fasulli entrambi: Dante è molto meno tamarro del Dante dei vecchi episodi, e la musica dubstep molto meno presente di quanto ci si potrebbe aspettare), ma che contribuiscono a creare il quadro di un gioco appena sufficiente, esaltato dalla critica di mezzo mondo. [...]

venerdì 1 febbraio 2013

Lincoln - Steven Spielberg


Scrivere questo articolo ha richiesto più o meno lo stesso tempo che far passare il benedetto tredicesimo emendamento. Ormai è quasi una settimana che io e Lincoln ci siamo salutati; lui andava al teatro e non s'è più fatto risentire. Fa così; è un tipo freddo, lui.
Stupidate a parte, scrivere questo articolo non è stato per niente facile perché Lincoln è un film che mi ha lasciato poco e niente e quindi trovare le parole per scrivere a proposito del film è stato più faticoso del previsto. [...]

giovedì 31 gennaio 2013

Flight - Robert Zemeckis


Il film più chiacchierato dell'anno! Nel senso che sono capitato in una sala di poveri stronzi che non hanno fatto altro che commentare qualsiasi cosa succedesse sullo schermo. Di mercoledì sera quando si spera che uno al cinema ci va perché gli interessa e non perché non sa come buttare il goliardico fine settimana. La prossima volta provo ad andarci di lunedì mattina e vediamo.
Tra l'altro ero in una sala del tipo: "'Sto negro me fa taja", urlato da un quarantenne (con figli) nel posto davanti al mio. Grazie a questo campione statistico valevole per l'italiano stronzo, ho scoperto che all'italiano stronzo fanno ridere, nell'ordine: i neri avvocati, gli alcolici (sopratutto la vodka, oh, sì, la vodka quanto cazzo ci fa ride), il cancro e, sopratutto, la cocaina. De', con la cocaina matte risate che manco avessero pippato loro.
Cercando di eliminare questo meraviglioso sottobosco, Flight è il ritorno di Zemeckis a un film live action, senza la sperimentazione degli ultimi lavori come La leggenda di Beowulf A Christmas Carol. Con un trailer che sparava a palla Gimme Shelter degli Stones, il biglietto da visita era di certo gustoso. [...]

martedì 29 gennaio 2013

The Shelter - Il network che conquisterà l'internet


Eccolo, quel momento saporito che aspettavamo da anni.
Negli ultimi giorni ho lavorato con orari da minatore per la realizzazione di questo piccolo grande sogno. Quello che c'è da dire lo trovate scritto QUI. In pratica stiamo per conquistare internet.
Per il resto, quello che chiedo a voi amici di Panino (e domani si torna, speriamo, con la recensione di Lincoln, a breve le opinioni su DMC che sto giochicchiando nei ritagli di tempo!) è di continuare a seguirci e, se avete voglia, mettere mi piace alla pagina ufficiale Facebook di The Shelter.
Evviva!

giovedì 24 gennaio 2013

Frankenweenie - Tim Burton


Io non amo l'animazione e ancor meno l'animazione in stop motion. Sono praticamente la nemesi di un film come Frankenweenie, però apprezzo Tim Burton e, come mi sono "costretto" a vedere l'allora Sposa Cadavere (che non mi ha nemmeno fatto impazzire, perché all'astio di cui sopra va aggiunto che ogni cinque minuti partiva una canzone in stile cartone Disney che è una cosa che non sopporto), ho ritenuto necessario sottopormi alla visione di Frankenweenie.
Frankenweenie è un classico burtoniano nato come corto nel 1984. Questa versione, nelle sale dal 17 gennaio 2013, è una rilettura di quella stessa storia, ampliata e migliorata; il ritorno di Tim Burton, a suo stesso dire, a un progetto molto personale. [...]

lunedì 21 gennaio 2013

Il Seggio Vacante - Provaci ancora Rowling


Devo dire che speravo profondamente di amare questo libro per una duplice ragione riconducibile in entrambi i casi a una donna differente. Una, J.K. Rowling, è una scrittrice che stimo e che durante l'adolescenza, proprio quando ne avevo bisogno, riuscì a regalarmi un bel po' di magia diluendola in sette libri che ricordo con affetto. L'altra, mia mamma, che vive la sua condizione di "donna che fa i regali" seguendo il terribile dogma: "il regalo che faccio deve piacere a me, non a chi lo riceve" (sì, mamma, da denuncia) e che incredibilmente questo Natale ci aveva azzeccato (sotto suggerimento) in pieno, regalandomi questo Il Seggio Vacante.
Dicevo, speravo con tutto il cuore di adorarlo, ma purtroppo così non è andata. [...]

sabato 19 gennaio 2013

Django unchained - Quentin Tarantino


Diceva il buon Tarantino, palesando il suo amore per gli spaghetti western, che non sarebbe mai riuscito a girare una sequenza perfetta come il finale de Il Buono, il brutto, il cattivo.
La componente western è presente in gran parte -se non nella totalità- dei suoi lavori (Kill Bill su tutti, ma è impossibile dimenticare i primi minuti di Bastardi senza gloria, accompagnati da un Morricone che all'epoca mi costrinse a un cambio di mutande strategico) ma nessuno dei suoi film ha un'ambientazione dichiaratamente figlia del genere portato alla ribalda da Leone e Corbucci. Per questo, all'annuncio di Django unchained ho dovuto comprare uno stock di mutande nuove.
Chiunque abbia però un po' di dimestichezza col cinema di Tarantino saprà perfettamente che i suoi film, per quanto citazionisti in modo pulito e dichiarato, sono sempre piegati alla sua poetica, alla volontà di raccontare una storia che vada oltre al genere di ispirazione (in questo caso lo spaghetti western e i film blaxploitation) e che, in un certo senso, reinventi quel genere.
Nessuna sorpresa: Tarantino non ne sbaglia mai una. [...]

martedì 15 gennaio 2013

Vita di Pi - Ang Lee


L'ho visto in ritardo perché fin dal primo giorno mi sono rifiutato di andarci. La colpa non è proprio del tutto mia. È che nel primo trailer che ho visto è uscita fuori a tradimento la scritta: "Il nuovo Avatar!". Mi sono sentito un po' come quando un tuo amico ti presenta una ragazza, te le stringi la mano e lui ti fa l'occhiolino e ti dice: "Oh, questa è la nuova Cicciolina". Un po' ci rimani, inevitabile.
Complice il fatto che s'è beccato novecento nomination agli oscar, ho deciso di dargli una possibilità e, con un po' di fortuna visto che ormai lo stanno togliendo ovunque, sono andato a vederlo. [...]

lunedì 14 gennaio 2013

Jack Reacher - Christopher McQuarrie


Uno vede il trailer di Jack Reacher e va al cinema sicuro come il mondo di trovarsi davanti a una cafonata di quelle che a Tom Cruise piacciono tanto. Certo, poi leggi che il regista e sceneggiatore è Christopher McQuarrie, lo sceneggiatore di quel gran film che era I soliti sospetti e un po' di speranza, se ce ne hai in avanzo, ce la metti pure. Quello che ti aspetti è un film d'azione, solido e ben girato, che ti diverta quell'oretta e mezza di nulla assoluto. Prima di scoprire che dura due ore e dieci. Vabbe', dici, due ore e dieci di cafonata. E invece...

lunedì 7 gennaio 2013

The Master - Paul Thomas Anderson


Ho conosciuto Anderson con Magnolia e poi l'ho adorato alla follia con Il Petroliere. The Master è il suo sesto film; il fatto che sia stato distribuito a membro di segugio qua in Italia (che un film del genere me lo metti in una sola sala del tuo fottuto cinema a venti sale mi indigna abbastanza) e che sia stato accolto tiepidamente da una certa critica nostrana che l'ha definito un vuoto esercizio di stile, non poteva significare altro che mi sarei trovato davanti un grande film.
Ovviamente, come al solito, questi segnali sintomo di qualità quasi certa si sono rivelati di nuovo profetici! [...]

venerdì 4 gennaio 2013

Film, Er Listone 2012: i migliori e i peggiori


Ultimo appuntamento con Er Listone 2012, questa volta dedicato al cinema. Torniamo a parlare di roba uscita esclusivamente nel 2012 nelle nostre sale. Ci sono dei film che in patria sono usciti sensibilmente prima ma che la distribuzione nostrana ha deciso di regalarci, con eccezionale prontezza, soltanto in questo 2012 e quindi li considero come tali e li inserisco senza problemi. Per il resto vige il discorso fatto in precedenza: nei film su cui sono dubbioso si nasconde qualche pellicola discreta ma che ha devastato le mie aspettative.
Rosico per The Master (che andrò a giorni, quindi lunedì recenso), Django Unchained (di sua maesta Dio in persona), Lords of Salem e Looper che da noi non sono ancora arrivati, ma ne parliamo nei prossimi mesi. [...]

giovedì 3 gennaio 2013

Libri, Er Listone 2012: i migliori e i peggiori


Secondo appuntamento con Er Listone 2012, questa volta dedicato ai libri. Una piccola precisazione: a differenza dei videogiochi e dei film (che vedremo domani) i libri in questo articolo non sono tutti usciti nel 2012, c'è roba molto più vecchia e c'è roba futura. No, scherzo, quella no.
C'è qualche uscita di quest'anno (Ho Il seggio vacante della Rowling sul comodino, da finire, appena portato a termine ne parliamo con calma e al massimo si inserisce nella classifica in ritardo!), ma visto che sarebbero stati in numero davvero ridotto ho preferito prendere in considerazione la sessantina di libri che ho letto negli ultimi dodici mesi e tirare le somme su quello, che fosse recente o meno. Potete tranquillamente pensarla come una serie di consigli, visto che poi, come dice il saggio, un libro che non si è mai letto è un libro nuovo. [...]

mercoledì 2 gennaio 2013

Videogiochi, Er Listone 2012: i migliori e i peggiori


Eccomi! Tornato dai festeggiamenti e ancora un po' stordito dalle stelline d'artificio pericolosissime utilizzate per segnalare la gioia dell'anno nuovo, sono pronto per Er Listone riassuntivo di fine anno.
Quest'anno ho deciso di dividere le categorie, giusto per fare un po' di ordine e per inserire il meglio e il peggio nello stesso articolo.
Un piccolo appunto: sarebbe più giusto dire che la lista (e non classifica! Quindi tutto quello che leggete ha un ordine sparso) racchiude quello che mi è piaciuto di più e quello che mi ha deluso di più di questo 2012. Quindi magari nella seconda categoria trovate dei prodotti obiettivamente discreti ma che hanno ammazzato le mie aspettative. Detto questo, al solito parliamo di una lista del tutto soggettiva, ognuno c'ha i gusti suoi, ogni scarrafone è bello a mamma soja, non è bello quel che è bello ma è bello ciò che piace, altezza mezza bellezza. Iniziamo! [...]

Condividi!