domenica 24 febbraio 2013

Il Buio Oltre la siepe - Harper Lee


Ogni tanto ti capita di leggere un libro talmente delizioso che fin dalle prime pagine capisci di aver fatto centro. Che è quello giusto. Che davvero, meglio di così, sarebbe stato difficile beccarlo. Forse è semplicemente la piacevole scoperta che al di là del carattere minuscolo scelto per l'edizione che stai leggendo, il contenuto è talmente scorrevole e sintatticamente scivoloso da essere una meraviglia. O forse il modo da colpo di fulmine letterario in cui ti prende per mano e ti racconta una storia che tocca tutte le sfumature del tuo essere, e lo fa nel modo più giusto possibile.
Il Buio oltre la siepe è stato uno di quei libri. Quando ho iniziato a leggerlo, dopo una sessione vorace di lettura, non ho potuto far altro che pensare: questo diventerà uno dei miei libri preferiti. Così è stato. [...]

lunedì 11 febbraio 2013

Il Modo di Sofia - Filosofia for Dummies


Capita che, purtroppo per scelte sbagliate nella vita (quelle scelte che ti portano con la testa sul bancone dei peggiori bar di Caracas a domandarti perché nella disperazione non hai comunque scelto un bar migliore), non ho mai studiato filosofia. Qualcosina, quando a scuola si parlottava di diritto o economia, ma mai in modo lontanamente esaustivo.
Complice quella curiosità che anima praticamente ogni roba che faccio, m'è saltato alla mente lo sghiribizzo di leggere un libro di filosofia e chiedere consiglio su cosa iniziare. Mentre la furia Nejrotti s'è fiondata su Nietzsche (consiglio che coglierò al più presto), il pacato Maglione ha consigliato una infarinatura generale: Il Mondo di Sofia. Una leggerissima lezione di filosofia incastrata in un racconto metareferenziale che funziona davvero bene. [...]

mercoledì 6 febbraio 2013

Devil May Cry - E forse è il caso di farlo


Ammetto di non essere nel periodo più felice della mia vita per giocare ai videogiochi. Ammetto di essere preso da tutt'altro, di aver cominciato a odiare un pochino l'ottusità di un media che ho tanto amato, di cominciare a capire perché, nonostante qualche bella eccezione, sia così granitico nel non voler mai osare qualcosa di nuovo.
Con tutte queste premesse, e spinto dalla prova della discreta demo, ho iniziato a giocare al reboot di DMC. Quello col Dante tamarro e la musica dubstep di sottofondo, aspetti che non mi hanno per nulla infastidito (perché incredibilmente sono fasulli entrambi: Dante è molto meno tamarro del Dante dei vecchi episodi, e la musica dubstep molto meno presente di quanto ci si potrebbe aspettare), ma che contribuiscono a creare il quadro di un gioco appena sufficiente, esaltato dalla critica di mezzo mondo. [...]

venerdì 1 febbraio 2013

Lincoln - Steven Spielberg


Scrivere questo articolo ha richiesto più o meno lo stesso tempo che far passare il benedetto tredicesimo emendamento. Ormai è quasi una settimana che io e Lincoln ci siamo salutati; lui andava al teatro e non s'è più fatto risentire. Fa così; è un tipo freddo, lui.
Stupidate a parte, scrivere questo articolo non è stato per niente facile perché Lincoln è un film che mi ha lasciato poco e niente e quindi trovare le parole per scrivere a proposito del film è stato più faticoso del previsto. [...]

Condividi!