lunedì 22 aprile 2013

I cazzi vostri: le (folli) tag di ricerca con cui arrivate sul blog (quattordicesima puntata)


Era nell'aria da un po' di tempo, come il super temporale che sta venendo giù fuori dalla mia finestra. La raccolta del materiale non ha mai richiesto così tanto tempo (la tredicesima puntata è datata 20 dicembre 2012, arrivata quasi in contemporanea col bambinello), ma finalmente è giunta tra noi l'ennesima puntata de: I Cazzi vostri. Prima di partire con la sfilza di simpatiche chiavi di ricerca, voglio solo ricordarvi che quanto vedete in questa rubrica è vero, autentico, originale. Sono le chiavi di ricerca con le quali la gente arriva su Panino al Salame e che il pannello di Blogger si premura di segnalarmi. Quindi allacciate le cinture, si parte! [...]



Partiamo con un classico, che non può mai mancare. Ci accompagna più o meno dalla prima puntata, questo significa che il sempre più nutrito stormo di persone che cerca questa pratica barbara non riesce a trovare soddisfazione. Nonostante il convincimento che mettono nelle ricerche, tipo:



Oppure, l'imborghesito:



Oppure, l'insaziabile:



Oppure, il classico ma sempre disturbante:



Ringraziamo gli amici da casa per i contributi sempre disgustosi, e passiamo oltre. Passiamo ai nostri amici animali.



Che è una vera chiave di ricerca suggerita da Google.



Che NON è una vera chiave di ricerca suggerita da Google.



Domanda più che lecita alla quale ha incredibilmente risposto un altro amico da casa, arrivando su Panino con la saggezza in mano:



Volete sapere una cosa?



FATE FINTA DI NON AVERLO LETTO.
Dedichiamoci agli amici in cerca di prove fotografiche, invece.





Eccolo. È quello sulla vostra sinistra:





È un panino. Col salame dentro.





Come se i nazisti non fossero stati una minaccia abbastanza grande anche senza triforza.





Perché quelle mostrate in American Horror Story erano chiaramente storie vere, e infatti era uno di quei:



E allora diamo spazio a quegli amici che hanno domande esistenziali, di quelle che nemmeno entrano nella schermata.



Ecco un novello Freud che vorrebbe studiare la mente umana nei più piccoli particolari e, come campione di riferimento, prende le tag di ricerca qua su Panino.



Il suo esimio collega, che giustamente si interroga su questioni altrettanto eticamente importanti (notare poi la chiave "belsedere" appena sopra).



E un poveraccio rimasto invischiato nell'affaire Assassin's Creed 3. Mai, amico mio, la risposta è mai.

Per chiudere, la spiegazione a questi ultimi quesiti e a buona parte dei tag di ricerca che abbiamo avuto il piacere di presentare in questo quattordicesimo episodio:



E buona notte.

6 commenti:

  1. No, va bhe alcune sono di una trashata pazzesca! Le adoro!

    RispondiElimina
  2. Grandissimo come sempre!
    (Vergognati, è il 22 aprile e non hai ancora fatto un post su Gheims ov Strons)

    RispondiElimina
  3. Questa si riconferma sempre come la rubrica sul genio popolare che preferisco

    RispondiElimina

Condividi!