lunedì 17 ottobre 2011

Terra Nova: L'Asylum prodotta da Steven Spielberg


È quel periodo dell'anno in cui decine di nuove serie TV si ripropongono, come peperoni indigesti, costantemente sulle reti televisive watssamerican e finiscono in meno di uno schiocco di dita da noi, tradotte e imbellettate. Che sennò tutti se le scaricano dall'internetto e Sky finisce in miseria, come ai tempi di Lost. Terra Nova, che non è una serie TV che parla di cani di dimensioni medio grandi, ma una roba estremamente Stargate, molto Avatar con un tocco di Jurassic Park. Ovviamente, come tutto da un paio d'anni a questa parte, prodotta da Steven Spielberg che non sa che fare poveraccio durante il giorno e "dopo l'ebrei de guera" (.cit) s'è messo a produrre un po' tutto quello che gli capita sotto mano. Ieri sera, con un po' di ritardo rispetto alla messa in onda, ho visto il pilota della serie. Un'ora e ventidue di polpettone con un gusto un po' strano. Così tanto strano che già dopo qualche minuto è suonato il campanello d'allarme: quello non era polpettone. [...]


Siamo nel solito futuro distopico in cui la polizia è megacattiva e ti entrano in casa rovistando ovunque e buttando tutto per aria, così, senza motivo, ché dopo mica mettono in ordine loro. Solo perché gli stai tantissimo sul cazzo. In questo futuro-non-tanto-lontano, il censimento è diventato una cosa serissima. Aivoglia a dire: "No, che coglioni è arrivato il censimento, dobbiamo metterci là e compilarlo". Qua ti si inculano proprio se lo fai sbagliato.
Il nostro protagonista, Jim, ha ciccato un particolare piccolissimo: c'ha segnato una figlia di meno. Dice: "Come mai?", perché la legge impone che non è possibile avere più di due figli per famiglia e lui ne ha fatti tre. Perché gli sembrava una buona idea. Durante un'ispezione delle forze di polizia, la bambina viene scoperta, Jim reagisce in modo spropositatamente violento (le reazioni umane sballate saranno un marchio di fabbrica di tutta la puntata) e finisce in carcere per sei anni. Sì, sembra esagerato pure a me.


Qualche anno dopo, sua moglie, Elisabeth, scienziata e medico di stoca' viene chiamata a trasferirsi su Terra Nova, un mondo alternativo estremamente simile alla Terra milioni di anni prima, quando c'erano i dinosauri e i millepiedi grossi come cani. Tutti felici di potersene andare dal loro pianeta morente, l'allegra famigliola organizza una fuga con evasione e altri sedicimila reati, che altro che sei anni di galera. Tutto questo succede in dieci minuti; Jim fugge dalla prigione, infila la figlia piccola, che per ragioni di Bo non poteva trasferirsi a Terra Nova (no, a costo di aprire una parentesi infinita, parliamone, nel mondo iperinquinato del presente, il controllo demografico è una pratica che al limite della fantasia potrei anche arrivare a capire, ma negare alla dottoressa di portarsi dietro la figlia piccola in un mondo da colonizzare che senso ha? E poi visto che gli altri due figli li poteva portare, 'sta povera ragazzina che fine faceva?) in uno zaino (in uno zaino, sì) e facendosi sgamare praticamente subito, corre dentro allo stargate che lo porta fino a Terra Nova. Un cazzo di calvario.


Qua inizia praticamente la storia della Dharma di Lost. Sembra un villaggio vacanze Alpitur: ci sono tutti questi bungalow che vengono assegnati alle famiglie che si sono trasferite su Terra Nova, un sacco di sole, un sacco di piante, un sacco di frutta: tutta roba che per motivi puramente scientifici i ragazzi non avrebbero dovuto mai vedere (lo stesso Jim ammette che quand'era piccolo lui il sole era troppo oscurato per poterlo vedere, quindi tantomeno avrebbero potuto i suoi figli) ma nessuno si scompone più di tanto. C'è un'esaltazione e una cazzo di autocelebrazione che fa spavento: è un trionfo di musiche epiche, silenzi colmi di solennità il tutto assolutamente senza motivo. E poi c'è quella cosa che io odio  e puntualmente  si presenta in ogni dannatissimo film di fantascienza: le forze dell'ordine con quelle cazzo di armature ridicole e inutili che sembrano uscite da una partita di paintball.
Inizia tutta una parte in cui il buonismo scorre con prepotenza e addirittura Spielberg avrebbe dovuto suggerire che forse era una parentesi troppo melensa, quindi un altro sfanculamento di reazioni umane, con il ragazzo, Josh, che si ribella al padre senza che ce ne sia un motivo vero e proprio. E poi il male.


I dinosauri. Viene ripetutamente mostrato un brachiosauro che prende del cibo dalla piccola Zoe, la figlia minore della coppia. Ora io voglio dire, Jurassic Park è un film del 1993, con qualche nozione di matematica riesco a ricavare che da quella pellicola (di Spielberg, poi) sono passati ben diciotto anni. Quasi diciannove. Non solo i dinosauri di Jurassic Park sono infinitamente migliori di quelli che si vedono su Terra Nova, no, sarebbe riduttivo. Si potrebbe dire che Jurassic Park si caga in mano e poi prende a schiaffi in faccia Terra Nova e forse, allora, si comincerebbe a dare un'idea più o meno fedele dell'abisso che c'è tra le due produzioni. Quella CG è qualcosa che, forse, addirittura l'Asylum (ve lo ricordate Almighty Thor?) si risentirebbe di presentare. È vergognosa, è brutta nel modo più brutto che potete immaginare, finta, posticcia. Roba che Jurassic Fight Club gli ride in faccia. Da questo momento in poi, probabilmente sconvolto dai merdosauri, il telefilm va alla deriva.


In breve: papà Jim comincia a lavorare come fruttarolo, Josh trova figa ma il padre non ci sta e cerca di fargli fare la figura del broccolo, Naomi, la figlia grande, cerca di rendersi antipatica a tutto il mondo parlando di cose senza senso ma alla fine, visto che è discretamente appetibile, trova l'amore anche lei (oh, in una giornata tutti si sono sistemati, sembra un ritrovo di scambisti), Elisabeth viene a patti col fatto che anziché usare una semplice flebo, lì su Terra Nova preferiscono utilizzare delle enormi e disgustosissime sanguisughe grosse come cocomeri.
Josh, sempre seguendo quell'antico proclamo sui peli e sui carri di buoi, fa una bella pensata: che non ci vai in giro in una giungla coi dinosauri a buttarti di sotto da una scogliera di settecentometri con una finestrella d'acqua alta venti centimetri con attorno spuntoni di roccia per poi inciuccarti di liquore di noci? Eddaje va! Ci vengono presentati i ribellih che si sono ribellati senza motivo (c'è proprio un discorso che, supercazzolando, dice questo) e c'è una parentesi pietosa, che sorvolerò, in cui i ragazzi vengono braccati da dei dinosauri chiamati Slasher. Alla fine, Jim, riscopertosi poliziotto sventa il piano dei ribellih e salva il figlio dai dinosauri. Tornano a casa, abbraccione di gruppo e tanti saluti.

Aspettando la terza puntata (già pronta, aspetto solo che mi torni il coraggio per vederla) ci tengo a precisare che questo post non è prodotto da Steven Spielberg.

6 commenti:

  1. Trololol bella cazzata pare sta serie. Mi pare che in terza puntata c'è Phus Jordan co la testa de vecchia!

    RispondiElimina
  2. tuocugginoquellodeicastellimanonilpiùgrandebensìilpiùpiccolo17 ottobre 2011 14:19

    Il telefilm coi personaggi clichè. Ti avviso che praticamente ogni puntata meriterebbe un post xD. Comunque ormai l'ammerigani se so imparati che facendo scrivere le sceneggiature a delle scimmie riescono comunque a produrre qualcosa che viene guardato, è una merda ma la gente se lo guarda ugualmente, quindi tanto di cappello.
    PS: SteveL Spielberg è la versione Bollywood? :P

    RispondiElimina
  3. (è che in realtà questo post è prodotto da Steven Spielberg)

    Mi sa che appena vedo la terza puntata la tentazione di venirlo a sputtanare qua sarà fortissima!

    RispondiElimina
  4. sicuro? ormai produce tutto, quindi non mi stupirei producesse anche la piattaforma blogger..

    comunque anche impegnandosi a tutti i costi per fare la serie più ridicola della storia, non si potrebbe fare meglio di terra nova :)

    RispondiElimina
  5. Delusione immensa D: ero fomentatissimo a vedere una serie tv con i dinosauri prodotta da Spielberg, mi aspettavo un jurassic park coi controcazzi riproposto quasi 20 anni dopo e mi si presenta davanti una serie equivalente al peggior film della Asylum.
    Invece di andare avanti a quanto pare si retrocede con l'evoluzione, caro Spielberg invece di rovinarti la reputazione va a lavorare dal McDonald piuttosto che hai fatto una figuraccia mondiale

    RispondiElimina
  6. Fino a metà post ero tentato di vedere la serie, perchè la trama non è affatto male.
    L'unione Jurassic Park, Stargate e Lost potrebbe creare qualcosa di unico se sfruttata per bene, ma evidentemente non è stato cosi.
    Magari darò un'occhiata alla prima puntata, ma sò cosa aspettarmi ._.

    RispondiElimina

Condividi!