venerdì 10 giugno 2011

Tira più un pelo di pixel che un carro di buoi (Parte IV)


Usciamo dal mood E3 e rientriamo in quello sbavante e inconcludente della rubrica più amata dagli italiani. Continua il nostro viaggio alla scoperta dei personaggi femminili più meritevoli del videoludo e, manco a farlo apposta, quello che ci troviamo davanti oggi è ancora un picchiaduro pieno di donnine nude che si menano di brutto. Uno dei migliori. Non tanto come picchia duro, quanto come donnine nude. Molto meglio delle bambolotte di Dead or Alive che abbiamo analizzato (capito? E' scienza) la settimana scorsa. Il gioco su cui puntiamo i riflettori quest'oggi è Soul Calibur. E le sue millantamila donne. [...]





Seong Mi-Na.
E non Mina. Una donna che ha capito le due regole fondamentali dei picchiaduro: avere un'arma più lunga degli altri e lasciare intravedere le tette. In questo modo potrebbe essere usata sia per il vantaggio tattico dovuto dall'arma, sia per il bello spettacolo offerto. Brava Mi. Na.



Sophitia. Una ragazza greca e sembra che i greci debbano per forza andare in giro così: vestiti in modo ridicolo e con l'alloro in testa. Sophitia è figlia di un fornaio e, prima di impugnare la spada e partecipare al torneo, era fornaia pure lei. Poi tiè.
Devotissima alla Dea Atena combatte per qualche ragione che in questo momento mi sfugge. Di certo non è una tipa pudica, visto il vestito che indossa per combattere.



Usciamo subito allo scoperto: Taki è la mia preferita. Sia perché la trovo un pelino più forte di tutti gli altri personaggi sia perché ha delle buone motivazioni dalla sua. Almeno due buone motivazioni.
Taki è una ninja che è in grado di utilizzare anche l'arte magica. Il grande problema di questa bella figliola è il range delle armi, davvero cortissimo. Nonostante venga bastonato spesso quando mi trovo a utilizzarla, capita che continui a giocare nei suoi panni spinto da chissà quale forza misteriosa.



Ivy è una donna pericolosa. Una donna a cui gli stati uniti potrebbero dichiarare guerra per via di quelle armi di distrazione di massa che si porta attaccate al petto. Non solo, perché oltre a possedere queste cariche pericolosissime, il suo costume è... come dire... inesistente? Ok, mi sembra la giusta definizione. Bo, non saprei che altro dire, perché non ho mai guardato nient'altro di Ivy. Utilizza un'arma particolarissima a metà tra una frusta e una spada e ha un'aria da stronza che fermati.



Setsuka è una specie di rozzona ma di quelle che trovi d'estate sulla spiaggia di Ostia col Calippo e la bira (rigorosamente con una r). Quello che fa tristezza è che non è sempre stata combinata così. Questo attire da tossica è recente perché, nel terzo capitolo di Soul Calibur, Setsuka era così:



Giuro che non ho idea di chi sia tale Xiang Hua. Ha un livello pettorale talmente sotto la media che m'è passata proprio così... invisibile. Senza Marco Berry a carico. Comunque sia, a dispetto della mia distrazione, pare una che trova il suo lato migliore in tutt'altro



Cassandra è la sorellina di Sophitia. Sì, a quanto pare in famiglia sono tutte così. Le uniche greche bionde con gli occhi azzurri.
Cassandra combatte per aiutare Sophitia in qualcosa che non ho mai capito e che sinceramente non mi ha mai interessato più di tanto. Quello che è interessante di Cassandra è che combatte impugnando uno scudo rosa.



Tale Tira. Mai vista.
Nell'immagine sottostante sembra un po' Poison Ivy, un po' una battona di strada. Che poi non è che ci sia tutta questa differenza



Giuro che stavo per saltarla questa Shura. Sì, qualcuna l'ho saltata ma il mondo non ha bisogno di quindicenni ultrapiatte e di tizie in armatura. dicevo, stavo per saltarla, quando poi ho visto il costume e ho pensato che dovevo metterla per forza. Ché era una degna conclusione.

8 commenti:

  1. scarseggiano un pò di fantasia in soul calibur in fatto di donne però eh u_u
    Ivy col vestitino inesistente è imho la più intrigante, anche perchè quell'atteggiamento da signorina stronzettina è sempre di ben gradito *-*

    RispondiElimina
  2. Tra queste la mia preferita è decisamente Sophitia, anche se ricordo bene è una pippa clamorosa... Ma non siamo qui per giudicare questo.
    Comunque aborro la tua conclusione, aborro!

    RispondiElimina
  3. Anche per me la migliore è Sophitia e m'intriga tanto anche Shura...

    RispondiElimina
  4. Quanto materiale in Soul Calibur, peccato non averci mai giocato.. La scelta è davvero ardua ma la mia preferita rimane Ivy, se non l'aveste ancora capito più sono porche meglio è *^*

    RispondiElimina
  5. Ahh, Soul Calibur. Certo che scegli sempre roba classica.
    È fantastico notare l'evoluzione che prende la saga ad ogni nuovo capitolo.
    http://tinyurl.com/65lrjrl
    http://tinyurl.com/5wjzoj9
    Cmq Cassandra uber alles, anche se Tali è sempre nel cuore grazie a quelle effettivamente ridicole "boob physics" di SC2, ma che all'epoca, soprattutto negli occhi di me piccolo preadolescente, erano tanta roba.

    RispondiElimina
  6. straordinaria fotografia

    RispondiElimina

Condividi!