venerdì 17 giugno 2011

Tira più un pelo di pixel che un carro di buoi (Parte V)



C'eravamo fossilizzati sui picchiaduro. Il problema è che nei giochi di menare c'è una certa concentrazione di qualità e quantità da fare impressione. Oggi variamo un po' che davvero delle tipe che si prendono a cazzotti ne abbiamo abbastanza. Ci torneremo presto che tanto ce ne sono a scatafascio.
Oggi analizziamo quella famosa azienda di Kyoto che c'ha fatto crescere a suon di funghi, tartarughe e principesse. Nintendo. Quella stessa Nintendo che ci ha abituato tutti a un fatto inoppugnabile: puoi anche salvare la principessa dalle grinfie dello stronzo, centinaia di volte, ma se sei bassetto, coi baffi e, sopratutto, fai l'idraulico, non te la darà mai. Al massimo una torta. Ma la torta è una bugia. [...]



Subito peni invisibili

Peach, la principessa del regno dei funghi. Cioè, un regno abitato da funghi umanoidi, in cui lei è l'unico essere umano.
Ha la meravigliosa abitudine di farsi rapire da chiunque passi di lì e, arrivati alla centesima volta, io due domandine sulle guardie del corpo me le farei. Ha altresì la brutta abitudine di farsi salvare da Mario, Mario che in cambio si aspetterebbe una sanissima galoppata ma che, tuttalpiù, si becca un bacio. Appare particolarmente sospetto il suo tempismo nell'invitare Mario al castello sempre e solo nel momento in cui qualche entità malvagia solitamente se la porta via.
A livello puramente estetico, Peach è piuttosto attraente. Così piuttosto e così attraente che Mario è proprio un povero illuso. Bowser, nel suo essere un tipo grosso, stupido e stronzo, ha decisamente più possibilità di riuscita.




Daisy. La principessa Daisy. Principessa del regno di Sarasaland ma attualmente residente anche lei nel regno di funghi, a vivere sulle spalle di Peach.
Daisy è la fidanzata di Luigi. Questo significa che nel mentre Mario si fa tutta la galassia per cercare di liberare Peach per un bacio, Luigi, che è molto più figo, se la diverte senza dover raccogliere una sola moneta.
Daisy condivide una rivalità amichevole con Daisy ed è anche amica di Mario.



Rosalinda. La principessa delle stelle. New entry tra "le donne che non la danno a mario" sin dal primo Mario Galaxy. Va detto però che l'atteggiamento di Rosalinda è sempre distaccato, superiore. Ha proprio l'aria da stronzetta menefreghista e credo che sia stata piuttosto corretta nel non far credere a Mario di avere possibilità (mica come quell'altra...).
Vive nell'Osservatorio Cometa, insieme agli Sfavillotti e, ogni cent'anni, ha la possibilità di tornare sulla terra. Non lo so quanti anni ha, non si chiede a una signora.




Zelda. La principessa (alla Nintendo ci stanno dentro di brutto eh?) Zelda.
Principessa di Hyrule, vive in tante forme quanti sono gli "universi" narrativi degli Zelda (i giochi n.b) dalla bella principessa elfica, alla piccola principessa pucciosa fino alla vecchia lupa di mare nascosta sotto l'imperscrutabile pseudonimo Dazel.
Purtroppo è una di cui non si trovano immagini decenti online, zero, nada. E' più casta e pura di Paolo Brosio e dopo un po' mi sono pure scocciato di cercarle. E quindi? E quindi vi beccate una foto di due Link cosplayere, che poi non sono per niente male. E vaffanculo Zelda.



Midna è lo sgorbietto che Link si porta appresso per tutto Twilight Princess. Cioè, lo sgorbietto lo dice che in realtà lei sarebbe una principessa (e daje) bellissima, ma chi c'ha creduto?
Invece sì, e Link lo scopre solo alla fine, una volta spezzata la maledizione. Prima che Midna lo lasci là come un demente a crogiuolarsi nel nulla.




Samus Aran.
La mia preferita. Finalmente niente principesse ma una cacciatrice di taglie spaziale che, se vuole, ti prende a calci potenti nel culo. Una donna che cela la sua bellezza assoluta dietro a un casco molto brutto, che spara ad alieni orribili con cannoni montati sul braccio, che è in grado di trasformarsi in una palla. In più è bionda.
Samus vince a mani basse, su chiunque.




12 commenti:

  1. È che non sai dove cercare le immagini, caro il mio Fabio...
    Comunque Samus vince assolutamente sulle altre zozzone Nintendo, non c'è battaglia.
    Tra l'altro presto svelerò una succosa curiosità su Samus!
    A parte fonti di immagini... birichine! Dai un'occhiata pure su deviantart quando non le trovi.

    RispondiElimina
  2. Fra le sozzone made in Nintendo non c'è storia, Samus vince a mani basse.

    RispondiElimina
  3. Il fatto è che devono si essere birichine ma nei limiti del possibile. Non posso postare degli hentai, caro Ennio.

    RispondiElimina
  4. E infatti se rileggi cosa ho scritto capirai di essere un carciofo.

    RispondiElimina
  5. ti dirò che non apprezzo questo stile nintendaro delle donnicciole, troppo mangose a parte Samus che ovviamente la preferisco anch'io tra tutte! comunque non sapevo neanche che esistessero tutte quelle principesse in mario LOL
    ps: nella prima immagine di peach oltre che a peni invisibili c'è anche la posa della mano molto equivoca x°D

    RispondiElimina
  6. ps: attenderò le immagini birichine di ennione nel panino al cazzo! XDDD

    RispondiElimina
  7. Sta zitto va che quello di blogspot ancora non appare su google! Robe da pazzi!
    Comunque tranquillo che ora che ho un posto serio dove scrivere, arriveranno XD

    RispondiElimina
  8. Preferivo le donnine dei picchiaduro XD
    E poi le "ragazze" della grande N non mi dicono nulla... infatti le uniche immagini buone sono tutte fanservice et similia...

    P.S.
    Sappi però che ho apprezzato la citazione di Portal :)

    RispondiElimina
  9. Daisy è una raffinata degustatrice di cazzi...

    RispondiElimina
  10. Su, su, a Samus si può dire tutto tranne che è una zozza.
    Anche perchè se ti sente sa come fartela pagare...
    E non esiste nessun episodio col titolo "Other M" e se esiste era solo un sogno fatto dopo che Samus aveva mangiato pesante.
    E sbaglio o la metà delle altre immagini sembrano disegnate dalla stessa persona?

    RispondiElimina
  11. Samus è l'unica che mi intriga nel mondo Nintendo, le altre sono troppo caste e pure per i miei gusti.
    L'ultima immagine poi non lascia molto spazio alla fantasia e questo non può che far piacere a tutti noi *.*

    RispondiElimina

Condividi!