venerdì 22 luglio 2011

Un Momento nel Tempo: La risposta a tutte le vostre domande!


E' così che titola il primo fumetto su cui inizia "Un Momento del Tempo", la saga dell'Uomo Ragno che si prefigge il compito di rispondere a tutte le domande che non avete mai osato chiedere. Forse semplicemente perché non sapevate a chi chiederle. Tipo: "Qual'è il numero di telefono di Megan Fox?"; oppure: "Perché hanno tolto Dreamland da tutte le sale cinematografiche del mondo prima che potessi vederlo?"; ma anche solo: "Perché Joe Quesada di punto in bianco impazzì cancellando anni e anni di storie del Ragno?". Purtroppo la domanda a cui vorrebbe rispondere questa saga è quest'ultima. Ignorando l'urgenza di vedere Dreamland. Ma, almeno, lo fa? No. [...]



Bisogna tenere in conto che magari non tutti i lettori di Panino sanno cos'è successo all'Uomo Ragno durante quella saga senza senso di "Un Nuovo giorno". Ve lo rispiego velocemente.
Durante Civil War, Peter Parker ebbe la fantastica idea di dar retta a Tony Stark (che porta una sfiga clamorosa, bravo Peter!) svelando la sua identità segreta davanti alle telecamere e firmando l'atto di registrazione dei supereroi. Peter ebbe modo di ravvedersene praticamente subito dopo, perché, oltre che pentirsi della scelta e schierarsi dall'altra parte, quella di Cap, con una facilità degna del miglior Giudaccio infame, finì vittima di un attentato che, invece di colpire lui e Mary Jane, finì per azzoppare la vecchia zia May. A quel punto, quando tutti finalmente ci stavamo per togliere di torno quella antica donna dai facili costumi, Peter si rese conto che non voleva. Che quella vecchia era campata troppo poco. Come la vecchia della pubblicità dell'ACE, che quand'ero piccolo io era già vecchia.
L'unico modo che trovò per salvarla fu stringendo un patto con Mefisto, il demone del mondo Marvel. Il patto era semplice: il mondo avrebbe dimenticato l'identità segreta si Peter, zia May sarebbe stata bene MA Peter avrebbe dovuto cedere in cambio il suo matrimonio con Mary Jane.
A questo punti grandi pianti come se non ci fosse stato un domani e alla fine, Bon.
Peter preferì la vecchiaia alla figa e fece lo scambio.


A questo punto inizia "Un Nuovo Giorno" questa saga in cui Peter non è mai stato sposato con Mary Jane, perché successe "qualcosa di misterioso" il giorno del matrimonio che creò una spaccatura tra i due, quasi irreparabile.
Ci sono voluti N anni per arrivare al punto in cui qualcuno si degnasse di spiegarci: cos'è successo in quell'episodio che noi lettori non abbiamo mai letto? Cos'è successo di così inenarrabile da aver dovuto aspettare tutto questo tempo?
Ecco qua. "Un momento nel tempo" parte da questo punto. Ovviamente fate conto di leggere questa parte che segue, dopo due anni buoni di distanza da quella sopra.
Mary Jane va a trovare Peter, perché sì, e come si fa con gli amici di un tempo ci si scambiano grandi pacche sulle spalle e ci si raccontano grandi storie del passato. La nostra storia del passato è proprio quella del perché questi due giovani non si sposarono. Emozione. Rullo di tamburi. Cose inenarrabili. Cani pieni d'aria.


Succede, per farla breve, che il giorno del matrimonio Peter non si presenta all'altare. Dice com'è, come non è, quel figo di Harry Osborn, grande amico di Peter, se ne esce fuori pure con una frase infelice, tipo: no, Peter è uno che il matrimonio gli fa paura. E lo dice con Mary Jane vestita da sposa e in attesa dello sposo, presente. Eccoli gli amici.
In realtà Parker, vestito da Uomo Ragno, è stato mazzuolato da un ladro random, proprio la sera prima del matrimonio ed è rimasto svenuto per tutto il tempo.
Fine.
Ecco la storia inenarrabile dietro il matrimonio che non c'è stato.
Però aspettate a mandare a fanculo Quesada (perché sì, la storia è sua), perché Peter corre a casa da Mary Jane e la trova in lacrime (strano), lui le spiega tutto e lei se ne esce fuori con il discorso più vecchio del mondo di quelli sentiti e risentiti cento volte tipo bere molta acqua e mangiare tanta frutta d'estate, che si perdono tanti liquidi: Lei ama Peter, ma non può vivere una vita come compagna dell'uomo ragno. Ancora grandi pianti.
I due si mollano, solo per tornare insieme qualche tempo dopo con una grande convinzione: non si sposeranno finché Peter non rinuncerà alla sua identità segreta, ma il loro rapporto d'amore può continuare. Yuppi!


Salto in avanti. Torniamo a Civil War.
Peter rivela la sua identità anche in questo caso. Però succede un casino perché, non essendo sposato con MJ e quindi non potendo effettuare lo scambio con Mefisto, come farà Peter a tornare indietro sulla sua decisione? Ma sopratutto, che cazzo ce ne frega? Invece ce ne frega, a quanto pare.
Allora parte tutto un altro capitolo della storia in cui un killer mandato da Kingpin cerca di assassinare una certa zia Anna di Peter, mentre zia May è all'ospedale a tirare le cuoia. Mary Jane corre in aiuto di questa fantomatica zia Anna (mai vista né sentita) e finisce per essere ferita dal killer. Peter interviene proprio al momento giusto, salva Maria Giovanna e va dall'unica persona che potrebbe aiutarlo. Il Dottor Strange.
Il Dottor Strange acconsente di aiutarlo: cancellerà dalla memoria di tutti l'identità segreta di Peter. Prezzo da pagare: niente.
Se siete lì a chiedervi per quale motivo Peter non abbia fatto così anche prima, invece di andare da Mefisto, siete esattamente nella mia posizione.
L'unico grande scotto sarà dover essere l'unico a ricordare quanto successo veramente. Di Civil War, di zia May sparata, di questa cazzo di zia Anna (ecco perché non me la ricordavo, forse), e di Mary Jane ferita. Mi sembra comunque un prezzo minimo, no? Sì, tutto apposto Stephen, vai. Apri tutto.
Stephen inizia il suo incantesimo, però Peter non ce la fa a non fare cose stupide, quindi afferra Mary Jane e le tiene nella "bolla temporale" costruita ad hoc per permettere che lui ricordasse tutto. Il risultato è che oltre a lui anche la bella rossa ha memoria degli eventi recenti.
Nel finale, clamoroso, Mary Jane dice che avrebbe preferito dimenticare e che Peter è un egoista e ha pensato solo a sa. Poi se lo limona duro.
Fine.


Qual'è il senso di questa storia? Non si sa. Ha davvero risposto alle nostre domande? No. Perché Peter non era andato da Strange in principio? E' forse perché Strange non avrebbe potuto salvare zia May? Cioè, uno che fa dimenticare a tutto il mondo una cosa, non riesce a salvare una vecchia? Perché dopo questo finale MJ e Peter non hanno continuato a frequentarsi? Ma sopratutto: chi se ne frega?
Al via nel prossimo numero: "L'origine della specie", il capitolo conclusivo di "Un nuovo giorno". Un proposito talmente grande che, se segue le premesse di questo, si risolverà in una nuvola di polvere. Staremo a vedere, tigrotti.

4 commenti:

  1. e a pensare che io li ho anche i primi numeri di "un nuovo giorno", iniziai nel momento peggiore di sempre a leggere il povero spiderman XD
    Che poi veramente..che utilità ha avuto tutto questo? oh myyyyy, sempre peggio Marvel..sempre peggio

    RispondiElimina
  2. Non ho nemmeno finito di leggerlo... dopo il primo albo mi sono limitato a sfogliarlo perchè, davvero, mi sono cadute le palle. Io speravo che alla fine tornassero insieme, che alla Marvel l'avessero capito che tutti volevano il ritorno di MJ e invece no! Sono pure risuciti a rendere la storia della separazione più stronza e soprattutto adesso è chiaro che MJ non tornerà per un bel po'.

    Che poi pensandoci meglio questa storia è davvero, ma davvero inutile, anzi più che inutile ti incasina solo di più le idee! A che cazzo è servito Mefisto se tutto il lavoro lo ha fatto Strange (tra l'altro aiutato da Reed Richards e Tony Stark, quelli a capo di tutto il casino di Civil War, quelli che lo dovrebbero arrestare...)? Solo per incasinare il matrimonio? E poi a cosa è servito non farli sposare se poi questi fino a 'sto casino si amavano lo stesso? Questo giro un bel VAFFANCULO alla Marvel non glie lo toglie nessuno...

    RispondiElimina
  3. No ma infatti, quello che stupisce di tutta la vicenda è l'inutilità. Non serve veramente a niente se non a svelare che Parker non si presentò al matrimonio perché tramortito da un idiota. Per il resto è addirittura pericolosa perché rischia di generare un numero di domande, questioni e what if sul what if che possono solo far male alla saga.

    RispondiElimina
  4. O mio dio, questa è una delle storie più brutte che la mente umana (?) abbia mai partorito..
    La vicenda del ladro a random è una boiata clamorosa, come se a Super Man mettessero le puntine sul mantello constringendolo a non volare.
    La fine poi totalmente senza senso, speriamo che qualcuno faccia perdere i ricordi di tutto ciò anche a me.

    RispondiElimina

Condividi!