venerdì 26 agosto 2011

(Re)Watching the Watchmen


Sì, è una grande verità. Ho scritto il post solo perché il titolo era di un figo allucinante.
In realtà l'altra sera ho rivisto Watchmen, il film, per quella che credo sia la quinta volta. Tutte le due ore e quarantadue minuti filate, senza un fiato, al buio, con le cuffie e gli occhioni incollati allo schermo.
Io e Watchmen, il film (lo specifico, perché col fumetto c'è tutt'altro tipo di rapporto) abbiamo dei trascorsi difficili, del tipo che lui era freddo con me e io ero freddo con lui. Del tipo che era finito là, incagliato in quella zona grigia della "sospensione in attesa di giudizio", e c'è rimasto per due anni, con le braccia conserte e un sacco di pazienza. Ad aspettare.
L'altro giorno ci siamo rincontrati, io e il film di Watchmen, e lui m'ha guardato scocciato e mi ha chiesto: "Insomma? Hai deciso?". Forse. [...]


Silk Spectre invece, m'è sempre piaciuta...

Sai quelle sere d'estate, col caldo, il condizionatore che ti urla odio contro per averlo lasciato acceso un numero di ore consecutive da denuncia, le zanzare assiepate fuori dalla finestra, che grattano sul vetro come zombie affamati. Quelle sere che non sai che cazzo fare, ma sono le nove e mezza e ti fa tristezza metterti a leggere. Quelle sere là. Un po' da Oblio.
Ecco, per combattere queste serate in cui la sempre stupida televisione è, oltre che stupida, anche terribilmente offensiva, proponendoti in prima serata tutti quei film sulle catastrofi naturali talmente anonimi che hanno un solo titolo in comune, ho cominciato a rivedermi film di supereroi a caso. E il primo è stato a Watchmen.

Il Batcostume di Gufo non l'accetterò mai

Io e Watchmen, il fumetto, andiamo d'amore e d'accordo. Significa che io lo amo, incondizionatamente. Significa che è la mia storia a fumetti preferita, quella che ricomincerei a leggere subito dopo averla terminata, quella che ho letto per un numero impressionante di volte, innamorandomi a ogni pagina sfogliata e trovando sempre un particolare, una frase, un significato che mi era sfuggito in precedenza. Watchmen è proprio la dimostrazione che non importa se si è sovrappeso (perché quel volume grande come un elefante e pesante all'incirca allo stesso modo è decisamente grasso), l'importante è essere belli dentro. E Watchmen è bello dentro, fuori, di lato: ovunque.
E il mio amore per la storia è così grande, ma così grande, che quando andai a vedere il film ero pure contento.
Poi il disastro. Perché a fronte di una fotografia mostruosamente bella, di una fedeltà al fumetto praticamente cartacarbonata, una colonna sonora strastupenda e azzeccatissima... il film non deliverava. Niente proprio, frigido e freddo come abbracciare un Polaretto.

A proposito di abbracciare un Polaretto.

Il tutto è rimasto così, grigio, per un macello di visioni. Poi l'altra sera, all'ennesimo tentativo, con il film che guardava me, labbra strette, braccia strette e chiappe strette, in attesa di giudizio, qualcosa è scattato. Mi è piaciuto. Non saprei dire perché ci sono voluti cinque tentativi, e ancora oggi la scena di sesso a bordo di Archie, o la scazzottata nel vicolo, o l'attore scelto per Veidt e la rissa pagliacciosa nel finale non mi vanno giù, ma il resto... o il resto per una volta ha funzionato bene.
E comunque sì: era per il nome del post.
E adesso devo scegliere tra vedere "La furia della montagna" o spararmi una maratona di X-men, comprati in DVD tempo fa e mai più rivisti...

7 commenti:

  1. è proprio un momento di epifania morale...
    prima la rivalutazione dei giochi iphone poi questo, sono talmente hipster che usavo la parola hipster prima che diventasse di moda... avevo la parola hipster in vinile

    RispondiElimina
  2. Mi sa che sto diventando una persona piùmeglio.

    RispondiElimina
  3. personalmente non è piaciuto in modo particolare, l'ho trovato molto anonimo, a parte Rorschach che era un gran figo *_*
    Per il resto non lo ricordo bene, e non avrei la forza di rimpastarmi la memoria con una nuova visione D:

    RispondiElimina
  4. Anche a me non ha madi detto nulla...
    Suggerisco la maratona di X-men.

    P.S.
    Comunque preferisco "Il ritorno del Cavaliere Oscuro" a "Watchmen"

    RispondiElimina
  5. Carino, ma qualcuno sa spiegarmi perché mentre scopano in sottofondo c'hanno piazzato una quantomeno stridente "All Along The Watchtower" (se ricordo bene)? Ha a che fare col fumetto?

    RispondiElimina
  6. Ciao caro Anonimo. No, nel momento di passione tra Gufo e Spettro c'è una ancora più quantomeno stridente "Hallelujah".
    All along the Watchtower, è piazzata benissimo, nel momento in cui Gufo e Rorschach arrivano in Antartide da Veidt.

    RispondiElimina
  7. Premessa: non ho letto il fumetto.
    Watchmen è uno dei miei film preferiti, che accudisco li ben bene in BluRay, quindi il mio giudizio è totalmente di parte <3
    Mi è piaciuto da subito, sin dalla prima volta che lo vidi al cinema, è stato un colpo di fulmine.
    Sicuramente lo preferisco a X-Men o tanti altri film di supereroi D:

    RispondiElimina

Condividi!