venerdì 12 agosto 2011

Tekken! Il film. Circa.


Anno... anno, le nazioni del mondo si sono annientate tra di loro (di già non regge: e la Svizzera?), cioè, proprio finite, la Signora America s'è scontrata con la Signora Europa che stava menando alla Signora Asia e sono morte. Così. Le nazioni muoiono.
In questo casino generale, a mantenere il controllo sul mondo, ci pensano otto corporazioni. No, non ha senso avete ragione. Come se la Telecom prendesse possesso della Sardegna dicendo: "Qui comando io, e vi fornirò a tutti ADSL scrause!". Una di queste corporazioni è la TEKKEN! La nostra storia prende il via qui, a Tekken. E più precisamente nell'originalissima Tekken City. Mica cazzi. [...]



L'inizio del film è di una noia assurda.
Jin Kazama fa il ladruncolo, frega roba a Tekken, a Tekken City, roba targata Tekken, per i nemici di Tekken. Si fa pagare in DOLLARI UNIVERSALI (che sembrano i soldi del monopoli ma in realtà sono ancora più ridicoli... oh, però ci voleva la fine delle nazioni per una moneta unica?) e poi ci compra caffè e arance per la madre. La madre, che come tutti i fan di Tekken sapranno, è Jun Kazama (sì, in famiglia hanno problemi con i nomi propri), e che fin dalla tenera età l'ha addestrato in tutte le arti marziali dell'universo e l'ha spronato a NON partecipare mai al torneo di Tekken. Insegnagli a coltivare fiori se non vuoi che si vada a menare, dico io. No. Botte e sangue.
Tempo dieci minuti che Jin si fa ammaliare dalle forme procaci di una barbona tossica finta bionda, e i soldati di Tekken irrompono in casa sua per cercarlo. Per via dei furti credo. E quindi, mentre Jin si libera dal caldo abbraccio della bambina col cuore di donna (che molto realisticamente si copre le zizze quando è inquadrata dopo la sveltina), casa sua -con tutta Jun Kazama- viene nuclearizzata senza pietà. Dio sa perché. Se tutto questo non fosse abbastanza assurdo, la prima cosa che pensa Jin dell'accaduto è: "È stato Heiahchi Mishima". Perché sì.


C'è una più o meno lunga parentesi a casa Mishima in cui Kazuya (con un pizzetto finto che nemmeno io a carnevale), si accinge a ricoprire diligentemente il ruolo di minchione sottomesso al padre Heiahchi, come nemmeno Alberto Angela. E tutti sono in eccitazione per sto cacchio di Tekken, il torneo. Non la città, non lo Stato, non la Corporazione. Zeniale la storia di chiamare tutto allo stesso modo. Heiahchi fa notare a suo figlio che chi vince il torneo, vince il Mondo. C'è un breve tentativo di spiegare sta banfata, ma è una supercazzola su cui glissiamo.
Nel frattempo Jin, che adesso vuole partecipare al torneo, in barba ai tanti insegnamenti di sua madre, partecipa a una preselezione in cui incontra l'ex pugile e attualmente pelato Steve Fox (tutti quei capelli biondi, Steve...), e in cui dovrà sconfiggere Marshall Law, il classico personaggio dei picchiaduro che imita Bruce Lee.
C'è questo incontro parecchio pezzente, girato da un bambino con l'otite, in cui non si vede mai un colpo andare a segno. Una serie di capriole e pugni che, con magistrale stacco di camera all'ultimo momento, finiscono inglobati nella nullità delle inquadrature mangiate.
Vabbé, Jin vince, perché si ricorda che sua madre gli aveva detto come sconfiggere eccecc... E allora vince. Grandi feste e Steve Fox diventa il suo manager.


C'è un breve intermezzo pornografico in cui Kazuya si fa le Williams. Non Serena e Venus ma Anna e Nina. Anna ha la faccia da pornostar. Nina tutto il resto da pornostar.
Jin viene portato dove la gente del Tekken si allena e conosce (e noi insieme a lui) i partecipanti. Raven, Eddie, Brian, Nina e Anna williams, Dragonov (?), Michelle Rojo (???), Yoshimitsu e Christie Monteiro.
Partiamo subito col dire una cosa molto, molto importante: Christie è una roba bella pesa. Nel senso che appena Jin la vede se la stupra con gli occhi. E saranno i pantaloni a giro culo? Saranno quelli.


Gli scontri cominciano.
Raven vince contro Eddie. Grandi emozioni, quindi si volta verso il pubblico e fa un saluto comunista.
Jin (che è l'unico che non ha diritto a una foto decente sul tabellone e a un cognome, in quanto viene chiamato: JIN L'ELETTO DEL POPOLO), vince contro sto minchia di Rojo, perché si ricorda che la madre gli aveva detto eccecc...
Si apre quindi una parentesi sentimentale barra romantica barra porno con Christie.
Jin l'eletto del popolo e Christie vanno in discoteca. Christie mostra il culo da tutte le angolazioni. C'è da dire che è un pezzo di topa che fermati e metà ne bastava. Jin si lascia andare, in tutti i sensi, e confessa: "Non so chi sia mio padre". Lui e Kazuya sono gli unici due orientali nel film. Togliendo Marshall Law, che secondo me era filippino. Quindi, per consolarlo, Christie lo limona duro.
I due giovini amanti tornano nel palazzo della Tekken, si lasciano sull'uscio della camera di Jin (che prende un due di picche clamoroso), e fanno giusto in tempo a salutarsi che Jin viene attaccato dalle Williams, vestite da ninja. Anche qui: sono le uniche altre due donne nel film. Chi potrà mai essere? Visto che i combattimenti fino a questo punto erano girati troppo bene, per questo attacco a sorpresa si è deciso di utilizzare uno stile a "intermittenza". Cioè non si capisce un cazzo e la luce, sa Dio perché, si accende e spegne in continuazione.
Le due tenniste assassine feriscono gravemente Jin, che viene portato in salvo da Steve e Christie.


Kazuya, turbato per via del tentativo di omicidio fallito (Oh! Era stato lui a commissionarlo!), chiede a Brian di sbarazzarsi di Jin. Dice che gli offre CENTOMILA DOLLARI UNIVERSALI! più o meno settemila soldi del Monopolino. Brian fa tutto un discorso che non si capisce e alla fine allo stesso modo non si capisce se accetta o meno.
Christie deve battersi con Nina, per il torneo, mica per altro. La massacra velocemente e nello scontro non ci sono ops, upskirt ne inquadrature giroculo. Niente da segnalare, sciò.
Jin deve affrontare il terribile Yoshimitsu, maestro spadaccino. Steve Fox gli regala dei guanti, va a capire perché.
Yoshimitsu combatte in armatura e con una spada. Ora: chi cazzo è che fa le regole del torneo? Perché se è permesso Yoshimitsu in armatura e spada, io mi sarei presentato con un carrarmato, altro che guanti di merda.
Comunque Heiahchi non è d'accordo. Non si sa con cosa non è d'accordo e basta. Probabilmente rendendosi conto della disparita di trattamento tra Yoshimitsu e l'eletto del popolo. Il vecchio dice: "Fermiamo l'incontro!". Ma Kazuya non ci sta, impazzisce, ordina che venga arrestato Heiahchi che invece si ribella. Un casino della madonna e, approfittando della distrazione, Jin si ricorda che la madre gli aveva detto come sconfiggere eccecc... e vince.
Però è di poca consolazione perché viene arrestato insieme a tutti gli altri partecipanti al torneo.

Arrivato a questo punto del film, dopo settordici stravolgimenti ci si chiede: Ma che cazzo si vince a sto torneo?

(Il mondo)


Christie, Jin e Steve scappano. Liberano Heiahchi che convince Jin nel giro di due secondi che non è stato lui a uccidere Jun. Christie si piega a favore di camera. Delirio e panico in quel di Tekken. Nessuno capisce più niente, tutti a guardare il culo di Christie.
Nella fuga successiva Heiahchi rivela a Jin che Kazuya è suo padre. Quindi i soldati di Tekken irrompono sulla scena, sparano a Steve Fox (che dopo una sventagliata di mitra si ritrova un singolo buco sul petto) e quindi riportano Jin e soci al Tekken. Il torneo. Non prima però di assistere a una patetica scena figlio-genitore tra Kazuya e Heiahchi, con tanto di finta commozione e parole pesanti. Kazuya ordina che il vecchio venga ucciso, quindi se ne va.
Negli ultimi istanti di vita, Heiahchi tenta un esperimento di pinotismo sulla guardia che dovrà sparargli.
Siamo quasi al finale, resistete.


C'è un inutilissimo quanto bruttisimo scontro tra Dragunov e Brian. Brian vince staccandogli la testa con una catena. Però poi la testa sta ancora attaccata al corpo, che mica possiamo mostrare colpi smembrati qua.
Quindi, visto che tutti, dagli attori agli spettatori, s'erano rotti le palle del film, si passa subito all'ultimissimo scontro. La finale delle finali. Il Re dei Re.
Jin, l'eletto del popolo (sì, lo chiamano ancora così) contro Brian.
Jin prende tante di quelle botte che metà bastavano. Brian, come fin'ora sospettato, è favorito dagli innesti metallici che ha nel corpo. Inutile prenderlo a botte, perché ci si fa solo male.
E come farà Jin a sconfiggerlo?
Il pubblico è fomentatissimo, canta: Jin, Jin, Jin.
Però Jin non ce la fa. Tira un calcio a tutta potenza a Brian, ma quello fa il rumore delle pentole di Mastrota. Non puoi capire quanto è forte. Acciaio Inox.
Però ecco che quella vocetta torna. E già, perché Jin si ricorda che la madre gli aveva detto come sconfiggere eccecc... si improvvisa Ezio Auditore e con un colpo della morte dall'alto sconfigge Brian. Ma come sembrava imbattib... sconfigge Brian.
Al che Kazuya si inquieta un attimo. Basta, dice. Ci penso io.
Afferra due asce e si dirige verso Jin.
Mobbassta.


L'inizio dell'incontro è con Kazuya che dice ovvietà. Fa due mosse da cretino e infligge qualche danno leggero a Jin. Poi succede che qualcuno peta dalla terza fila del primo anello degli spalti, Kazuya si distrae e Jin si ricorda che la madre gli aveva detto come sconfiggere eccecc... prende un'ascia e squarta Kazuya. Quand'è sul punto di infliggergli il colpo di grazia si dimostra incredibilmente magnanimo. Come se non l'avesse spanzato un secondo prima.
Quindi Christie, improvvisatasi annunciatrice, presenta Jin l'eletto del popolo e adesso CAMPIONE DEL POPOLO! Sì! Grande festa!
Jin si infila la giacca. Vado a casa dice. Senza nemmeno scoparsi Christie, che è scontato.
La famiglia Mishima è stata completamente scalzata. Quindi mo chi comanda? 'Sto cazzo? No. Comanda Jin. Senza motivo, e le guardie gli danno tutte retta.
Fine.

Sì così. Fine.

Eh no, perché la meravigliosa scena dopo i titoli di coda ci svela che in realtà, il vecchio Heiahchi non è morto. Il suo esperimento di pinotismo era andato a buon fine. E la guardia non l'aveva shottato.
E mo fine. Davvero.

11 commenti:

  1. Delirio e panico in quel di Panino. Nessuno capisce più niente, tutti a guardare il culo di Christie.

    RispondiElimina
  2. Mah, secondo me è un bel film d'azione, i personaggi sono ricreati benissimo (a parte Steve Fox). La trama lascia molto a desiderare per uno che ha giocato a tutti i capitoli, ma è comunque godibile.
    Non consiglierei mai di vederlo sul grande schermo, ma è un bel filmetto.

    RispondiElimina
  3. senza parole, se lo faceva l'Asylum veniva meglio sto film, è qualcosa di osceno dall'inizio alla fine X°D (tranne il culo di christie).
    Personaggi riprodotti in maniera stucchevole, per quale motivo poi D:
    basta non voglio scrivere altro, lo offenderei troppo u_u

    RispondiElimina
  4. LOL io 'sto film mi sa che l'ho visto tipo, boh, due anni fa? Credo... comunque sì, è ridicolo forte. Un po' come Tekken 6 , un po' come Jin, un po' come tutta la pallosissima storia della famiglia Mishima...

    RispondiElimina
  5. Il motivo per cui chi vince il Tekken vince il mondo è chiarissimo.
    E' antani come se fosse ostuni.

    @Lilithlun +1

    RispondiElimina
  6. Comunque i nomi dei due combattenti "sconosciuti" (Miguel Rojo e Sergei Dragunov) mi suonavano familiari, così sono andato a rispolverare Tekken 6 e sono effettivamente due nuovi personaggi, ridicoli ok, ma esistono davvero (anche se questo è, eventualmente, l'ultimo problema del film).

    RispondiElimina
  7. Allora.

    @Doc: No, in effetti non è PESSIMO, non come Dead or Alive o Street Fighter per esempio. È un film brutto con dignità. Perlomeno non è noioso.

    @Emanuele: Ah ecco chi sono i due puzzoni! Non ho giocato Tekken 6 (come penso... nessuno) quindi mi suonavano proprio anonimi. Bella questa scelta di non cagarsi KING e Hworang per inserire sti due zingari.

    RispondiElimina
  8. Quando sono andato a vedere questo film al cinema, e sottolineo cinema, mi aspettavo molto peggio.
    Incredibilmente non mi sono mai annoiato e sono giunto al parere finale che se fosse stato un film NON su Tekken mi sarebbe anche piaciuto abbastanza.
    Peccato per quegli epic fail come Steve Fox calvo e più grande di Nina che in realtà è la madre, Kazuya con la barbetta e l'incredibile mancanza di personaggi come Paul, King, Lee e Hwoarang che gli fa perdere moltissimi punti.
    Che puntalmente si riprende con il culo di Christie.
    Voto 6

    RispondiElimina
  9. Io ci avrei buttato dentro pure Devil e Angel, per rendere tutto un po' più zingaro... Magari un Ogre alla fine, con Jin che si ricorda di un insegnamento della madre per uccidere i draghi.

    RispondiElimina
  10. Ogre lo avrebbero fatto stile Goro sul film di Mortal Kombat xD iper pupazzo che si muoveva a scatti

    RispondiElimina
  11. Mitica epitesi della trama del film... Christie ed il suo lato B valgono il prezzo del biglietto! Solo quello però!

    RispondiElimina

Condividi!