mercoledì 18 gennaio 2012

Escono dalle fottute pareti - Le demo di The Darkness 2 e Kingdom of Amalur: Reckoning


Periodo d'oro per tutti quelli che, come me, adorano provare i giochi qualche tempo prima che questi siano realmente disponibili. C'abbiamo tirato su una settimana di Panino con le demo, e domani Nintendo ci fa la grazia di fare uscire quella di Resident Evil Reveleations, sul 3DS. Una console Nintendo con le demo. Domani è una di quelle date da segnare sul calendario.
Oggi, invece, doppio appuntamento con quelle che hanno fatto la loro comparsa ieri sul marketplace xbox: il promettente The Darkness 2 e l'anonimo Kingdom of coso. [...]


The Darkness, il primo, era una figata. Mescolava ai meccanismi FPS l'utilizzo dei poteri di Tenebra ma, sopratutto, un tipo di narrazione particolare unito a un gusto per l'esplorazione quasi inedito per il genere. La struttura lineare alla quale -quasi- ogni altro FPS ci aveva abituato era stata ripensata, per offrire elementi atipici come gli spostamenti in metropolitana, i personaggi non giocanti che assegnavano missioni e, sopratutto, una trama davvero ben pensata, piena di momenti narrativi che, senza avere fretta di sparare il giocatore a mille all'ora contro un muro di proiettili, si prendevano il loro tempo e funzionavano alla grande.
The Darkness 2, da quanto traspare in questa demo, è esattamente quello che sarebbe stato The Darkness se fosse stato spogliato da questa componente particolare. Quindi un FPS con meccaniche interessanti legate a doppio filo all'utilizzo della Tenebra e un gusto insano per il gore. Potete immaginare lo sguardo triste da cagnolino bastonato sulla mia faccia.


Certo è che non bisogna urlare al disastro troppo presto, perché in effetti i poteri di Estecado sono rimasti assolutamente "sfiziosi" (.cit) da utilizzare ed è stata aggiunta qualche meccanica interessante. Per esempio: ora uno dei bracci della Tenebra può smontare le portiere dalle automobili e utilizzarle come scudo contro i proiettili avversari, oppure è possibile afferrare i nemici e giustiziarli con diverse tipologie di finisher che restituiscono energia o munizioni. Poca roba di fronte all'apparente appiattimento di una componente narrativa che lo separava dalla massa, ma forse quel poco che basta ad allontanarlo dal "limbo COD" in cui sembrano essere caduti tutti i giochi in cui impugni una pistola in prima persona. Per il resto eventi scriptati a manetta e uno stile grafico più vicino al fumetto che però non convince mica tanto.
Tra l'altro nella demo è stata sapientemente riciclata l'ambientazione lungo la quale ci si muove per tutto il primo capitolo: la metropolitana di New York che per l'occasione si trasforma in un posto pieno zeppo di tizi vestiti tutti uguali che cercano di accoppare Estecado. Un po' di tristezza, sì.


Kingdom of Amalur invece inizia subito male: con un filmato di presentazione lungo e palloso. Da premettere che non avevo idea di cosa mi sarei trovato davanti, quindi alla creazione del personaggio sono rimasto un po' sorpreso. Ho optato per una specie di vichingo con i capelli e la barba rossi e tatuaggio sugli occhi. Ma sì.
Il gioco è un action RPG, verrebbe da dire alla Baldur's Gate Dark Alliance ma forse meno profondo. Più un Fable, ecco. Difatti le mosse che il nostro barboso protagonista tira fuori sembrano proprio prese di peso dal titolo del Molyneux.
Nei primi dieci minuti si passa in rassegna ogni cliché fantasy esistente, si esplora una caverna sotterranea, si provano tutte le armi a disposizione, ci si stupisce che il protagonista sappia usare anche la magia e si affrontano una serie di cavalieri in armatura nera, cattivissimi. Quindi arriva una specie di Troll, più coriaceo degli altri nemici. Praticamente l'inizio tipico di ogni gioco fantasy degli ultimi cento anni.


Dopodiché, usciti all'aria aperta, la demo ti informa che hai altri quarantacinque minuti di demo disponibili. Praticamente una mazzata sulle palle, perché in quel momento ti rendi conto che vicino hai il villaggio di turno, e ti toccherebbe parlare con tutti gli NPC per prendere le missioni, subirti i caricamenti di transizione tra l'hub e i singoli negozi, sorbirti tutte le lagne dei cittadini. Però Kindgom of coso ti dà una possibilità interessante che per la sua natura di demo funziona perfettamente: puoi disattivare la "sicura" e crepare di mazzate tutti. E così il mio personaggio barbuto di livello due ha raso al suolo il villaggio, uccidendo ogni abitante, guardia, animale. Al livello due.
La morale della favola è: Kingdom of quellochesei, è un gioco da comprare a una decina di euro, saltando tutti i dialoghi (sennò c'è da diventare matti con la quantità di stronzate che esce di bocca agli gnomi all'inizio), e asfaltando con ignoranza tutti i nemici che vi si fanno sotto.

7 commenti:

  1. Mouse_in_the_house18 gennaio 2012 21:51

    Ecco distrutte tutte le aspettative che avevo per due giochi potenzialmente molto interessanti (anche se Amalur sa un po' di boiata sin dal primo video rilasciato, ma vabbè)...mi sa che inizierò di nuovo Portal 2 XD

    RispondiElimina
  2. In realtà Darkness non è male. S'è semplicemente appiattito a livello di personalità, secondo me. Magari a te stra-piace! :)

    RispondiElimina
  3. peccato per The Darkness 2, speravo in qualcosa di più "maestoso" per farlo uscire dopo tutto quel tempo dal primo capitolo! Fatto sta che non mi dispiacerà comunque, amo gli FPS e con l'aggiunta di sana crudeltà non può che dare quel pizzico di goduria in più

    RispondiElimina
  4. Complimenti per il blog e per il podcast che seguo sempre.
    Ho provato entrambe le demo, ecco le mie conclusioni:
    1)Kingdom of Amalur sembra un fable ma meno divertente, appena uscito dalla caverna ho fatto la stessa cosa che hai fatto tu. Bella l'idea dei 45 minuti ma ho resistito solo 25 minuti prima di chiudere il gioco prematuramente a causa degli sbadigli divenuti frequentissimi.
    2)Da amante del primo The Darkness non posso che amare questo nuovo capitolo, la demo mi è piaciuta molto anche se come hai detto tu lo stile grafico non mi entusiasma e mi è sembrato mancasse qualcosa al gameplay. Comunque non vedo l'ora che esca per vedere se Jenny resusciterà o no (troppo triste il finale del precedente The Darkness).

    RispondiElimina
  5. Grazie mille Fabrizio :)

    Spero proprio che il resuscitamento carpiato di Jenny non venga estratto dal cilindro. Il dramma di Jackie funziona troppo bene per rovinarlo così!

    RispondiElimina
  6. The Darkness 2 è una tristezza infinita
    Kingdom of Amalur: Reckoning è una palla infinita

    RispondiElimina

Condividi!