martedì 6 marzo 2012

Bulletstorm, le trame stupide e l'orsetto di pezza mezzo scassato


Sai quei giochi che ti sei perso per strada e recuperi un pacco di mesi dopo a dodicieuroessessantacinque? A me è successo recentemente, con Bulletstorm e Deus Ex Human Revolution. Ora, il secondo lo inizierò a breve, ma la sua mole cicciotta lo tirerà per le lunghe, il primo, sgranocchiato nel giro di una settimana, è stato piacevolissimo, divertente, adrenalinico, forse un tantino zotico ma una di quelle cafonate che affronti col sorriso sulle labbra. Il gioco. Tutto quello che c'era costruito attorno, invece, era puzzolente, ed è il classico caso in cui: "è meglio niente". [...]


Bulletstorm, per chi non lo sapesse, è un FPS estremamente peculiare, partorito da quei simpaticoni a scatti della Epic. Quindi, sì: c'ha le texture che caricano quando si ricordano di esistere, c'ha i bestioni ipertrofici e un mucchio di parolacce gratuite. La forza di Bulletstorm però, a parte questi particolari che strizzano l'occhio al ben più noto Gears of War, sta tutta nel sistema di gioco.
Invece di piantare in faccia una pallottola al nemico, è preferibile sparargli nelle palle o far detonare un barile esplosivo, o pigliarlo a calci fino a spingerlo nelle fauci di una pianta carnivora. E questa cosa dei calci e delle scritte luminose con i punti, le tecniche dai nomi simpatici e tutto il carrozzone sgangherato di commentini, luci, esplosioni, proiettili altezza testicoli, funziona alla grande. È caciarone, è esaltante. È fico. Riesce nel compito ingrato di svecchiare la formula FPS che, negli ultimi anni, s'è incaponita pure lei a prendere di mira le nostre gonadi cercando di sfondarcele a testate. Costringe a pensare a modalità che esulano dal solito headshot, e introduce meccaniche diverse come il laccio e il calcione di prepotenza.


Ora, però, Bulletstorm ha un problema, piccolo piccolo vista la presenza esigua della storia all'interno dell'economia del gioco ma, fondamentalmente, è un gioco stupido per colpa di una trama stupida.
Ve lo ricordate Vanquish? Quando ne parlammo mesi fa, più o meno negli stessi toni? Ecco, Bulletstorm prende una premessa stupida e la sviluppa in un modo da facepalm senza pietà. La cosa più saggia è andarsene in giro, scivolando lungo i livelli, ascoltando passivamente l'irsuto protagonista che rutta parolacce ed ovvietà (offensive più o meno allo stesso modo), e prendersi pause per andare al bagno durante i filmati, in modo da non sentirsi in colpa per averli saltati, ma nemmeno sentirsi ubriachi di sciocchezze dopo averli visti. Fortunatamente, come dicevo nella premessa, le fasi narrative sono pochissime (e concentrate perlopiù all'inizio del gioco, dove quei dieci, quindici minuti di blocco narrativo sono clamorosamente noiosi) ma la loro inutilità è così spiccata da trasformarle in un piagnisteo continuo. Così tanto futili che nemmeno il finale cliffhanger, che dovrebbe farti rimanere con l'espressione accigliata e l'insoddisfazione perenne sul ditino del grilletto, fa effetto. Tanto, oh, abbiamo sparato per cinque ore. Basta e avanza.


Che poi, mentre giocavo, mentre facevo orecchie da mercante sulla torbida storia d'amicizia tra l'alcolizzato, il robot cinese e la pheega con due palle d'acciaio, ho pensato: ma perché inserire delle storie in questi giochi dove non servono? Ma non sarebbe più onesto darti in mano un fucile e dirti: "Senti, spara, venti colpi sono quattro euro e se becchi il centro ti regaliamo quell'orsetto di pezza mezzo scassato"?

8 commenti:

  1. Ovvio che chi si compra Bulletstorm della storia se ne frega altamente, giusto che l'hanno inserita in modo stupida e senza pretese! Almeno si sono concentrati su altro e via. Gioco soddisfacente comunque, divertente al punto giusto ma cade nel dimenticatoio ben presto

    RispondiElimina
  2. La trama di Bullestorm è grottesca al punto da farmi pensare che voglia essere una parodia del war-game medio ma temo di sbagliarmi. Fortunatamente a livello di gameplay è davvero valido, una delle tamarrate più divertenti degli ultimi anni.

    RispondiElimina
  3. Mouse_in_the_house6 marzo 2012 13:02

    si,la storia è stupida come un comodino ikea, ma vogliamo parlare del modo in cui è raccontata? delle cutscene ben fatte? del doppiaggio in italiano (uno dei migliori della storia a mio avviso)(dopo ff9 ndr)?
    sono cose che non vedi neanche nel miglior cod/assassincreed/ecc..e per questo 'trascende nell'iperuranio' e diventa una delle storie migliori mai raccontate in un vg (cosa che poteva succedere anche con rage,ma...è meglio se non parlo)

    RispondiElimina
  4. Maledetto, con il post e l'ultima (epica) immagine mi stai incuriosendo T__T
    Magari un giorno quando non avrò niente da recuperare gli darò un'occhiata :O

    RispondiElimina
  5. Io continuo a dire che la storia è sopravvalutata. Moltissimi giochi vivrebbero meglio senza.

    E comunque io aspetto i noveeuroenovantanove per comprare.

    RispondiElimina
  6. Deus EX è uno dei migliori giochi del 2011, che stai aspettando?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto dando priorità a Mass Effect 3, poi con calma gioco anche Deus Ex ;)

      Elimina
  7. Gran gioco. Tra l'altro mi hai anticipato, volevo parlarne giusto anche io, insieme a Hard Reset.
    Peccato per il multiplayer, con qualche idea in più ora sarebbero tutti su Bulletstorm invece che Call of Shit

    RispondiElimina

Condividi!