giovedì 26 aprile 2012

The Avengers - Vendicatori Uniti! Sììì!


Smaltita pre-visione, perché ero troppo carico di Hype. Modalità bambino di dieci anni che i genitori portano al cinema dopo che quest'ultimo gli ha sfondato le gonadi con richieste martellanti per mesi e mesi. Esaltazione incontenibile per tutto: il poster, i cartelloni, la fottutissima bibita con il pupazzetto "in regalo" a soli seieuroenovanta.
È stringendo in mano il mio Capitan America di plastica che sono entrato in sala, col cervello dubbioso ma il cuore con la palpita. Perché Avengers è la Terra Promessa di ogni grosso bambolotto cresciuto a fumetti Marvel, una di quelle robe troppo belle per essere vere e troppo vere per essere belle. Specialmente quando i film singoli degli eroi erano tutti dimenticabili. Succhio un po' di 7up dal bicchierone con Iron Man disegnato sopra e il film inizia. Terrore. [...]


La storia è semplice: Loki è un rosicone. In quanto tale vuole scatenare sulla Terra una guerra galattica che neanche lui saprebbe contenere. Per fare questo ha bisogno del Cubo Cosmico, in mano allo S.H.I.E.L.D. di Nick Fury. Quando riesce a impadronirsene, portandosi appresso pure un paio di amichetti soggiogati dai poteri illusori del Dio della menzogna, lì, allo S.H.I.E.L.D. stanno tutti con le mani nei capelli (tranne Fury, che non vede la pratica di buon occhio), e non sanno come fare. L'unica cosa che gli viene in mente è rispolverare il progetto Avengers: riunire gli eroi più potenti della Terra in un'unica squadra di lupetti e poi mandarli a corcare Loki. Tutto facile? No, perché quando piazzi insieme delle primedonne come Thor, Cap, Iron Man e Hulk c'è da perderci i capelli. Lo sa bene Nick.

Non ha riso.

Quello che tutti gli altri Cinecomic non fanno è restituire la stessa sensazione di quando si legge, per l'appunto, un comic. Non lo fa il primo, riuscitissimo, Iron Man, e nemmeno i Batman di Nolan. Prendono dal fumetto ma, secondo me, non riescono a uscire dalla struttura del film. Rimangono comunque risultati eccellenti, che si discostano dal mucchio formato dai vari Iron Man 2, Captain America e Thor, che condividono la struttura e infilano nel calderone pure la storia d'amore. Tanto per non farsi mancare niente. The Avengers, invece, è esaltante proprio per la sua capacità magnifica di buttarti là in mezzo, di farti alzare dalla poltrona per esultare quando gli eroi finalmente si riuniscono, di farti provare un brivido di piacere al primo scambio di battute tra Iron Man e Cap. Se ci si lascia trasportare dall'entusiasmo per la presenza di tanti grandi personaggi sullo schermo, se si torna un attimo bambini quando Thor smartella Mjolnir sullo scudo in vibranio del Capitano, allora, ve lo giuro, il film va come una casa in fiamme. È intrattenimento puro, pompatissimo, serrato, che dura due ore e venti e non le senti per niente, ti scivola addosso dandoti i brividi di piacere. Non ti insegnerà il senso della vita, né ti lascerà a ragionare dopo la visione ma, quando Hulk parte e comincia a macinare tutto quello che c'è sullo schermo, lì per lì, non te ne frega niente.

Solo di lei e della sua "abilità ben specifica"

C'è poi quella pratica sottile della battuta, del momento comico che qua, probabilmente grazie a Whedon che è uno che ne sa a pacconi, torna a essere brillante, mai invasivo, sempre assolutamente azzeccato. Nonostante qualcuno nelle recensioni abbia avuto da ridire sulla componente comica del film, piuttosto marcata in alcuni momenti, io dico: ben venga, se scritta in questo modo. D'altronde la forza di questo Avengers (o Vendicatori, che pure nel film sembrano un po' storditi dalla mancata traduzione) è quella di non prendersi mai troppo sul serio, di tenere ben presente di essere un film con gente in costume che sfonda mostri venuti dall'iperspazio a fianco di un gigante verde incazzoso. In totale contrapposizione al Batman di Nolan, che fa sembrare l'Uomo Pipistrello sempre fuori posto, agghindato come un ninja in una città dark e iperrealistica come Gotham, in Avengers il kitsch dei costumi (pure di quelli brutti, Cap, tranquillo) non è mai esageratamente fuori posto. E quando lo è ci fa una bella risata sopra, e si passa avanti.


Ci sarebbe da parlare della perfetta resa scenica di alcuni momenti particolarmente epici (giuro di essermi trattenuto, in almeno un paio di scene, dal saltare in piedi gridando di gioia), della parte finale del film che per quaranta minuti ti butta in faccia secchiate di entusiasmo aggratisse, dell'equilibrio miracoloso che s'è raggiunto nel concedere spazio a tutti i diversi eroi. Veramente, ci sarebbe da parlarne per pagine e pagine, di come Avengers è, a tutti gli effetti, il miglior film con i supereroi che il cinema abbia mai partorito. La cosa migliore, però, se siete dei Marvel fan, o anche solamente gente che vuole vedere un bel film d'azione, di quella azione godibile che rende Avengers un cult per il cinema di genere, allora uscite di corsa e andatevelo a vedere. Possibilmente non in 3D che, come al solito, serve solo per spillarvi quei quattro euro di più. Quelli spendeteli nella bibita col pupazzetto.
VENDICATORI UNITI!

3 commenti:

  1. Gran bel film devo dire la verità, ho visto un pò di fatica nel far decollare il film, ma quando è successo nessuno lo ha fermato *_* le battute comiche ci stavano tutte, insomma è pur sempre un film Marvel per un vasto pubblico e per il quale i bambini ci vanno matti, chi lo critica facesse meno l'egoista! Confermo le 2 ore e 20 volate senza risentirne minimamente, pensavo peggio invece sono rimasto stupito dalla qualità.

    RispondiElimina
  2. Il miglior film sui supereroi e secondo me uno dei migliori, se non il migliore, di questo 2012. Aspettato l'uomo pipistrello.
    The Avengers non lascia nulla al caso e non ti fa annoiare un solo minuto, nonostante duri un casino.
    Film epico da non farsi sfuggire per nulla al mondo, da andare a vedere assolutamente al cinema e se possibile accaparrarsi una bella copia in bluray :Q____

    ps: le battute su Fury sono geniali X°°D

    RispondiElimina
  3. Film pregevole, mi aspettavo decisamente di peggio. Un film di suore di menare e sparare di ufi. Fortunatamente si discosta dalla striscia negativa di tipo tutti sti filmacci Marvel (tranne giusto Iron Man), e si ritorna a quello che dovrebbero fare in un film di super eroi: fracassarsi di botte.
    Diverte, scorre bene, c'è qualche scena e scelta deprecabile ma ci si passa su.

    RispondiElimina

Condividi!