venerdì 6 aprile 2012

Bitch Slap - il quasi film quasi più bello della quasi storia


Ve lo ricordate quel film da educande finte perbeniste di Piranha 3D? Con tutti quei bluejeans, quelle chitarre e quelle pocce di fuori? Perfetto, facciamo un salto indietro di qualche mese e torniamo in quell'atmosfera. Bitch Slap è un po' figlio di quel filone che potremmo intensamente pensare circoscritto in una sezione: "film con tettone". Così tanto circoscritto che arrivato a venti minuti di visione non avevo alcuna intenzione di farne un post su Panino, più o meno perché il tutto sarebbe stato così: tette, tette, tette al rallentatore, tettone, tette bagnate, tette, e via così, per novanta minuti. In realtà poi... cioè è davvero così per novanta minuti, ma ho capito che dovevo farlo il post. Fosse altro per le presenze mitiche (!!!) che partecipano al film. E non mi riferisco alle tette. [...]


Il film si apre, a sorpresa, con una scena di tette al rallentatore mentre le tre ragazze protagoniste scendono dall'automobile che le ha portate in mezzo al deserto del nonsodove. Che è più o meno l'unica ambientazione del film, perché tutti i flashback sono girati col bluescreen. Le tre sembrano cercare qualcosa ma si fa seriamente fatica a seguirle, vestite a quel modo. I dialoghi sono opzionali.
Per riportare l'attenzione sulla trama, una delle tre -Camero, la più tett... la più pazza- apre il cofano dell'auto ed estrae uno Iolao in fin di vita. No, seriamente: Iolao, quello di Hercules. L'amichetto basso, panzone, riccioletto. Quello. Lui. Epico. È già il mio film preferito di sempre. Insomma, questa Camero gli sbatte le tette in faccia ma quello non parla, muto. E allora pure le altre due cominciano a chiedere, a toccare, a fare. Cose indicibili. C'è una parentesi raccapricciante durante la quale queste tre riescono a strappare l'informazione a Iolao e poi, sempre Camero, lo fredda seduta stante.
Nel frattempo una serie di flashback cretini, realizzati male che più male non si può, ci mostrano Trixie, tipo la più giovane e innocente (diciamo che è difficile che restituisca un'immagine di innocenza, ma in confronto alle altre due sembra Santa Maria Goretti), mentre si esibisce in un ballo appena appena esplicito nel tentativo di sedurre un ignaro Iolao.


Seguono una serie di scene in cui le tre scavano buche a colpi di tette. Sabbia ovunque. Parlano e nessuno le ascolta. Quindi arriva un poliziotto, chiaramente attratto dalle tette, e comincia a fare il carino con loro. Elle, che è un po' la capa, gli mostra le tette e quello, dopo aver visto tette ovunque, decide di lasciare perdere. Se ne va. Amareggiato. Senza tette. Overdose di tette.
C'è, in combo, un flashback in cui Trixie mostra le tette a Iolao, e poi una parentesi estremamente pregna e consistente, di loro tre che, così, di botto e senza motivo, cominciano a tirarsi contro secchiate d'acqua fredda. Davvero. C'è. Non me la sono inventata io, c'è davvero. Gioia imperitura. Tipo, probabilmente, in questo momento viene svelato che loro sono lì per cercare dei diamanti. Magari forse era dopo, comunque chi se ne frega, perché sono quattro minuti che 'ste tre continuano a bagnarsi a vicenda.


Subito dopo, la scena che mi ha costretto a infilare questo post su Panino: viene fuori che il capo di Elle (che poi si scoprirà essere una specie di Charlie's Angel) è quel cazzo di Kevin Sorbo. Hercules. Iolao ed Hercules nello stesso film. E questo è molto meglio delle tette bagnate di cui sopra! No, non lo penso davvero, ma andava comunque scritto per fare colore.
Comunque, le tre non riescono a trovare i diamanti: l'unico che sapeva dove fossero nascosti era Iolao, ma Camero l'ha ammazzato. Allora, Trixie, spossata e provata dalla situazione, si rifugia nel camper e cerca l'attenzione di Elle. Quest'ultima entra anche lei, e parte una lesbicata infinita. Ci saranno più o meno dieci, quindici minuti di 'ste due che si baciano, si danno pacche sul culo, si piazzano impunemente mani sulle zizze. Quindi, proprio nel momento sacro, quando finalmente si stanno togliendo tutto di dosso e il film ha raggiunto un punteggio di 100/100 su IMDB, Camero le sorprende e impazzisce di dolore. Perché pure lei avrebbe voluto lesbicare con loro. Esce fuori e pianta un casino incredibile. A Camero, io pure avrei voluto, ma non è che faccio tutte 'ste storie.


Nel frattempo la storia prende una piega strana (cioè: più strana!): Elle e Trixie trovano un fucile grande come una casa, nascosto nella roulotte. Elle fa un'analisi accurata delle potenzialità dell'arma. Trixie, ancora mezza nuda per la scena di prima, le chiede come faccia a sapere tutte quelle robe. Elle risponde che suo padre ha preso parte a operazioni militari negli anni ottanta. Trixie, scema come un marciapiede, ci crede. E pure io, eh. Che di domande su sto film non voglio proprio farmene. Annuisco con la faccetta  compiaciuta.
Nel frattempo arrivano sulla scena due cattivoni: una giapponesina vestita -ovviamente- da scolaretta, e un nazi punk post atomico. La giapponesina usa uno yo-yo affilato come arma. Questi due sono venuti a conoscenza chissà come dei diamanti, e decidono di sfruttare le tre ragazze per trovarli. Nel frattempo il post punk nazi si prende a cazzotti le palle, gridando: "Stai giù, stai giù". Per aiutarlo, la giapponese monta a cavalluccio su Trixie e comincia a cavalcarla.
Elle e Camero trovano un pannello dove inserire un codice d'accesso. Trixie, tornata in piedi, posizione a lei non congeniale, lo guarda e dice: "forse ci serve un codice". Io annuisco, sempre con la stessa faccetta, ché tutto quello che dicono queste è verissimo.


A salvarle ci pensa il poliziotto dell'inizio, che torna sulla scena ed è del gatto prima di subito. Fornisce però alle tre ragazze un pretesto per combattere, e grazie al megafucile di cui sopra, accompagnati da una musica megametallara, Elle spappola il cervello dei nemici.
Il poliziotto viene soccorso da Trixie, e lui le rivela essere un fan del suo culo. Come tutti noi. Però lui si becca una limonata gratuita.
Camero viene incatenata da Elle, e comincia a comportarsi come uno zombie. Io continuo ad annuire, praticamente in accordo con tutto quello che succede, però il film sta subendo un calo pesante: da parecchio tempo non si vedono tette al rallenty. Comincia ad arrancare.
Due minuti dopo, una bella scena di tette al rallenty. E la lira s'impenna.


Nella botola, una volta immesso il codice, Trixie ed Elle trovano quello che cercavano, plus una spada samurai, plus un vairus pazzesco che può decimare la popolazione mondiale. Così per buttarla in caciara ancora un po' visto che il film era chiarissimo.
Tornate in superficie, scoprono che Camero si è liberata. Inizia una scena di catfight, nella quale Elle e Camero si prendono a cazzotti sulle tette. Venti minuti di botte, capelli tirati, manate sul culo e quant'altro. Venti minuti davvero, non è che sto esagerando. Alla fine Camero scappa con l'auto, Elle le spara contro e la fa esplodere. Tette salta... tutto salta in aria.
Spiegone finale con Elle e Trixie: Elle le rivela essere una megaspia al soldo di Hercules, doveva recuperare il vairus e altre robe del genere. Non si capisce niente, ma a un certo punto Elle esegue la mossa più bella del secolo e io smetto di ascoltare.


Elle finisce la sua storia fatta di tradimenti, missioni scavezzacollo e.. bo, ma sticazzi. Trixie ed Elle si giurano amore eterno: ti amo, ti amo. Vi amo anche io. Camero spara a Trixie. Sì, perché l'esplosione dell'auto ha comportato soltanto delle tette nere di fuliggine.
Parte un'altra scazzottata di quindici minuti. Elle la prende a mozzichi sulla potta. Giuro. Poi dopo altri diecimila cazzotti sulle tette, Camero strozza Elle, che non può far altro che soccombere.
Proprio nel momento in cui Camero sta per violentare (sì, fate come me: annuite, sempre) Trixie, il poliziotto di cui sopra la fragga. Trixie è salva.
Flashback, sei mesi prima. Dei terroristi stavano vendendo il potentissimo vairus a Iolao, in cambio dei diamanti. Tutti cominciano a sparare, e per tutti intendo tutti: i poliziotti, i terroristi, Elle che capita sulla scena per caso, Hercules, Iolao, Zeus, Xena, un ninja samurai che si rivelerà essere Trixie. Non ha senso, è una nebbia, un nebbione. però sticazzi! Ci sono Hercules e Iolao insieme! Nello stesso film! E tette al rallentatore, donne che si picchiano e poi fanno all'amore! E megapistoloni! A che cazzo serve una storia con un senso!?



E allora sai cosa? Elle è viva! Trixie uccide il poliziotto così, a caso, con cattiveria senza motivo! Il delirio! Si scopre che Trixie voleva la spada, e che in realtà lei è un... non lo so, una specie di demone, una matta assetata di sangue. Non ha senso ma la cosa veramente grave è che in tutta questa scena finale non c'è nemmeno una tetta solitaria che ballonzola. Niente.
Trixie se ne va, con la spada. La delusione.
Partono i titoli di coda,  durante i quali delle stripper ballano.
Capolavoroh. E adesso contiamo quante volte ho scritto la parola "tette" in questo articolo.

9 commenti:

  1. ....cosa ancora piu grave madre di famiglia..... tirar fuori ste pocce e sbatterle al vento... signori mia questa e'pornoanarchia....

    RispondiElimina
  2. Non so perchè ma mi hai fatto venir voglia di vederlo.. (e non per le tette!) xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cioè, ma allora non te lo vedere proprio, che oltre a quelle... giusto per Hercules e Iolao.

      Elimina
    2. Sarà forse per Hercules e Iolao, oppure solo perchè ,da quello che ho capito, è il festival del No-Sense..

      Chiamo mio cugino dall' America va...

      Elimina
  3. Ho sentito dire che in questo film si vedono dei seni.

    RispondiElimina
  4. LOL film che deve essere visto

    P.S.
    io ho perso il conto a 20 "tette"

    RispondiElimina
  5. Io l'ho visto AL CINEMA.
    E la sala era VUOTA, solo io, la mia amica e il mio amico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È stata o no l'esperienza cinematografica della tua vita?

      Elimina

Condividi!