mercoledì 12 settembre 2012

Spartacus - Tette e Sabbia


Spartacus, tutti a dirmi di Spartacus. Amici esaltati, quasi talebani, per questo gladiatore che si ribella come nemmeno Russell Crowe quando non aveva la panza. Vediti la serie TV, mi dicevano. Te la devi vedere assolutamente. Pure con Tot anni di ritardo, veditela perché merita tanto.
C'è da dire che io la serie, la prima serie, l'ho vista e che ho sperato almeno che fosse abbastanza brutta da diventare la nuova Terranova per Panino (sto lavorando su Falling Skies, datemi tempo...) e invece niente. Perché Spartacus è una serie pezzente, puzzona e ricopiona, però è divertente da guardare. Perché le dodici puntate c'hanno un sacco di problemi ma alcuni personaggi funzionano e gli intrighi... intrigano. [...]


Diciamo pure che Spartacus non parte nel migliore dei modi: la prima puntata è talmente brutta che sembra un film dell'Asylum. Ma brutta e pezzente, talmente brutta e talmente cheap che l'ho guardata stralunato, pensando che fosse tutto un grande scherzone organizzato da quegli stessi amici che me l'avevano consigliata. In particolare c'erano due cose che proprio non riuscivo a digerire (e che poi permangono ma si fanno più accettabili): la derivazione insopportabile da 300, il film di Snyder, e questa idea meravigliosa di usare a sbafo gli effetti in digitale. Per qualsiasi puttanata gli venisse in mente: dal sangue (perché poi ho capito che quello non CGI l'hanno usato tutto per l'ultima puntata), alle ambientazioni. E non essendoci un budget alla 300 alle spalle il risultato era quello che era: un pianto. Ah e poi quei tagli... quei cazzo di stacchi di inquadrature con gli effetti di transizione pescati da Power Point, sembrava di vedere il primo telefilm in formato diapositiva.


Continuando nella visione, Spartacus migliora, o semplicemente ci si abitua al brutto di tante scelte stilistiche. Certo: loro, i gladiatori, sono sempre ultra bellissimi con gli addominali scolpiti e mai un segno che gli rovini il faccino; loro, le schiave, sono sempre ultra bellissime, probabilmente clienti fisse del visagista delle dive della Terra dei Cachi; loro, gli amici di cui sopra, mi avevano consigliato di vederlo perché pieno di tette ma a conti fatti mi sa che ho visto molti più cazzi, però le puntate sono scivolate via piacevolmente. Pure con quei stronzissimi rallenty, che se non c'erano quelli se la cavavano con sei puntate anziché dodici. Pure se ogni combattimento è una croce da guardare (e diventa un po' un problema in un telefilm di gladiatori, eh), con il sottofondo di una chitarra elettrica (ma perché?) e le urla dei gladiatori esasperate fino alla nausea. Per non parlare dei soliti quattro poveracci presi a fare il pubblico dell'arena: la tettona ubriaca, il ciccione su di giri, il fomentato ubriaco, che oltre a scalmanarsi e abbracciarsi a random non fanno che urlare: "Sììììì!" ogni quattro secondi. La qual cosa le rende le scene di botte nell'arena un alternarsi di: "Sììììì!" "Aaaaaah!" "Sììììì", che scritto così pare un porno.


A leggere sopra uno direbbe che non mi è piaciuto niente; non è così. Spartacus è una storia che, per quanto classica e vista e rivista, in questa nuova incarnazione da serie TV ti acchiappa, ti sbatte in un universo in cui viene fatto un uso smodato del rallenty , ma in fin dei conti ti intrattiene raccontandoti robetta violenta. La parte che funziona maggiormente sono gli intrighi tra i vari personaggi, l'ambizione di Batiato, le pocce di Lucy Lawless e la faccia da migno' di quell'altra bionda. Anche Spartacus funziona bene, il buon vecchio Andy Whitfield, pace all'anima sua, con quella faccia sempre sofferente è particolarmente tagliato per il ruolo, così come Crisso, la nemesi che poi tanto in fondo al cuore è un bonaccione.
Insomma: per me una serie non particolarmente bella ma nemmeno particolarmente brutta. Intrattiene, lo fa in modo estremamente casereccio e spesso pure trash (Teocoles, o come cazzo si scrive, che cagata) ma almeno non è noiosa. Di certo non ti fa alzare dal divano per urlare: Sìììììì!

7 commenti:

  1. Ammetto che la prima puntata aveva degli effetti da asylum, ma poi si sono ripresi alla grande togliendo quelle inquadrature quasi da primo piano sulle ferite che provocavano (e dove si vedeva tutto il difetto). Infatti già dalla seconda serie (molto più violenta tra l'altro) gli effetti sono migliorati tantissimo, quasi che non si nota la differenza! Comunque sia una serie che mi è piaciuta e mi sta piacendo tantissimo, avvincente e che fomenta al punto giusto, non annoia un secondo, e dico uno, di ogni minima puntata! Peccato per la morte di Andy che per il ruolo di Spartacus era perfetto :( e pessima scelta, imho, di sostituirlo totalmente con un altro attore che c'azzecca pure poco, ci avrei visto molto meglio il protagonista di Avatar ad esempio. Promossa e consigliata a tutti, soprattutto agli amanti di sangue, tette, culi, e adrenalina!

    RispondiElimina
  2. Io però spero sempre in un nuovo Terranova, la mia vita non è più la stessa da quando non vedo più quel cazzone del figlio di Jim che rifiuta la patata bionda che gliela lancia in faccia! E poi oh, minchia, le Badlands!

    RispondiElimina
  3. Terranova sempre nei nostri cuori (tra l'altro è la ragione per cui sono arrivato su Panino).
    Comunque, per quanto riguarda Falling Skies, di certo non è la nuova Terranova: in questa seconda stagione ho visto molto potenziale, sinceramente. Il finale cliffhanger a cazzo di cane se lo potevano risparmiare, certo, però ho notato che la trama sta progredendo bene. Tra l'altro, mi è piaciuta la scelta di dedicarsi di più alle tensioni e alle relazioni tra i personaggi che alle scene di combattimento (che comunque non mancano). Le ultime due puntate sono andate calando, ma le altre meritano secondo me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh no! Devo iniziare a vedere la prima serie, ma vado chiaramente cercando un nuovo Terranova. Vi faccio sapere.

      Elimina
    2. La prima serie è un po' meno carina rispetto alla seconda, però non è niente male. Se trovo qualche serie Asylum style ti faccio sapere. xD

      Elimina
  4. "tette al rallenty" miglior tag di sempre!

    RispondiElimina
  5. Da chiaro fanboy di Spartacus posso dire che la serie a me è piaciuta tantissimo, o meglio solo la prima.
    Sarà la cazzutaggine, il tema che affronta, l'epoca in cui è ambientato, gli intrighi intorno ai personaggi, ecc..
    Spartacus mi lasciava sempre quella voglia di vedere la puntata successiva, ha molti colpi di scena ed alcuni momenti memorabili.
    Peccato che molte volte cada nella banalità e nel troppo trash, secondo me unico punto debole della serie.
    A questo punto se la prima stagione non ti è piaciuta così tanto non sprecarti a vedere neanche le seguenti, sarà l'assenza del "vero" Spartacus ma secondo me è peggiorata tantissimo.

    ps: mi trovo d'accordo con tutti nel definire Falling Skies il nuovo Terranova. Solo la prima serie però, perchè nella seconda cambia totalmente registro, in meglio per fortuna o_o

    RispondiElimina

Condividi!