domenica 15 giugno 2014

La critica ai tempi del colera - le menti più illuminate al servizio degli Store online (Episodio 3)


Settimana un po' lunga e impegnata, quindi non ci siamo sentiti poi molto. Torna però a grande richiesta La critica ai tempi del colera, sempre più impestata di buon gusto e opinioni chiare e ragionate. Per tutti quelli che leggono per la prima volta questa rubrica: si tratta di recensioni degli utenti che potete trovare davvero sul Google Store di Android. Sì, esiste gente così. Avete voluto la democrazia digitale, e ve la beccate fortissima in petto come un treno di Italo.

Ma bando alle ciance (che tanto questa introduzione non la legge mai nessuno) e andiamo a conoscere i concorrenti di oggi e il -luttuoso- caso della puntata.

Via col riscaldamento che poi il caso da analizzare è un po' lungo.


Puristi della lingua nostrana. Che non solo si limitano a stroncare il gioco come in questa situazione ma...


Cercano di sollevare sommosse popolari.


E quando ti cervelli è così. Meraviglioso.


Un genio, non si capisce né il senso della recensione (visto che ancora deve scaricare il baraccone) né il "io sono bello" iniziale. Un grande.


Speriamo che ci piaccia a tutti.

E adesso quello che ha rischiato di diventare il caso della settimana. Un gioco di violenza e droga, puttane e arti mozzati. Dice: finalmente un gioco maturo, adulto e schizzato. Sì. Dov'è il mio Topolino.



Chiudiamo, prima del caso, con un amico che ha qualche problema e sia mai che qualcuno di voi riesca a risolverglielo


Salutiamo i maghi e auguriamo loro buona fortuna.

Come molti di voi sapranno, sono un appassionato di cinema. Come ogni buon appassionato di cinema guardo tutto, stronzate o meno. Capita che però ci sono un paio di saghe che proprio non sopporto: i Transformers, Fast & Furious, ma ogni tanto, ahimé, vengo trascinato al cinema a vedere pure quelle. Risultati pietosi, con me che sbatto i piedi a terra tipo bambino di sei anni, però ci vado.
Ora il mio occhietto vigile capita sulla possibilità di affittare dal Playstore i film e, in particolare, proprio l'ultimo capitolo della saga di Fast e Furious. Conoscendo i recenti trascorsi e spinto da curiosità sono andato a sbirciare nei commenti.

Tra l'altro notare il prezzo criminale:


Comunque, per i non appassionati un piccolo riassunto che di certo vi chiarirà le idee:


tutto chiaro adesso?


Pare proprio di no.
Qualche altra informazione random, per aiutare la fruizione di un prodotto cinematografico tanto impegnativo.


Eh, hai visto. Sembra un film.


Perfetto, ora che avete una visione più completa dell'intreccio, potreste anche comprare il film e gustarvelo come se aveste visto gli altri cinque.
Certo il prezzo è un po' alto, potreste fare come i nostri amici qui:


Chiamando in causa gli stipendi altissimi dell'artista\attore e l'ingiustizia sociale di un tale dislivello economico. Oppure aspettare una festività, come dice il nostro amico:


E attendere una festività che non esiste. Come la Pascua.
In realtà il motivo per cui sono andato a sbirciare i commenti di F&F6 è uno solo. Non mi sento nemmeno una brutta persona per questo, ma è fin troppo chiaro.


Eh sì, come ci spiega il nostro amico, facendo un giro di parole per farcela arrivare nel modo più soft possibile, uno degli attori è deceduto in un incidente automobilistico. Guarda un po' il caso.
Si potrebbe dire che:


Sì, adesso mi sento una brutta persona. Comunque, il carrozzone del lutto si porta dietro delle perle notevoli.


Eh, pensa come c'è restato Paul Walker, invece.


Mucca e Poll.


Lo rivoglio qua.


Amen. In un italiano perfetto al millimetro.


Il Signor Worker si starà grattando fortissimamente lo scroto.


Anche con l'inglese andiamo fortissimi. Giusto col Tank, guarda.
Ma attenzione, colpo di scena, tutti questi fan che si disperano quando non sanno che:


Paul sarà presente in Fast & Furious 7. Tipo Obi Wan su Star Wars.
Comunque, per concludere il tutto, io ringrazio i nostri amici del Playstore, mando un bacetto a Paul Walker che, nonostante il dispiacere per un ragazzone che se ne va, rimane il torso di broccolo che era nei film, e vi saluto con l'ultimo appello strappalacrime.


Ecco, Paul, forse è meglio di no.

5 commenti:

  1. Il commento su Paul Walker mette una certa tristezza.

    Ma se penso al resto del sesto film.... mi sbudello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quale dei tanti ti intristisce? Cioè, io ci provo pure, però a me fanno tutti ridere.

      Elimina
  2. ahahahahah insegna alla gente come si guida ahahahahahahahaahhaahah

    RispondiElimina
  3. Facciamo che ti corrispondiamo un compenso mensile e tu lasci il lavoro?
    "Ecco, Paul, forse è meglio di no".
    Leader.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe bellissimo visto che non avrei nessun lavoro da lasciare!

      Elimina

Condividi!